HomeSaluteOcchiDegenerazione maculare associata a forme gravi di malattie cardiovascolari

Degenerazione maculare associata a forme gravi di malattie cardiovascolari

Degenerazione maculare-Immagine Credit Public Domain.

Le persone con depositi drusenoidi sottoretinici (SDD), una forma di degenerazione maculare legata all’età, hanno maggiori probabilità di avere un danno cardiaco sottostante a causa di insufficienza cardiaca o attacchi di cuore o altre forme di malattie cardiovascolari associate ad un aumentato rischio di ictus.

I pazienti con una forma specifica di degenerazione maculare legata all’età (AMD), una delle principali cause di cecità negli Stati Uniti, hanno anche un’alta probabilità di avere un danno cardiaco sottostante da insufficienza cardiaca e attacchi di cuore o malattia valvolare cardiaca avanzata o arteriopatia carotidea associata a determinati tipi di ictus, secondo un nuovo studio della New York Eye and Ear Infirmary of Mount Sinai.

- Advertisement -

Questa ricerca, pubblicata il 17 novembre su BMJ Open Ophthalmology, è la prima a identificare quali tipi di malattie cardiovascolari e dell’arteria carotidea ad alto rischio sono collegate al disturbo dell’occhio.

I risultati dello studio potrebbero richiedere un aumento dello screening per salvare la vista, diagnosticare malattie cardiache non rilevate e prevenire eventi cardiovascolari avversi.

“Per la prima volta, siamo stati in grado di collegare queste specifiche malattie cardiovascolari ad alto rischio a una forma specifica di AMD, quella con depositi di drusenoidi sottoretinici (SDD)”, spiega l’autore principale R. Theodore Smith, MD, Ph.D. ., Professore di Oftalmologia presso la Icahn School of Medicine del Monte Sinai.

“Questo studio è il primo forte legame tra la principale causa di cecità, l’AMD e le malattie cardiache, la principale causa di morte in tutto il mondo. Inoltre, abbiamo anche una forte evidenza di ciò che realmente accade: l’afflusso di sangue all’occhio è direttamente diminuito da queste malattie, o da un danno cardiaco che diminuisce l’afflusso di sangue in tutto il corpo, o da un’arteria carotide ostruita che impedisce direttamente il flusso sanguigno al occhio.

- Advertisement -

Uno scarso afflusso di sangue può causare danni a qualsiasi parte del corpo e con queste malattie specifiche, la retina distrutta e i depositi di drusenoidi sottoretinici rimanenti sono il frutto di quel danno. Il danno alla retina significa perdita della vista e può portare alla cecità.

L’AMD è la principale causa di disabilità visiva e cecità nelle persone di età superiore ai 65 anni ed è il risultato di un danno all’area centrale della retina chiamata macula, che è responsabile della lettura e della visione alla guida.

Una delle principali forme di AMD precoce consiste in piccoli depositi di colesterolo giallo chiamati drusen, che si formano sotto una parte della retina chiamata epitelio pigmentato retinico (RPE). Possono privare la retina di sangue e ossigeno, portando alla perdita della vista. La formazione di drusen può essere rallentata da un’appropriata integrazione vitaminica.

L’altra forma principale di AMD precoce, con depositi drusenoidi subretinici (SDD), è meno conosciuta e richiede l’imaging retinico ad alta tecnologia per essere rilevata. Questi depositi contengono una diversa forma di colesterolo e si formano sopra l’RPE e appena sotto le cellule della retina sensibili alla luce, dove si verifica il danno e la vista viene persa. Non esiste un trattamento noto per gli SDD.

