HomeSaluteSistema ImmunitarioLeptina collegata alla risposta al vaccino

Leptina collegata alla risposta al vaccino

(Leptina-Immagine Credit Public Domain).

Livelli ridotti di un ormone metabolico noto come leptina sono collegati a scarse risposte anticorpali al vaccino nella popolazione generale, secondo uno studio dell’Università del Queensland. I ricercatori hanno fatto la scoperta mentre studiavano le risposte di diverse coorti al vaccino antinfluenzale o al vaccino contro l’ epatite B pre-COVID.

Il Professor Di Yu di UQ ha identificato un collegamento tra il sistema metabolico e quello immunitario che potrebbe essere utilizzato per sviluppare nuove strategie per migliorare la protezione dei vaccini nelle popolazioni vulnerabili.

- Advertisement -

“Utilizzando più tecniche avanzate in immunologia, genetica e biochimica, il nostro studio ha scoperto che la leptina promuove direttamente lo sviluppo e la funzione delle cellule che sono vitali per innescare una risposta anticorpale“, ha detto il Professor Yu. “In collaborazione con team internazionali, abbiamo identificato che la riduzione di un ormone metabolico essenziale chiamato leptina era associata a risposte vaccinali compromesse in individui sia giovani che anziani. Di conseguenza, ora possiamo identificare coloro che sono a rischio di non generare una risposta anticorpale dopo la vaccinazione”. La leptina è un ormone metabolico in gran parte prodotto dal tessuto adiposo. “I vaccini sono noti da molto tempo per avere un’efficacia diversa negli individui”, ha aggiunto il ricercatore. “Sebbene la nostra genetica contribuisca parzialmente alla differenza, anche altri fattori sono essenziali. Quando siamo in forma e sani, abbiamo un’efficacia del vaccino molto migliore. Se siamo sani, abbiamo un buon metabolismo e un livello normale di leptina, ma se siamo malnutriti o abbiamo alcune condizioni patologiche, potremmo avere un basso livello di leptina, che limita la nostra risposta al vaccino e la protezione immunitaria“. Il Professor Yu ha riferito che molte persone con obesità e alti livelli di leptina, al contrario, spesso hanno avuto resistenza alla leptina che potrebbe potenzialmente portare a una risposta vaccinale più scarsa, un’area che dovrebbe essere attentamente studiata in futuro.

I ricercatori sono desiderosi di testare le risposte ai vaccini COVID-19 per determinare biomarcatori che potrebbero identificare quelle persone a rischio di non generare una forte risposta al vaccino. “Durante l’era della pandemia COVID-19, il successo della vaccinazione per SARS-CoV-2 è la principale speranza per riportare la società alla normalità”, ha detto Yu. “Le diverse risposte ai vaccini causano un grave collo di bottiglia nei programmi di vaccinazione su larga scala”.

La ricerca è pubblicata su Nature Communications.

Fonte: Nature Communications

- Advertisement -
- Advertisement -

ULTIMI ARTICOLI

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...

Singhiozzo: pronta una strategia per intervenire

(Singhiozzo-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università del Texas Health Science Center di San Antonio (UT Health San Antonio) e colleghi di tutto il mondo...