Sviluppato nuovo metodo per colpire la causa del morbo di Parkinson

parkinson

Immagine, nuovo metodo sviluppato per colpire la causa del morbo di Parkinson. Credito: Shutterstock.

La scoperta di un nuovo modo di indirizzare e trattare il principale contributo genetico al morbo di Parkinson potrebbe aprire la strada a un potenziale nuovo trattamento clinico.

Ricercatori del Dipartimento di Fisiologia, Anatomia e Genetica di Oxford (DPAG) hanno identificato come la disfunzione di una proteina chiave, LRRK2, causi la perdita della capacità dei neuroni affetti dal Parkinson di eliminare efficacemente i componenti cellulari danneggiati. 

Questa scoperta ha permesso al team di trovare un nuovo modo di indirizzare e correggere questo problema, aprendo la strada a un potenziale nuovo trattamento clinico.

Il morbo di Parkinson è un disturbo motorio causato dalla perdita di uno specifico sottoinsieme di neuroni localizzati nel mesencefalo. Sebbene i meccanismi sottostanti alla morte di questi neuroni non siano ancora ben compresi, una delle principali teorie è che muoiono mentre accumulano aggregati proteici.

Le prove degli ultimi anni indicano i lisosomi, l’organello cellulare nei neuroni, come responsabili della rimozione dei rifiuti e la causa principale della progressione del Parkinson. I lisosomi non funzionano abbastanza bene nelle persone con la condizione,  provocando la formazione di componenti cellulari danneggiati e l’aggregazione.

Vedi anche, I malati di Parkinson riprendono la mobilità con un nuovo impianto.

Circa il 10% dei casi di Parkinson è genetico e i lisosomi sono implicati nella progressione sia della condizione ereditaria, sia nella condizione senza storia familiare. Le mutazioni nel gene LRRK2 sono la causa genetica più comune del morbo di Parkinson e queste mutazioni sono state pesantemente implicate nella disfunzione dei lisosomi. Tuttavia, i ricercatori hanno cercato di accertare il meccanismo con cui LRRK2 regola la funzione lisosomiale che non è ancora chiaro.

In un nuovo studio, il gruppo Wade-Martins ha identificato per la prima volta sia un ruolo importante di LRRK2, sia un nuovo modo di indirizzare la sua disfunzione terapeuticamente. I lisosomi devono essere acidi per funzionare correttamente e degradare efficacemente le proteine ​​di rifiuto e la ricerca del team dimostra che LRRK2 regola il modo in cui i lisosomi sono acidi. Nel Parkinson, LRRK2 mutato non è in grado di svolgere questa funzione, quindi i lisosomi perdono la loro acidità a causa della disfunzione di LRRK2.

Hanno anche scoperto che un farmaco chiamato Cliochinolo, attualmente usato come farmaco antiparassitario, supera l’effetto del mutante LRRK2 e ripristina l’acidità del lisosoma e cancella gli aggregati proteici. Di conseguenza, il team è stato in grado di ripristinare la capacità dei lisosomi di “masticare questo carico proteico patologico” (Prof Wade-Martins) e di eliminare gli aggregati proteici che uccidono i neuroni.

Questi dati identificano un nuovo meccanismo di mutazioni di LRRK2 e in definitiva dimostrano l’importanza di LRRK2 nella biologia lisosomiale, così come il ruolo critico del lisosoma nel Parkinson.

Il Professor Richard Wade-Martins del Dipartimento di Fisiologia, Anatomia e Genetica di Oxford (DPAG), ha dichiarato: “Man mano che la popolazione nel Regno Unito invecchia, l’incidenza del Parkinson aumenta. Abbiamo urgentemente bisogno di una migliore comprensione di ciò che causa la malattia e quindi di applicare quelle conoscenze allo sviluppo di nuove terapie e questo è ciò che il nostro lavoro ha fatto. Il nostro lavoro identifica per la prima volta il ruolo molto importante di LRRK2 nel regolare l’acidità e la normale funzione del centro di riciclaggio delle proteine, il lisosoma, e identifica un nuovo modo di indirizzare questo processo terapeuticamente nel Parkinson“.

L’uso di successo del Cliochinolo per invertire gli effetti di questa mutazione mette in luce il potenziale dei farmaci che prendono di mira il lisosoma nelle future terapie non solo del morbo di Parkinson, ma anche di altre malattie neurodegenerative in cui è stata implicata la disfunzione del lisosoma.

Fonte, Human Molecular Genetics

Altri articoli su parkinson