Un solo tipo di cellula immunitaria potrebbe causare l’infiammazione cronica

0
13

Per la prima volta, i ricercatori hanno identificato un sottogruppo di cellule immunitarie chiamate cellule T delta gamma che potrebbero causare e / o perpetuare l’infiammazione sistemica riscontrata nel normale invecchiamento nella popolazione generale e nelle persone con infezione da HIV che stanno rispondendo bene ai farmaci (anti-retrovirali).

Per comprendere la rete cellulare che guida l’insorgenza e la progressione delle morbilità associate all’età sia nell’HIV che nell’invecchiamento sano, i ricercatori della Scuola di Medicina dell’Università di Boston (BUSM) hanno condotto uno studio che ha misurato molti marcatori sulla superficie delle cellule immunitarie nel sangue di persone con o senza HIV (controlli non infetti) che sono stati suddivisi in due gruppi: più giovani (meno di 35 anni) e più anziani (oltre 50 anni) e confrontati con i livelli di proteine ​​infiammatorie nel loro plasma. Questo gruppo unico di pazienti è stato reclutato per lo studio dal coautore Nina Lin, assistente Professore di medicina presso BUSM e specialista in malattie infettive presso il Boston Medical Center.

Vedi anche, Scoperto nuovo inibitore dell’ infiammazione.

I ricercatori hanno trovato un marcatore sulle cellule T delta gamma, chiamato TIGIT, che seguivano significativamente i marcatori plasmatici dell’infiammazione sia nei gruppi di soggetti HIV + che nei non infetti e quindi potrebbe essere mirato per fermare potenzialmente questo “invecchiamento causato dall’infiammazione” trovato in entrambe le persone dei diversi gruppi.

“Il nostro studio indica che c’è un sottoinsieme di cellule precedentemente non ancora investigate e presenti nel nuovo ambiente immunitario che potrebbe causare malattie diffuse e con terapie T gamma delta mirate si potrebbe ridurre l’insorgenza, i sintomi e / o la gravità delle malattie legate all’infiammazione “, ha spiegato l’autore corrispondente Jennifer Snyder-Cappione,  assistente Professore di microbiologia, Flow Cytometry Core Facility presso BUSM.

Più del 50% della popolazione infetta da HIV negli Stati Uniti ha più di 50 anni e le persone nel mondo di età compresa tra 65 e 80 dovrebbero raddoppiare e quasi quadruplicare, rispettivamente, entro il 2050. “Rivelare e mirare terapeuticamente alle popolazioni di cellule e precise reti immunitarie che guidano “l’invecchiamento dall’infiammazione” sia con che senza l’infezione da HIV è una priorità della salute globale preminente “.

I ricercatori, che includono la prima autrice Anna Belkinia, PhD, assistente Professore di patologia e medicina di laboratorio al BUSM, sperano che il loro studio stimolerà nuove indagini e studi clinici mirati ai sottogruppi di cellule T delta gamma per controllare l’infiammazione incontrollata e quindi ridurre l’insorgenza e la progressione di molte malattie croniche.

Fonte, Frontiers in Immunology