HomeSaluteDiabeteTzield : primo farmaco ritardante per il diabete di tipo 1

Tzield : primo farmaco ritardante per il diabete di tipo 1

Il 17 novembre 2022, la Food and Drug Administration (FDA) statunitense ha approvato un nuovo farmaco rivoluzionario chiamato Tzield. Questa formulazione iniettabile contiene una combinazione di due farmaci che potrebbero ritardare l’insorgenza del diabete di tipo 1 (T1D) negli adulti allo stadio 3 e nei bambini di età pari o superiore a otto anni allo stadio 2.

T1D è un disturbo causato da un attacco autoimmune alle cellule produttrici di insulina all’interno del pancreas. L’insulina è l’ormone, o prodotto chimico, prodotto dalle cellule beta all’interno dei gruppi cellulari chiamati isole di Langerhans nel pancreas in risposta alla comparsa di grandi quantità di glucosio contemporaneamente all’interno del sangue circolante.

Attraverso l’insulina, il glucosio viene trasportato dal flusso sanguigno alle cellule muscolari e ad altre cellule che possono utilizzare il glucosio. Come parte del processo, il glucosio viene trasportato al fegato per essere convertito in glicogeno, la forma immagazzinata nel corpo.

- Advertisement -

Questo è il modo in cui il corpo regola accuratamente i livelli di glucosio nel sangue entro limiti relativamente ristretti nonostante l’assunzione e l’assorbimento di alimenti ricchi di carboidrati, che dovrebbero portare il glucosio nel sangue a livelli molto alti. Coloro che mancano di insulina o di scorte adeguate sviluppano iperglicemia cronica, un livello di glucosio nel sangue anormalmente alto che interrompe la funzione di più organi e tessuti.

Diabete di tipo 1

Il T1D viene solitamente diagnosticato durante l’infanzia o almeno la prima età adulta, ma può comparire a tutte le età. Una storia familiare di diabete di tipo 1 nel padre o nella madre, fratello o sorella aumenta il rischio dell’individuo, sebbene la maggior parte dei pazienti diabetici di tipo 1 non abbia una tale storia familiare.

Lo stadio 1 del T1D indica la fase in cui due o più autoanticorpi correlati alle cellule beta sono rilevabili nel corpo, ma i livelli di glucosio nel sangue sono normali. Nella fase 2, i livelli di glucosio sono alti, ma il paziente è asintomatico. La diagnosi clinica si verifica nella fase 3 quando la malattia diventa evidente.

I sintomi dell’iperglicemia includono minzione frequente, aumento della sete e della fame, perdita di peso e complicazioni metaboliche causate dall’indisponibilità del glucosio per i normali percorsi energetici all’interno dei tessuti. Tali sintomi di solito si sviluppano abbastanza rapidamente nel corso di settimane.

- Advertisement -

Le complicanze a breve termine includono il coma diabetico causato da chetoacidosi o iperosmolarità del sangue. Complicanze più ritardate includono malattie cardiovascolari come malattia coronarica, infarto, ictus, insufficienza renale, retinopatia e cataratta dell’occhio e ulcere dei piedi che possono richiedere un trattamento chirurgico o addirittura l’amputazione.

T1D è trattato con una dieta adeguata e un regolare esercizio fisico, ma l’insulina è essenziale. Viene somministrata mediante iniezioni regolari o mediante l’impianto di una pompa per insulina. Questo trattamento sostituisce l’insulina mancante e consente a tali pazienti di controllare la glicemia e quindi sopravvivere. Controlli frequenti determinano la dose di insulina sui livelli di glucosio nel sangue durante la giornata.

Vedi anche:Diabete: sviluppato nuovo trattamento rivoluzionario

Teplizumab

Tzield è stato approvato con la designazione di Priority Review e anche di Breakthrough Therapy. Questo farmaco è stato riprogettato dalla società biofarmaceutica ProventionBio ed è costituito da Teplizumab-mzwv.

Teplizumab è un anticorpo monoclonale umanizzato che si lega alle molecole del marcatore CD3 sulla superficie di specifiche cellule immunitarie. Il suo meccanismo d’azione si lega e disattiva le cellule immunitarie e quindi impedisce la loro azione distruttiva sulle cellule delle isole pancreatiche. Lo fa legandosi debolmente al complesso recettore delle cellule T-CD3, che avvia una debole via di segnalazione.

