Trattamento di medicina bioelettronica efficace per il lupus

lupus

 Un dispositivo di medicina bioelettronica si è dimostrato efficace nel ridurre il dolore e l’affaticamento nei pazienti con lupus, secondo la Prof.ssa Cynthia Aranow, ricercatrice dell’Istituto Feinstein per la ricerca medica che presenterà i risultati dei test clinici pilota, martedì alla riunione dell’American College of Rheumatology / Association (ACR / ARHP). Questi risultati iniziali offrono la speranza ai 5 milioni di persone che combattono questa malattia autoimmune cronica e potenzialmente fatale in tutto il mondo.

Il lupus fa sì che il sistema immunitario perda la capacità di distinguere tra agenti estranei e tessuti sani. Il sistema immunitario diventa iperattivo: attacca il tessuto sano causando infiammazione e danni alle articolazioni, alla pelle e agli organi interni. Il dolore muscoloscheletrico è uno dei più comuni sintomi del lupus che colpisce fino al 95% dei pazienti e contribuisce a una ridotta qualità della vita. Anche se ci sono farmaci immunosoppressori che riducono le riacutizzazioni della malattia e l’infiammazione, questi farmaci non sono efficaci per tutti i pazienti e sono associati ad effetti collaterali.

Lo studio del Dott. Aranow ha esaminato la sicurezza e l’efficacia della stimolazione del nervo vago mediante un innovativo dispositivo sviluppato dai ricercatori del Centro di bioelettronica dell’Istituto Feinstein, per ridurre il dolore e l’infiammazione del lupus. 

Il nervo vago, parte del sistema nervoso periferico del corpo, ha origine nel cervello e si dirama in tutto il corpo. Controlla il cuore, i polmoni e il tubo digerente ed è stato trovato in studi precedenti per essere coinvolto nella riduzione dell’infiammazione.

“Il nostro studio mostra che la stimolazione del nervo vago ha ridotto significativamente il dolore e l’affaticamento associati al lupus“, ha detto il Dr. Aranow. “Continueremo a studiare questa terapia e i meccanismi coinvolti”.

(Vedi anche:Le guardie del corpo che uccidono i virus peggiorano il lupus).

Questo studio si basa su precedenti ricerche dell’Istituto Feinstein sulla modulazione di percorsi neurali con terapie di medicina bioelettronica che hanno dimostrato di trattare con successo l’artrite reumatoide e mantenere la promessa in altre malattie e condizioni, tra cui paralisi, morbo di Crohn e diabete. Il dispositivo testato in questo studio è stato sviluppato da ingegneri biotecnologici nel Centro per la Bioelettronica e la Bioelettronica e il laboratorio di biosensori, guidati dall’assistente Professor Timir Datta-Chaudhuri,.

“Abbiamo preso i parametri di stimolazione – la frequenza, la durata e l’intensità degli impulsi elettrici – identificati dai precedenti studi del Feinstein Institute sul nervo vago e sul sistema immunitario e sviluppato un dispositivo di stimolazione esterna che pulsa attraverso l’orecchio“, ha detto il Dott. -Chaudhuri. “Molti dispositivi di medicina bioelettronica sono impiantati chirurgicamente e volevamo vedere se un dispositivo esterno sarebbe stato altrettanto efficace, fornendo ai pazienti un’alternativa alla chirurgia. I primi risultati qui suggeriscono che il nostro dispositivo ha il potenziale per aiutare i pazienti”.

Nello studio, 12 partecipanti sono stati randomizzati a ricevere la stimolazione esterna del nervo vago attraverso l’orecchio per cinque minuti al giorno per quattro giorni e sei partecipanti a ricevere la stimolazione fittizia (erano dotati del dispositivo, ma il dispositivo non emettev impulsi elettrici). I loro punteggi del dolore, l’attività della malattia e i livelli di affaticamento sono stati misurati prima della stimolazione e di nuovo a cinque e 12 giorni dopo. Il quinto giorno, i partecipanti che hanno ricevuto la stimolazione hanno avuto una significativa riduzione del dolore e dell’affaticamento rispetto a coloro che hanno ricevuto una stimolazione fittizia. I risultati erano simili al dodicesimo giorno.

“Questo studio sottolinea l’importanza e il successo di una partnership medico / ingegnere per colmare il divario tra tecnologia e trattamento”, Kevin J. Tracey, MD, Presidente del Feinstein Institute. ” I progressi nei meccanismi molecolari presi di mira dalla tecnologia bioelettronica stanno migliorando la vita dei pazienti”, conclude il ricercatore.

Fonte: EurekAlert

Altri articoli su lupus