Uso a lungo termine di antiacidi per lo stomaco, legato a carenza di vitamina B12

antiaci,vitamina B12

Gli antiacidi sono comunemente usati per neutralizzare l’acido nello stomaco e sono utilizzati da molti individui che soffrono di reflusso acido. Un nuovo studio suggerisce che l’uso costante di questi farmaci per 2 o più anni, è legato ad una carenza di vitamina B12 e può avere effetti negativi sul sistema nervoso.

La ricerca, pubblicata sulla rivista JAMA, è tra le prime a mostrare l’associazioni tra esposizione a lungo termine agli antiacidi e carenza di vitamina B12, in un ampio studio basato sulla popolazione.

Gli antiacidi, inclusi gli inibitori della pompa protonica (PPI) e istamina 2 antagonisti del recettore (H2RAs), sono alcuni dei farmaci più comunemente utilizzati nel trattamento del reflusso acido.

Tuttavia, poiché sopprimono la creazione di acido gastrico, i ricercatori affermano che gli antiacidi possono portare a malassorbimento di vitamina B12. Questa vitamina aiuta a mantenere il sistema nervoso, costituito da cervello, nervi e midollo spinale, sano.

“La carenza di vitamina B12 è relativamente comune”, dicono i ricercatori, “soprattutto tra gli adulti più anziani, ma ha potenzialmente gravi complicazioni mediche, se non diagnosticata.”

Continuano:

“Non trattata, la carenza di vitamina B12 può portare a demenza , danni neurologici, anemia e altre complicazioni, che possono essere irreversibili “.

Per condurre il loro studio, i ricercatori, guidati da Jameson R. Lam di Kaiser in California, hanno esaminato il legame tra l’uso di antiacidi e di carenza di vitamina B12 nella popolazione di pazienti del Northern California.

Lo studio ha trovato un legame tra l’uso di 2 anni di antiacidi o più e una carenza di vitamina B12.

Sono stati esaminati 25.956 pazienti affetti da carenza di vitamina B12 e 184.199 pazienti di controllo, senza deficit.

I ricercatori  hanno scoperto che tra i pazienti che sono stati recentemente diagnosticati con una carenza di vitamina B12, il 12% era stato trattato da 2 anni o più  con farmaci  PPI, contro il 7,2% dei pazienti che sono stati esposti a PPI nel gruppo di controllo.

Allo stesso modo, il 4,2% dei pazienti vitamina B12 carenti, è stato trattato per 2 anni o più con H2RAs, contro il 3,2% del gruppo di controllo.

I ricercatori hanno scoperto che il trattamento per 2 o più anni con  uno di questi farmaci è associato con un maggior rischio di diventare vitamina B12 carenti. 

Inoltre, l’entità della associazione era più forte nelle donne e nei gruppi di età più giovani e i ricercatori  aggiungono e sottolineano che l’associazione è diminuita dopo che i pazienti hanno smesso di usare gli antiacidi.

Gli autori concludono:

“Questi risultati raccomandano che i medici dovrebbero esercitare una vigilanza adeguata nel prescrivere questi farmaci e utilizzare la minima dose efficace possibile”.

 

Fonte jama.2013.280490, pubblicato online l’11 dicembre 2013 Astratto .

 


Altri articoli su antiaci, vitamina B12