COVID-19: parla il medico che nel ’64 respinse l’epidemia della rosolia con un vaccino

0
45

Immagine: March of Dimes

Nel 1964, un’epidemia senza precedenti di rosolia spazzò gli Stati Uniti. Il virus responsabile della rosolia è circa il doppio contagioso rispetto al nuovo coronavirus che si sta diffondendo oggi nel mondo; la rosolia ha infettato circa 12,5 milioni di persone negli Stati Uniti. Come il nuovo coronavirus responsabile dell’attuale pandemia, il virus che causa la rosolia di solito ha prodotto una lieve malattia con febbre ed eruzione cutanea. In circa un terzo delle persone, non ha causato alcun sintomo. Sebbene il coronavirus uccida alcune persone, in particolare gli anziani, la rosolia ha causato di gran lunga il maggior danno ai feti, soprattutto quando una donna ha contratto la malattia all’inizio della gravidanza. Durante l’epidemia di metà degli anni ’60, circa 20.000 bambini statunitensi sono nati con gravi difetti alla nascita tra cui cecità, sordità, difetti cardiaci e disabilità intellettive. (Non ci sono prove finora che questo nuovo coronavirus infetti o ferisca i feti, ma è una domanda aperta).

Nel 1964, lavorando nel suo laboratorio del Wistar Institute, Stanley Plotkin inventò il vaccino contro la rosolia – la “R” in MMR – che ora è usato in tutto il mondo. Da allora, ha lavorato a lungo sullo sviluppo e l’applicazione di altri vaccini, compresi quelli per l’antrace, la poliomielite e la rabbia. Ha anche inventato il vaccino contro il rotavirus che fa parte del programma dei vaccini per l’infanzia di oggi.

La rivista Science ha raggiunto Plotkin, ora 87enne, nella sua casa fuori Filadelfia, per un’ intervista.

