Stimolazione del nervo vago riduce i sintomi da artrite reumatoide

artrite reumatoide

I dati degli studi clinici pubblicati negli Atti della National Academy of Sciences (PNAS) dimostrano che stimolare il nervo vago con un dispositivo bioelettronico impiantabile migliora significativamente i sintomi da artrite reumatoide (RA) nei pazienti.

L’artrite reumatoide è una malattia infiammatoria cronica che colpisce 1,3 milioni di persone negli Stati Uniti con un costo di decine di miliardi di dollari ogni anno, per il trattamento.

I risultati, annunciati dall’ Academic Medical Center/University of Amsterdam, dal Feinstein Institute for Medical Research e SetPoint medica, appaiono on line in PNAS Early Edition.

La pubblicazione, dal titolo ” Vagus nerve stimulation inhibits cytokine production and attenuates disease severity in rheumatoid arthritis” mette in evidenza uno studio umano progettato per ridurre i sintomi dell’artrite reumatoide, i livelli di citochine e l’infiammazione, stimolando il nervo vago con un piccolo dispositivo impiantabile.

“Questo è il primo studio che valuta se stimolando il riflesso infiammatorio direttamente con un dispositivo elettronico impiantato si possono trattare pazienti affetti da RA”, ha detto il Professor Paul-Peter Tak, ricercatore internazionale e autore principale dello studio, della Divisione di Immunologia clinica e Reumatologia della Academic Medical Center / University di Amsterdam.

“Abbiamo già dimostrato che il target del riflesso infiammatorio può ridurre l’infiammazione in modelli animali e in vitro di RA. La correlazione diretta tra stimolazione del nervo vago e la soppressione di diverse citochine chiave come TNF, così come i ridotti sintomi di RA, dimostrano che la nuova strategia potrebbe essere rilevanti anche per altre malattie infiammatorie immuno-mediate “.

“I nostri risultati suggeriscono un nuovo approccio per combattere le malattie”, ha aggiunto Anthony Arnold, amministratore delegato di SetPoint medica. ” Questi risultati supportano il nostro sviluppo continuo di dispositivi bioelettronici volti a migliorare la vita delle persone affette da malattie infiammatorie croniche e offrono agli operatori sanitari, nuove e potenzialmente più sicure alternative di trattamento a un costo totale molto più basso per il sistema sanitario”.

” Si tratta di un vero e proprio passo avanti nella nostra capacità di aiutare le persone che soffrono di malattie infiammatorie,” ha detto il co-autore Kevin J. Tracey, MD, dell’Istituto Feinstein per la ricerca medica e co-fondatore di SetPoint medica. ” Studiando modelli animali di infiammazione, fino ad ora non abbiamo avuto alcuna prova che la stimolazione elettrica del nervo vago può effettivamente inibire la produzione di citochine e ridurre la gravità della malattia negli esseri umani. Credo che questo studio cambierà il nostro modo di vedere la medicina moderna e aiuerà a comprendere che i nostri nervi possono aiutare il nostro corpo a guarire se stesso”.

Anche se incentrati sull’ artrite reumatoide, i risultati dello studio possono avere implicazioni per i pazienti affetti da altre malattie infiammatorie, tra cui Crohn, il Parkinson, l’Alzheimer e altre…

Metodologia di studio e risultati

Nello studio, un dispositivo di stimolazione è stato impiantato sul nervo vago nel corso di un intervento chirurgico, poi attivato e disattivato in base a un programma impostato per misurare la risposta nel corso di 84 giorni, con endpoint primari valutati dopo 42 giorni.

Diciassette pazienti con artrite reumatoide attiva partecipanti allo studio e molti pazienti che non erano riusciti a rispondere a diverse terapie, tra cui sostanze biologiche con differenti meccanismi d’azione, hanno dimostrato risposte robuste al trattamento. I risultati indicano che la stimolazione elettrica attiva del nervo vago inibisce la produzione di TNF in pazienti affetti da AR e attenua in modo significativo la gravità della malattia.

Diversi pazienti hanno riportato miglioramenti significativi, tra cui alcuni che non erano riusciti in precedenza a rispondere a qualsiasi altra forma di trattamento farmaceutico. Inoltre, non sono stati segnalati gravi effetti collaterali.

Il campo emergente della medicina bioelettronica si propone di indirizzare disturbi tradizionalmente trattati con farmaci e utilizza invece i dispositivi di neuromodulazione avanzati che possono offrire vantaggi significativi. SetPoint sta sviluppando una nuova piattaforma medicina bioelettronica per trattare una varietà di malattie infiammatorie immuno-mediate, utilizzando il dispositivo impiantato per stimolare il nervo vago.

Fonte:

Altri articoli su artrite reumatoide