Nuovo test che utilizza CRISPR per COVID-19 potrebbe dare risultati in 45 minuti

0
12

Immagine: CCO Public Domain

I ricercatori affermano di aver sviluppato un test tampone a basso costo in grado di diagnosticare le infezioni da COVID-19 in circa 45 minuti.

“Il test basato su CRISPR, che utilizza la tecnologia di target genico e non richiede attrezzature specializzate, potrebbe aiutare ad alleviare i test arretrati negli Stati Uniti mentre COVID-19 continua a diffondersi”, hanno detto gli scienziati.

La Food and Drug Administration degli Stati Uniti non ha approvato il test, ma sono state condotte valutazioni cliniche nel tentativo di accelerare l’approvazione. Il test è descritto in un articolo pubblicato il 16 aprile sulla rivista Nature Biotechnology.

L’introduzione e la disponibilità della tecnologia CRISPR accelererà lo spiegamento della prossima generazione di test per diagnosticare l’infezione da COVID-19“, ha dichiarato il Dottor Charles Chiu, Prof. di medicina e co-responsabile dello sviluppo in un comunicato stampa dell’Università della California, San Francisco.

Il nuovo test, chiamato SARS-CoV-2 DETECTR, è tra i primi a utilizzare la tecnologia di target genico CRISPR per verificare la presenza del nuovo coronavirus.

CRISPR può essere modificato per indirizzare qualsiasi sequenza genetica, quindi gli sviluppatori del test lo hanno “programmato” su due sequenze nel genoma di SARS-CoV-2, che causa COVID-19. Una sequenza è comune a tutti i coronavirus simili al SARS, mentre l’altra è unica per SARS-CoV-2. “Il controllo di entrambe le sequenze assicura che il nuovo test sia in grado di distinguere tra SARS-CoV-2 e virus strettamente correlati“, ha spiegato Chiu.

Vedi anche: COVID 19 e influenza: perchè i diabetici hanno sintomi più gravi ed esiti peggiori

Come altri test, questo è in grado di rilevare il coronavirus nei campioni di tamponi respiratori dei pazienti. Fornisce risultati in circa 45 minuti, rispetto a circa quattro ore per test ampiamente utilizzati basati su tecniche di reazione a catena della polimerasi (PCR). I ricercatori hanno affermato che un altro vantaggio del nuovo test è che può essere eseguito praticamente in qualsiasi laboratorio, utilizzando agenti chimici standardizzati e attrezzature comuni. I test basati sulla PCR richiedono attrezzature specializzate, limitandoli a laboratori diagnostici ben attrezzati. Il nuovo test è anche facile da interpretare. Proprio come un test di gravidanza acquistato in negozio, le strisce scure compaiono sulle strisce reattive per indicare la presenza di geni coronavirus. Anche se il nuovo test è leggermente meno sensibile rispetto ai test basati sulla PCR, i ricercatori hanno affermato che è improbabile che questo abbia un grande impatto nella diagnosi perché i pazienti infetti in genere hanno alte cariche virali.

Mentre lavorano per convalidare il nuovo test per l’approvazione della FDA, i ricercatori stanno apportando modifiche al test  in modo che possa essere utilizzato sul campo, in luoghi come aeroporti, scuole e piccole cliniche.

Fonte: Nature