Uno studio stima la trasmissibilità di SARS-CoV-2 in una famiglia tipica

Immagine: nuovo Coronavirus SARS-CoV-2. Credit: NIAID

Il nuovo coronavirus SARS-CoV-2 si sta diffondendo da oltre quattro mesi, con casi globali che hanno raggiunto 2,15 milioni e oltre 144.000 morti. Definita la sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2), provoca una malattia respiratoria simile a quella responsabile della SARS e del raffreddore comune. SARS-CoV-2 si diffonde attraverso le goccioline rilasciate dall’infetto tossendo e starnutendo. Sebbene la maggior parte delle persone guarisca senza assistenza medica, gli anziani, insieme a coloro che soffrono di malattie cardiovascolari o respiratorie preesistenti, sono a rischio di gravi lesioni polmonari o addirittura di morte.

Un team di scienziati ha recentemente condotto uno studio sulla trasmissibilità del virus nelle famiglie. In poche parole, i ricercatori stanno cercando di prevedere come si diffonde il virus in una famiglia tipica: se una persona si ammala, quante altre si ammalano? Quanto è grave questo contagio? Quanto tempo impiegherebbe la famiglia a riprendersi? Queste sono le domande pratiche a cui questo studio cerca di rispondere. Utilizzando un elenco completo di contatti tracciati nella provincia cinese di Guangzhou, i ricercatori hanno stimato due cose: il numero riproduttivo effettivo e il tasso di attacco secondario in una famiglia tipica.

La ricerca è stata pubblicata su MedRxiv e non è ancora stata sottoposta a revisione paritaria.

L’effettivo numero riproduttivo è uno dei concetti di base dell’epidemiologia delle malattie infettive. L’epidemiologia si riferisce allo studio delle malattie, della loro incidenza e distribuzione e possibilmente di come possono essere controllate. Il numero riproduttivo effettivo per un gruppo specifico di persone (in questo caso, una famiglia media) è il numero di persone che si ammalerebbero se una persona nel gruppo fosse infettata. Questo è uno dei fattori più importanti nella modellazione della diffusione del virus.

Il tasso di attacco secondario è un’idea simile: è il prossimo anello della catena, che può dirci come si diffonde il virus in una famiglia. Il tasso di attacco secondario, o SAR, si ottiene trovando il numero di nuovi casi nella popolazione e dividendo per il numero totale di persone a rischio: in altre parole, è il rapporto tra il numero di persone che contraggono effettivamente il virus, fuori della popolazione a rischio.

In che modo l’età influisce sulla trasmissibilità?

Lo studio ha anche stimato l’effetto dell’età sulla trasmissibilità. A questo punto, è risaputo che gli anziani sono maggiormente a rischio di SARS-CoV-2. Ciò potrebbe essere dovuto a molteplici fattori. Per prima cosa, le persone anziane sperimentano spesso un indebolimento del sistema immunitario che li rende più suscettibili a virus e infezioni. Non è tutto, però: un sistema immunitario maturo, come riscontrato nelle persone anziane, ha maggiori probabilità di reagire violentemente alle infezioni, dando origine a un fenomeno chiamato tempesta di citochine: quando il sistema immunitario reagisce in modo eccessivo, inondando il corpo di sostanze chimiche difensive. Le tempeste di citochine possono portare al fallimento di organi. Ancora una volta, le persone anziane hanno maggiori probabilità di avere una o più condizioni mediche già esistenti che li mettono già a maggior rischio di malattia e morte. La combinazione di questi fattori comporta un maggior rischio di malattia grave o fatale nella popolazione anziana a causa di COVID-19.

Come cambia l’infettività nel periodo di incubazione?

Un altro fattore su cui questo studio ha lavorato per stimare gli effetti è stata l’infettività del virus durante il suo periodo di incubazione. A differenza del virus Ebola, che manifesta sintomi entro un periodo relativamente breve dopo le infezioni, SARS-CoV-2 può rimanere “dormiente” in un paziente per un massimo di due settimane. Durante questo periodo, il paziente mostrerà pochi o nessun sintomo, ma può comunque trasmettere il virus ad altri. L‘infettività di un patogeno è la sua capacità di entrare in un individuo e causare malattie. Questo studio stima l’infettività del coronavirus durante il suo periodo di incubazione.

Vedi anche: COVID 19 e influenza: perchè i diabetici hanno sintomi più gravi ed esiti peggiori

Qual è stato l’obiettivo dello studio?

L’attuale studio si è concentrato sulla stima del rischio di trasmissibilità in modo quantitativo. Il team ha rintracciato 195 cluster con 212 casi primari, 137 casi non primari (casi infettati da casi primari) e 1938 contatti stretti sfuggiti all’infezione.
I risultati dello studio hanno mostrato che una stima accurata del tasso di attacco secondario della famiglia era del 13,8%: in altre parole, circa il 14% delle persone a rischio in una famiglia ha contratto il virus. Questa stima è valida solo se i contatti familiari comprendono tutti i parenti stretti.
Limitare l’insieme dei contatti familiari solo a quelli con lo stesso indirizzo residenziale dell’individuo primario infetto significa che SAR raggiunge il 19,3%. Ciò presuppone un periodo di incubazione medio di quattro giorni e un periodo infettivo massimo (il periodo entro il quale un individuo infetto può trasmettere il virus ad altri) di 13 giorni. Le probabilità di infezione negli anziani (soggetti di età superiore ai 60 anni) erano 3,85 volte maggiori rispetto a quelle delle persone di età inferiore ai 20 anni. Non vi era alcuna differenza nel rischio di infezione tra i sessi e il coronavirus è risultato essere infettivo nel suo periodo di incubazione come dopo che si erano manifestati i sintomi.
Riassumendo
Lo studio ha rilevato che in media un caso SARS-CoV-2 infetta il 48% dei contatti stretti. Senza isolamento, questo numero aumenta al 62%. Il numero riproduttivo effettivo dal loro set di dati a Guangzhou è diminuito da sopra 1 a sotto 0,5 in circa una settimana. Il team ha concluso che il coronavirus è più trasmissibile nelle famiglie rispetto a SARS-CoV e MERS-CoV e che le persone sopra i sessanta sono maggiormente a rischio. Ciò conferma la necessità per le popolazioni ad alto rischio come gli anziani di praticare l’autoisolamento per ridurre al minimo il rischio di contagio.