Ciò porta allo sviluppo di inattività e morte cellulare, in particolare cellule T effettrici attivate che non sono necessarie. Al contrario, aumenta la percentuale di cellule T regolatorie e aumenta il rilascio di citochine regolatorie, moderando così la risposta immunitaria. Ciò porta alla riqualificazione della tolleranza immunitaria.

Tzield deve essere somministrato mediante iniezione nelle vene una volta al giorno per due settimane.

Approvazione

Tzield è stato approvato dopo aver ottenuto dati di sicurezza ed efficacia da uno studio controllato randomizzato in doppio cieco che ha coinvolto 78 pazienti con T1D. I pazienti sono stati randomizzati per ricevere il farmaco o un placebo. I ricercatori hanno esaminato dopo quanto tempo i pazienti sviluppavano il T1D in stadio 3, a partire dalla data di randomizzazione.

I risultati di questo studio hanno mostrato che, con un periodo di follow-up di oltre due anni (51 mesi), quasi la metà dei pazienti (45%) trattati con Tzield (n=44) ha sviluppato la malattia in stadio 3. Al contrario, quasi tre quarti (72%) dei pazienti nel braccio placebo (n=32) sono entrati in questa fase nello stesso periodo.

I ricercatori hanno scoperto che l’intervallo medio dell’intervallo di tempo dalla randomizzazione all’ingresso nella fase 3 era di 25 mesi nei pazienti trattati con placebo, ma era raddoppiato nel braccio Tzield, dimostrando la capacità del farmaco di ritardare lo sviluppo del T1D clinico.

Effetti collaterali

Tzield può causare riduzioni significative del conteggio di alcuni tipi di linfociti. Questo potrebbe portare a gravi infezioni in alcuni pazienti. Oltre a questo, può innescare il rilascio di grandi quantità di sostanze chimiche infiammatorie chiamate citochine, un fenomeno chiamato sindrome da rilascio di citochine (CRS), che potrebbe causare iperinfiammazione sistemica e disfunzione multiorgano. Il paziente deve quindi ricevere farmaci per modulare il rilascio di citochine prima di ricevere questa iniezione ed essere monitorato per un periodo adeguato in seguito.

Altri rischi includono lo sviluppo di ipersensibilità. Il paziente deve ricevere tutte le vaccinazioni appropriate per l’età prima di iniziare il protocollo, mentre i vaccini vivi attenuati, i vaccini inattivati ​​e i vaccini a mRNA sono controindicati durante il periodo di somministrazione.

Il Direttore della Divisione per il diabete, i disturbi lipidici e l’obesità della FDA, John Sharretts, MD, ha dichiarato: “L’approvazione odierna di una terapia di prima classe aggiunge un’importante nuova opzione terapeutica per alcuni pazienti a rischio. Il potenziale ritardo del farmaco della diagnosi clinica del diabete di tipo 1 può fornire ai pazienti mesi o anni senza il peso della malattia “.

ULTIMI ARTICOLI

Encefalite anti-NMDA: curato con successo un bambino affetto da questa malattia misteriosa

Encefalite anti-NMDA-Immagine Credit  Rutgers University.  Un bambino che soffriva di encefalite anti-NMDAR (recettore N-metil-D-aspartato), una disfunzione cerebrale rara e difficile da diagnosticare, è stato curato...

Depressione: sviluppato un antidepressivo nuovo e migliore

Depressione-Immagine Credit Public Domain. I farmaci antidepressivi attualmente disponibili hanno effetti collaterali spiacevoli, proprietà di dipendenza o possono indurre la schizofrenia. Lo sviluppo di antidepressivi a...

Cancro del pancreas: nuovo trattamento dissolve il cancro nell’80% dei casi

Cancro del pancreas-Immagine Credit Scitechdaily Il nuovo approccio, che combina farmaci chemioterapici tradizionali con un nuovo metodo di irradiazione del cancro del pancreas, è risultato...

Memoria a breve termine: la terapia laser la migliora

Memoria-Immagine Credito: Pixabay/CC0 Dominio pubblico. La laser terapia ha dimostrato di essere efficace nel migliorare la memoria a breve termine in uno studio pubblicato su...

Carne di organi e frattaglie sono sane da mangiare?

Sebbene la maggior parte delle persone mangi raramente frattaglie, ovvero carne di organi, in realtà sono ricche di importanti vitamine, minerali e micronutrienti che possono...