HomeSaluteVaccini Covid 19: nell'adenovirus il rischio raro di coaguli

Vaccini Covid 19: nell’adenovirus il rischio raro di coaguli

(Vaccini COVID 19: Immagine Credit Public Domain).

Un team di scienziati tedeschi ritiene di aver capito perché alcune persone a cui sono stati somministrativaccini AstraZeneca e Johnson & Johnson contro Covid-19 sviluppano coaguli di sangue e affermano di poter dire ai produttori come migliorare il vaccino per evitare questo rischio. 

“La chiave è nell’adenovirus, il comune virus del raffreddore che viene utilizzato per fornire la proteina spike del coronavirus al corpo”, affermano Rolf Marschalek, Professore alla Goethe University di Francoforte e colleghi. Al momento questa affermazione resta un’ipotesi che deve essere sottoposta a peer review. I coaguli di sangue sono rari, ma preoccupanti nel gruppo di età più giovane che è più a rischio di coagulazione e ha meno probabilità di contrarre una grave malattia Covid. Il Regno Unito offre ora a chiunque abbia meno di 40 anni una scelta di vaccini, se disponibili. Ci sono stati 309 casi nel Regno Unito su 33 milioni di persone a cui è stato somministrato il vaccino AstraZeneca.

- Advertisement -

Gli scienziati, in una pre-stampa che non è stata ancora sottoposta a peer review, affermano di ritenere che il problema risieda nell’ingresso dell’adenovirus nel nucleo della cellula piuttosto che nel solo fluido cellulare, dove il virus normalmente produce proteine. “Il ciclo di vita dell’adenovirus include l’infezione delle cellule … l’ingresso del DNA adenovirale nel nucleo e successivamente la trascrizione genica da parte del meccanismo di trascrizione dell’ospite”, scrivono. “E proprio qui sta il problema: il pezzo virale di DNA … non è ottimizzato per essere trascritto all’interno del nucleo”. All’interno del nucleo cellulare, parti della proteina spike si uniscono o si dividono. Questi diventano pezzi di proteine ​​mutanti che galleggiano nel corpo e molto raramente possono innescare coaguli di sangue“, ritengono gli scienziati.

Vedi anche:Leptina collegata alla risposta al vaccino

Il Professor Marschalek dice che i vaccini possono essere riprogettati per evitare il problema. J&J è già in contatto con lui, ha detto al Financial Times. “L’azienda sta cercando di ottimizzare il suo vaccino ora”, ha riferito Marschalek al giornale. “Con i dati che abbiamo nelle nostre mani possiamo dire alle aziende come mutare queste sequenze, codificando per la proteina spike in un modo che prevenga reazioni di splicing indesiderate. Tuttavia, non abbiamo ancora parlato con AstraZeneca. L’azienda non è in contatto con noi, ma se lo fa possiamo dirle cosa fare per un vaccino migliore”.

Tuttavia, altri scienziati hanno altre teorie e la spiegazione di Marschalek degli eventi avversi è ancora un’ipotesi, che deve ancora essere esaminata da altri esperti.

- Advertisement -

Fonte: The Guardian

ULTIMI ARTICOLI

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...

Singhiozzo: pronta una strategia per intervenire

(Singhiozzo-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università del Texas Health Science Center di San Antonio (UT Health San Antonio) e colleghi di tutto il mondo...