Vedi anche:Degenerazione maculare: una proteina potrebbe bloccare la perdita della vista

Il Dottor Smith e un team di ricercatori del Mount Sinai hanno inizialmente scoperto che i pazienti con malattie cardiovascolari o ictus avevano maggiori probabilità di avere depositi di drusenoidi sottoretinici. Quella ricerca, prima nel suo genere, è stata pubblicata nel numero di luglio di Retina. Questo nuovo studio amplia il lavoro precedente, esaminando una popolazione di pazienti più ampia e identifica le specifiche forme gravi di cardiopatia e malattia dell’arteria carotidea che hanno causato depositi di drusenoidi sottoretinici dell’AMD. I ricercatori hanno analizzato gli occhi di 200 pazienti con AMD con imaging retinico per determinare quali pazienti avevano gli SDD.

I pazienti hanno risposto a un questionario sulla loro storia di malattie cardiovascolari. Dei 200 pazienti, 97 avevano SDD e 103 solo drusen.

Quarantasette dei 200 avevano una grave malattia cardiaca (19 avevano un danno cardiaco da insufficienza cardiaca o infarto, 17 grave malattia valvolare e 11 ictus derivante dall’arteria carotide).

Quaranta dei 47 (86%) avevano depositi di drusenoidi sottoretinici. Al contrario, dei 153 pazienti con AMD che non avevano queste gravi malattie, 57 avevano SDD (43%).

I ricercatori hanno concluso che i pazienti con AMD con queste gravi malattie cardiovascolari e ictus avevano nove volte più probabilità di avere SDD rispetto a quelli senza. 

“Questo lavoro dimostra il fatto che gli oftalmologi possono essere i primi medici a rilevare malattie sistemiche, specialmente nei pazienti asintomatici“, afferma il co-investigatore Richard B. Rosen, MD, capo del servizio Retina per il sistema sanitario del Monte Sinai.

“Il rilevamento di SDD nella retina dovrebbe innescare un rinvio a medici di cure primarie dell’individuo, soprattutto se non è stato sottoposto a visite cardiologiche in precedenza. Si potrebbe prevenire un evento cardiaco potenzialmente letale. Questo studio ha aperto la porta a un’ulteriore collaborazione multidisciplinare produttiva tra i servizi di oftalmologia, cardiologia e neurologia”, afferma Jagat Narula, MD, Ph.D., Direttore del programma di imaging cardiovascolare presso l’Istituto cardiovascolare Zena e Michael A. Wiener della Scuola di Medicina Icahn al Monte Sinai.

“Dovremmo anche concentrarci sulla definizione della gravità della malattia mediante imaging vascolare nelle cliniche di cardiologia e neurologia e valutare il loro impatto su AMD e SDD con imaging retinico. In questo modo possiamo sapere quali pazienti vascolari devono essere valutati per il rilevamento e la prevenzione della degenerazione maculare”.

Fonte:Neurosciencenews

ULTIMI ARTICOLI

Encefalite anti-NMDA: curato con successo un bambino affetto da questa malattia misteriosa

Encefalite anti-NMDA-Immagine Credit  Rutgers University.  Un bambino che soffriva di encefalite anti-NMDAR (recettore N-metil-D-aspartato), una disfunzione cerebrale rara e difficile da diagnosticare, è stato curato...

Depressione: sviluppato un antidepressivo nuovo e migliore

Depressione-Immagine Credit Public Domain. I farmaci antidepressivi attualmente disponibili hanno effetti collaterali spiacevoli, proprietà di dipendenza o possono indurre la schizofrenia. Lo sviluppo di antidepressivi a...

Cancro del pancreas: nuovo trattamento dissolve il cancro nell’80% dei casi

Cancro del pancreas-Immagine Credit Scitechdaily Il nuovo approccio, che combina farmaci chemioterapici tradizionali con un nuovo metodo di irradiazione del cancro del pancreas, è risultato...

Memoria a breve termine: la terapia laser la migliora

Memoria-Immagine Credito: Pixabay/CC0 Dominio pubblico. La laser terapia ha dimostrato di essere efficace nel migliorare la memoria a breve termine in uno studio pubblicato su...

Carne di organi e frattaglie sono sane da mangiare?

Sebbene la maggior parte delle persone mangi raramente frattaglie, ovvero carne di organi, in realtà sono ricche di importanti vitamine, minerali e micronutrienti che possono...