Un virus migliorerà la terapia genica per trattare diverse malattie degli occhi

malattie degli occhi,terapia genica

I  ricercatori della Berkeley University in  California, hanno sviluppato un metodo più semplice e più efficace per l’inserimento di geni nelle cellule dell’occhio che potrebbe migliorare  notevolmente la terapia genica per contribuire a ripristinare la vista in pazienti con malattie che vanno da difetti ereditari, come la retinite pigmentosa a malattie degenerative dell’età, come la degenerazione maculare . A differenza dei trattamenti in corso, la nuova procedura – che impiega non più di 15 minuti di tempo – è chirurgicamente non invasiva.

Nel corso degli ultimi sei anni, molti gruppi hanno trattato con successo le persone con una malattia ereditaria rara, iniettando un virus con un gene sano direttamente nella retina di un occhio con un gene difettoso. Nonostante il processo invasivo, il virus con il gene normale, non era in grado di raggiungere tutte le cellule della retina da sistemare. “Infilare un ago attraverso la retina per iniettarvi il virus   è una procedura chirurgica rischiosa”, ha spiegato  David Schaffer, professore di ingegneria chimica e biomolecolare e direttore del Berkeley Stem Cell Center presso la  Berkeley University of California. “Ma i medici non hanno scelta perché nessuno dei virus di consegna del gene può attraversare la parte posteriore dell’occhio per raggiungere i fotorecettori.” Dopo  14 anni di ricerca, abbiamo ora creato un virus che basta iniettare nel vitreo liquido all’interno dell’occhio e che offre i geni che possono  raggiungere una popolazione di cellule delicate in un modo che è chirurgicamente non invasivo e sicuro. Si tratta di una procedura di 15 minuti ed il paziente può anche andare a casa il giorno dopo.”

Il virus ingegnerizzato ha funzionato  molto meglio delle attuali terapie, in modelli di roditori portatori di due malattie degenerative degli occhi umani e può penetrare nelle cellule visive degli occhi di scimmie, che sono come quelli degli esseri umani. Schaffer e il suo team stanno ora collaborando con i medici per  identificare i pazienti con maggiori probabilità di trarre beneficio da questa tecnica di gene-consegna.

I risultati della ricerca sono stati  pubblicati sulla rivista Science Translational Medicine. 

Sfruttando un virus benigno per la terapia genica, tre gruppi di ricercatori hanno ripristinato con successo la  vista a più di una dozzina di persone con una malattia rara chiamata amaurosi congenita di Leber, che porta alla completa perdita della vista in età adulta. Hanno raggiunto questo risultato  inserendo un gene correttivo in virus adeno-associati (AAV), virus di una comune malattia respiratorie benigna e iniettando il virus direttamente nella retina. Il virus occupa le cellule visive  e incorpora il gene funzionale nei loro cromosomi per produrre  una proteina critica che il gene difettoso non poteva produrre, salvando i fotorecettori e restituendo  la vista. Purtroppo, la tecnica non può essere applicati a tutte le malattie  che causano perdita della vista perché l’ago è spesso causa di distacco di retina e potrebbe peggiorare la situazione.  AAV standard, utilizzato in terapia genica, non può penetrare nei tessuti per raggiungere i fotorecettori e altre cellule, come pigmento retinico. La retina è circa 100.000 volte più spessa di AAV, che è di circa 20 nanometri. Anni fa, Schaffer ha cercato di trovare un modo per far si che  AAV potesse penetrare nei tessuti, tra cui quelli degli occhi e del fegato e che potesse  fornire i geni di cellule specifiche . Fino ad oggi il ricercatore ha generato 100 milioni di varianti di AAV, ciascuno con  proteine ​​leggermente diverse e da cui, lui ed i suoi colleghi, hanno selezionato cinque varianti che erano efficaci nel penetrare la retina. Hanno quindi utilizzato la migliore variante  (7M8) capace di  trasportare i geni per curare due tipi di cecità ereditaria per la quale non ci sono modelli  animali, la Retinoschisi X-linked,  e la amaurosi congenita di Leber. In ogni caso, quando hanno  iniettato nel vitreo la nuova terapia genica, AAV ha consegnato il gene correttivo a tutte le aree della retina e riportato le cellule retiniche restaurate, quasi alla normalità.

Schaffer predice che il virus potrà essere utilizzato non solo per inserire i geni che ripristinano la funzione di geni che non-lavoro, ma per mettere fuori uso i geni o processi halt che possono attivamente uccidere le cellule della retina, come nel caso della degenerazione maculare legata all’età.

Fonte Science Translational Medicine. 


Altri articoli su malattie degli occhi, terapia genica