Uova e colesterolo tornano sotto i riflettori nel nuovo studio JAMA

Immagine: Public Domain.

“Nulla di nuovo”, potresti pensare se ti sei imbattuto nello studio di Zhong e colleghi, pubblicato nel numero del 15 marzo di JAMA. La loro domanda: le uova o il colesterolo degli alimenti sono associati ad un aumentato rischio di malattie cardiovascolari (CVD) o decessi per qualsiasi causa? Lo studio è un’analisi aggregata di dati provenienti da sei studi prospettici che hanno seguito 29.615 uomini e donne negli Stati Uniti per un massimo di 31 anni.

Le scoperte:

Per ogni ulteriore 300 mg di colesterolo alimentare consumato al giorno, il rischio di CVD e mortalità per tutte le cause era maggiore del 17% e del 18%, rispettivamente. Queste associazioni sono diventate insignificanti dopo l’adeguamento per il consumo di uova e carne rossa. Nella popolazione degli Stati Uniti, le uova e le carni contribuiscono rispettivamente al 25% e al 42% del colesterolo totale nella dieta. Per ogni metà aggiuntiva di un uovo consumato quotidianamente, il rischio di CVD e mortalità per tutte le cause era maggiore del 6% e dell’8%, rispettivamente. Quando gli autori hanno osservato più da vicino, l’assunzione di colesterolo nella dieta era più fortemente associata al rischio di ictus rispetto alle malattie cardiache ed era associata a decessi sia CVD che non CVD.

Vedi anche: Il colesterolo ha un ruolo centrale nella mortalità legata a COVID-19

Questo studio include un campione relativamente ampio e una lunga durata del follow-up. Tuttavia, una grande limitazione è l’uso di una singola misura di dieta per esaminare i risultati fino a 30 anni dopo. Durante questo periodo, alcune persone potrebbero aver cambiato la propria dieta dopo aver sviluppato colesterolo alto o altre condizioni, che possono influenzare i risultati dello studio. Questi risultati dovrebbero essere interpretati nel contesto di numerosi studi precedenti, che hanno dimostrato che l’assunzione di uova da bassa a moderata non è associata a un rischio più elevato di CVD in persone generalmente sane.

“Queste nuove scoperte potrebbero riaccendere il dibattito sul ruolo del colesterolo alimentare e del consumo di uova nelle malattie cardiovascolari, ma non cambierebbero le linee guida generali sull’alimentazione sana che enfatizzano l’aumento del consumo di frutta, verdura, cereali integrali, noci e legumi e la riduzione del consumo di carne rossa e trasformata e zucchero “, ha dichiarato il Dr. Frank Hu, Presidente del Dipartimento di Nutrizione della Harvard Chan School of Public Health, che non è stato coinvolto nello studio. “Per coloro che sono generalmente sani, l’assunzione di uova da bassa a moderata può essere inclusa come parte di un modello alimentare sano, ma non sono essenziali. Ad esempio, esiste una gamma di altri cibi che si possono scegliere per una varietà di colazioni salutari, come toast integrali, noci, frutta fresca e yogurt bianco”.

Fonte: Harvard Nutrition