D: Hai vissuto un’altra pandemia che ha avuto conseguenze devastanti negli Stati Uniti e in tutto il mondo. Vuoi parlarne?
Plotkin:  L’infezione era molto diffusa. La differenza è che sono state “solo” le donne in gravidanza a essere colpite [principalmente]. Non c’erano le preoccupazioni generali che hai della situazione attuale, anche se ovviamente anche i loro mariti erano preoccupati. Detto questo, il panico tra le donne in gravidanza o che volevano avere una gravidanza è stato notevole. Sono stato in grado di calcolare che a Filadelfia sono state colpite l’1% di tutte le donne in gravidanze.
D: Sei stato coinvolto tu stesso da giovane genitore?
Plotkin: Avevo un figlio che aveva poco più di 1 anno. E mia moglie non era incinta. Quindi, non avevo preoccupazioni personali a quel punto. Ma gestivo un laboratorio di ricerca che divenne, in effetti, una specie di laboratorio diagnostico non ufficiale. E sedersi con quelle donne e cercare di spiegare quali fossero i problemi, quali fossero i rischi, è stato difficile. C’erano donne che decisero di andare avanti con le loro gravidanze. C’erano donne che decisero di interrompere la gravidanza. Ma una cosa che era comune a tutti loro era l’angoscia.
D: Quali misure hanno adottato le autorità sanitarie pubbliche?
Plotkin: Non c’era davvero molto che si potesse dire a quelle donne se non di stare lontano dalle persone che avevano prove di infezione da rosolia, principalmente un’eruzione cutanea. Altrimenti non si sapeva chi potesse essere subclinicamente [senza sintomi] infetto. Questo faceva parte della paura: le donne non potevano sapere chi era potenzialmente un rischio per loro.
D: Riesci a collegare ciò che sta accadendo oggi con il nuovo coronavirus e quello che è accaduto con la rosolia?
Plotkin: Ci sono somiglianze. Ovviamente, se qualcuno ha la febbre, non si dovrebbe essere in contatto con quella persona. E pensiamo di sapere che ci sono infezioni asintomatiche con il nuovo coronavirus in particolare nei giovani o nei bambini. Ecco perché le autorità parlano di distanza sociale. Oggi, come nel caso della rosolia, non si sapeva assolutamente chi potesse essere infetto.
D: Ma non c’è stato nessun tipo di arresto sociale da remoto come quello di oggi?
Plotkin: Ci sono stati avvertimenti. Ci sono stati molti avvertimenti per le donne. Ma non c’era niente di simile a ciò che sta accadendo oggi.
D: Prima che il vaccino contro la rosolia fosse autorizzato nel 1969, la rosolia era ciclica e si manifestava in epidemie ogni 4-6 anni. Dovremmo aspettarcelo con il nuovo coronavirus?
Plotkin: Questa è la domanda da $ 64.000. Non ho davvero una risposta ferma a questo. Tutti speriamo – e sottolineo la speranza – che il nuovo coronavirus non persista nella popolazione in una forma lieve che potrebbe comparire ancora e ancora. Ricorda che ci sono tre o quattro diversi coronavirus respiratori che sono stati isolati anni fa e che sono ancora in circolazione e che causano fortunatamente lievi infezioni respiratorie. Non sono andati via. Non conosciamo questo coronavirus. Ecco perché lo sforzo di sviluppare un vaccino nel più breve tempo possibile è così importante. Perché ovviamente se il prossimo inverno ritorna, a quel punto dobbiamo avere un vaccino.
D: In che modo la corsa per un vaccino contro la rosolia a metà degli anni ’60 differiva dalla corsa odierna per un vaccino contro il coronavirus?
Plotkin: Ci sono stati sforzi intensi e un’intensa competizione per sviluppare un vaccino contro la rosolia. Ma ricorda che a quel tempo non c’erano così tante grandi compagnie di vaccini come ora con l’avvento delle compagnie indiane e cinesi. A quel tempo c’erano solo una manciata di società importanti, come Merck e  GlaxoSmithKline.
D: Il tuo vaccino contro la rosolia è stato migliore dei suoi concorrenti – ha prodotto livelli più alti di anticorpi e ha avuto meno effetti collaterali – ma qui negli Stati Uniti è stato messo da parte e non ha ottenuto l’approvazione del governo per 10 anni a causa della politica. La politica invade sempre il progresso della scienza?
Plotkin: Devo dire di sì.
D: la politica che sta invadendo la corsa al vaccino contro il coronavirus di oggi?
Plotkin: Ci sono almeno 40 candidati al vaccino in fase di sviluppo in varie aziende e biotecnologie non solo negli Stati Uniti, ma in altre parti del mondo. La scelta di quale sarà autorizzato dovrebbe essere fatta su criteri oggettivi e forse non solo uno dovrebbe essere autorizzato. Potrebbero esserci vantaggi nell’avere più di un vaccino anticoronavirus perché se – ed è un grande se – si hanno bisogno di milioni di dosi, è improbabile chiedere a un singolo produttore di produrre abbastanza vaccini per il mondo. Uno solo vaccino avrà bisogno di più produttori e se ci sono più vaccini efficaci tanto meglio. Non sto discutendo della selezione di un singolo vaccino contro il coronavirus a meno che non ci siano difficoltà con gli altri.
D: Puoi parlare in generale dei diversi approcci, le cosiddette piattaforme, utilizzati da queste dozzine di aziende per sviluppare un vaccino? E in che modo differiscono dagli anni ’60?
Plotkin: Nella corsa al vaccino contro la rosolia degli anni ’60 c’ era solo un virus indebolito dal vivo. Oggi abbiamo così tanti candidati diversi: vaccini RNA, vaccini DNA, vaccini a singola proteina, vaccini a più proteine. Potrebbero esserci più vaccini che daranno sicurezza ed efficacia. Quindi, la cosa buona è che ora hai più strade per raggiungere lo stesso punto.
D: Oltre alla tecnologia, ora abbiamo altri vantaggi che non avevamo negli anni ’60?
Plotkin: CEPI [la Coalition for Epidemic Preparedness] sta guidando il finanziamento per aiutare a sviluppare vaccini multipli [contro il nuovo coronavirus]. Sta sostenendo finanziariamente sei progetti in questo momento. E questo è il tipo di cosa che era necessario [negli anni ’60] e ora è fortunatamente a posto…Tornando all’esperienza della rosolia, ci sono voluti almeno 5 anni prima che un vaccino fosse sul mercato. E non possiamo permetterci di avere quel tipo di ritardo quando hai un’emergenza come questa. Quindi, la prospettiva che di ottenere un vaccino contro il coronavirus entro il prossimo anno, che penso sia una ragionevole speranza, è una grande differenza. E l’idea che siamo più pronti oggi di quanto non fossimo allora per un’emergenza che richiede lo sviluppo di un vaccino è un punto positivo.
D: Cos’altro dovremmo sapere dai tuoi decenni di esperienza nello sviluppo di vaccini?
Plotkin: Bisogna prepararsi ora – e presumo che ci sarà un vaccino o più vaccini – per la produzione di un gran numero di dosi. Perché non è qualcosa che puoi fare sul tuo banco da laboratorio. Dobbiamo avere le aziende pronte per andare in superazione e questo deve essere fatto ora.
Fonte: Science