Una barriera che tiene a bada il cancro

cancro

Immagine, sulla sinistra, una barriera protettiva dell’espressione di activina B (colore rosso) è presente nelle normali isole pancreatiche. A destra, questa barriera manca nei tumori delle isole derivate. Il colore ciano mostra i nuclei delle cellule. Credito: Iacovos Michael / EPFL.

Le activine sono proteine ​​coinvolte in una serie di importanti funzioni biologiche tra cui la regolazione del ciclo mestruale, la proliferazione cellulare, la differenziazione, l’apoptosi, il metabolismo, l’omeostasi, la risposta immunitaria, la riparazione delle ferite e la funzione endocrina.

Activina B è una delle proteine ​​activine. Lega e attiva un recettore chiamato ALK7, un membro della superfamiglia dei recettori del fattore di crescita tumorale beta (TGFß). Quando attivato, ALK7 innesca un effetto domino di reazioni molecolari e biochimiche (una “via di segnalazione”) che provocano vari cambiamenti attraverso la cellula.

Ora, un team di ricercatori del laboratorio di Douglas Hanahan all’EPFL ha scoperto che l’activina B e l’ALK7 espresse dalle cellule tumorali possono formare una “barriera” che non solo impedisce loro di formare nuovi tumori, ma anche di metastatizzare. Il progetto è stato guidato da Iacovos P. Michael, ex postdoc nel laboratorio di Hanahan.

Vedi anche,Piastrine: i camaleonti della biologia del cancro.

I ricercatori hanno studiato la via di segnale ALK7 nei topi con tumori neuroendocrini pancreatici o con carcinoma mammarioHanno scoperto che quando il recettore viene attivato dall’attivina B, le cellule cancerose sono morte attraverso un processo chiamato apoptosi. Al contrario, il blocco dell’attivazione di ALK7 ha permesso alle cellule tumorali di sfuggire alla morte e metastatizzare con successo in vari organi, come fegato, polmoni e cervello. E il modo in cui le cellule tumorali eludevano la “barriera” di activina B / ALK7 era causata da una downregolazione dell’attivina B e / o dalla down-regolazione dell’ALK7.

Questo studio rafforza l’idea che l’apoptosi sia un’importante barriera della tumorigenesi e che la sua evasione da parte delle cellule cancerogene sia una caratteristica chiave delle cellule tumorali durante la neoplasia e le metastasi”, afferma Hanahan.

Inoltre, questo studio ha anche rivelato che la presenza di ALK7 è correlata con la sopravvivenza prolungata libera da recidiva (tempo maggiore per ricomparsa) di pazienti con vari tipi di cancro, compreso il cancro al seno. In particolare, i livelli relativamente più elevati di espressione ALK7 sono stati anche associati con un periodo di tempo più lungo prima che le metastasi diventassero evidente nei pazienti con cancro al seno.

Questo studio introduce un ruolo fin’ora non considerato di protezione da parte di activina B / ALK7 che innesca l’apoptosi in cellule che esprimono ALK7 e che non sono quindi ”autorizzate”  a proliferare.

“Chiarire come le cellule tumorali riescano a superare i vari “punti di controllo” della natura per prevenire la malignità è un passo importante verso la comprensione della biologia tumorale e della patogenesi della malattia”, afferma Iacovos Michael.

Fonte, Medicalxpress

Altri articoli su cancro