Uno studio britannico mostra incognite sulla diffusione di COVID-19

0
6

Gli autori di ricerche che hanno attirato l’attenzione su quante persone in Gran Bretagna potrebbero già essere state infettate da COVID-19 hanno insistito mercoledì, sulla necessità di test anticorpali diffusi per contenere la pandemia.

I ricercatori dell’Università di Oxford hanno utilizzato la modellistica matematica per esaminare i possibili tassi di infezione coerenti con il numero di casi confermati di COVID-19 e decessi in Gran Bretagna: oltre 8.000 e 422 a partire da mercoledì mattina, rispettivamente. Usando diverse ipotetiche velocità di trasmissione, i modelli hanno mostrato un’enorme variazione nel possibile numero di persone che hanno contratto il virus mortale in Gran Bretagna e in Italia, ma non hanno mostrato sintomi gravi e quindi non sarebbero candidati per il test.
Un possibile risultato, secondo i modelli, è che dal 19 marzo 2020 il 68 percento della popolazione britannica avrebbe già potuto aver contratto il coronavirus. Tale risultato ha portato a titoli che suggeriscono che la ricerca, che non è ancora stata sottoposta a revisione paritaria, ha indicato che oltre la metà dei britannici erano già infetti.
Paul Klenerman, un esperto di immunologia e malattie infettive dell’Università di Oxford, che ha contribuito alla ricerca, ha detto all’AFP che non era questo il punto. Il modello era solo un modo di guardare eventi precedenti“, ha spiegato.Ci sono stati esiti differenziali molto ampi, non si prevedeva alcun risultato particolare“.
Klenerman ha affermato che l’obiettivo principale della ricerca era dimostrare la variabilità dei potenziali tassi di infezione e sottolineare la necessità di diffusi test sierologici.
Questa è una forma di analisi del sangue che ricerca gli anticorpi che indicano che un individuo ha contratto il virus e sviluppato l’immunità. Il punto del documento era che dobbiamo capire la sierologia“, ha detto il ricercatore. “I governi in generale devono prestare attenzione a questo. Capiremo meglio l’epidemia quando avremo informazioni su chi è stato esposto e chi no. Può darsi che molte persone siano state esposte o potrebbero essere state solo poche persone, ma non possiamo dirlo fino a quando non inizieremo a testare le persone”.
“Interpretazione eccessiva lorda”
Simon Gubbins, capogruppo di Transmission Biology presso The Pirbright Institute, ha affermato che il pre-paper di Oxford non indicava che metà dei britannici fossero già infetti. Le stime per la proporzione della popolazione infetta dipendono dalle ipotesi fatte sulla proporzione della popolazione a rischio di malattia grave, che è sconosciuta”, ha affermato.
Gubbins ha affermato che il modello utilizzato nella ricerca avrebbe probabilmente sopravvalutato il tasso di diffusione poiché trattava la Gran Bretagna e l’Italia come “singole popolazioni ben miscelate”e non poteva spiegare i cambiamenti comportamentali come il lavaggio delle mani e l’allontanamento sociale.
Martedì il Ministro della Sanità britannico Matt Hancock ha annunciato che il Governo ha acquistato 3,5 milioni di kit di test anticorpali COVID-19.
James Wood, capo del Dipartimento di Medicina Veterinaria dell’Università di Cambridge, ha affermato che lo studio dovrebbe “essere utilizzato per sottolineare la necessità di condurre studi sierologici in aree in cui si è verificata la diffusione dell’epidemia”.