Scoperta nuova malattia da immunodeficienza

immunodeficienza

Una nuova malattia da immunodeficienza causata da una nuova mutazione genetica è stata identificata dai ricercatori del campus universitario Anschutz dell’Università del Colorado che forniscono informazioni uniche sulla biologia cellulare.

I risultati dello studio sono stati pubblicati la scorsa settimana su The Journal of Experimental Medicine.

I ricercatori hanno fatto la scoperta mentre indagavano sul perché un bambino soffrisse di malattie infiammatorie intestinali insieme ad altre condizioni tra cui eczema, allergie alimentari, malattie polmonari e infezione persistente da CMV (citomegalovirus).

“Oltre a una formula alimentare specifica, il bambino non era in grado di mangiare alcun cibo e l’infiammazione dell’intestino persisteva nonostante numerose terapie”, ha detto il coautore dello studio Cullen Dutmer, Professore assistente di pediatria specializzato in allergia e immunologia presso l’Università di Colorado School of Medicine e Children’s Hospital Colorado (CHCO).

Vedi anche, Grande passo avanti nella cura delle infezioni virali e immunodeficienza.

La sorella del ragazzo soffriva di problemi simili e i loro sintomi collettivi erano coerenti con una sindrome da immunodeficienza. I pazienti affetti da queste sindromi hanno un sistema immunitario mal funzionante che può causare infezioni gravi, ricorrenti o insolite, nonché complicanze autoimmuni / infiammatorie che colpiscono il tratto gastrointestinale, la pelle, i polmoni e le cellule del sangue circolanti. Questo sistema immunitario difettoso (o disregolato) può anche portare ad un aumento del rischio di cancro.

I ricercatori hanno scoperto che i fratelli avevano il primo difetto umano noto in un gene chiamato IL2RB (codifica del recettore beta dell’interleuchina-2, IL-2R) con conseguente diminuzione del numero di cellule immunitarie chiamate cellule T regolatorie che impediscono l’autoimmunità. Allo stesso tempo, i bambini avevano un accumulo di cellule “natural killer” che, se funzionavano normalmente, proteggono dalle infezioni virali e dal cancro.

Ma la mutazione ha significato che le cellule natural killer non erano in grado di maturare correttamente e non potevano eliminare il CMV, causando un’infezione persistente e debilitante“, ha detto la co-autrice Elena Hsieh, assistente Professore di pediatria e microbiologia, immunologia presso la CU Scuola di Medicina e CHCO.

Abbiamo rintracciato questa mutazione in un singolo gene e questo è un evento abbastanza raro”, ha detto Hsieh. “Prima delle nostre scoperte, non c’erano stati casi documentati di una mutazione in questo particolare gene”.

Dutmer ha detto che è probabile che altri soffrano di questa condizione che non è mai stata identificata.

“La scoperta significa anche che il difetto potrebbe essere affrontato attraverso la terapia genica “, ha detto Kedl. “Potremmo manipolare il gene e riportarlo nella giusta sequenza”.

I recenti progressi nell’identificazione delle cause genetiche delle malattie da immunodeficienza hanno portato a trattamenti innovativi. La terapia genica, un approccio terapeutico che corregge specifici difetti genetici, sta emergendo come un’opzione terapeutica praticabile per alcune malattie da immunodeficienza.

Uno studio recente ha mostrato l’uso della terapia genica per il trattamento del deficit immunitario combinato grave o SCID causato da mutazioni nel gene IL2RG (Mamcarz et al., New England Journal of Medicine 2019).

“L’identificazione delle cause genetiche alla base delle malattie da immunodeficienza e di altri disordini può rivelare obiettivi per strategie di trattamento personalizzate promettenti come la terapia genica”, hanno detto Dutmer e Hsieh. “Ciò consentirebbe interventi terapeutici che sono personalizzati in modo univoco per soddisfare i bisogni dell’individuo”.

Fonte, The Journal of Experimental Medicine (2019)

Altri articoli su immunodeficienza