HomeSaluteSteatosi epatica: trovato fattore protettivo contro l'accumulo di lipidi

Steatosi epatica: trovato fattore protettivo contro l’accumulo di lipidi

(Steatosi epatica-Immagine: il team ha scoperto che la proteina SBK1 è il fattore protettivo contro l’eccessivo accumulo di lipidi. Credito: Maris SY Chan e il dottor Palak Ahuja).

La steatosi epatica non alcolica (NAFLD) è una malattia prevalente frequentemente osservata nelle persone obese. Avere un alto contenuto di grassi nel fegato è dannoso, in quanto è fortemente associato a gravi problemi di salute come diabete, ipertensione e cancro al fegato.

 Un gruppo di ricerca guidato dal Dottor Chi Bun Chan, assistente Professore della School of Biological Sciences, Facoltà di Scienze, Università di Hong Kong (HKU), ha scoperto un nuovo meccanismo di protezione contro questo disturbo.

- Advertisement -

I risultati della ricerca sono stati recentemente pubblicati sulla rivista scientifica leader a livello mondiale Hepatology.

Il fegato è l’organo vitale che orchestra il metabolismo generale del glucosio e dei grassi nel corpo umano. L’interruzione del metabolismo dei grassi nel fegato alla fine si tradurrà in iperglicemia e iperlipidemia, che sono forti fattori di rischio per lo sviluppo di diabete, iperlipidemia e cancro al fegato. Si prevede che il numero di pazienti NAFLD aumenterà da 80 milioni nel 2015 a 100 milioni nel 2030. Sebbene gli esiti dell’accumulo di grasso nel fegato siano stati ben stabiliti, non è chiaro se il fegato possieda un meccanismo difensivo per agire contro il danno.

Per rispondere a questa domanda, il team del Dr. Chan ha esaminato l’espressione dei geni nel fegato di topi obesi indotti da una dieta ricca di grassi e ha scoperto che una proteina, la SH3 domain binding kinase (SBK1), era esclusivamente elevata nei fegati dei topi obesi. SBK1 è una protein chinasi scoperta per la prima volta nel 2001, ma nessuno studio di follow-up è stato condotto per determinarne le funzioni nei mammiferi. Quindi, le funzioni di questa nuova proteina rimangono sconosciute.

Per la prima volta, il team del Dr. Chan ha scoperto che l’accumulo di acidi grassi è un induttore di SBK1 nel fegato del topo. I ricercatori hanno anche osservato che i topi senza il gene SBK1 nel fegato, chiamati topi “LSKO (koutout SBK1 specifico per il fegato)”, avevano un maggiore accumulo di lipidi e fibrosi in questo tessuto. Inoltre, i topi LSKO hanno mostrato una produzione di glucosio epatico incontrollata e livelli di glucosio nel sangue più elevati ed erano meno sensibili alla stimolazione dell’insulina rispetto alla loro coorte di controllo, che erano forti indicatori dello sviluppo del diabete.

- Advertisement -

Oltre agli studi sugli animali, il team del Dr. Chan ha anche utilizzato modelli cellulari in coltura per rispondere alla domanda su come il gene SBK1 controllasse il metabolismo dei lipidi nel fegato. I ricercatori hanno scoperto che SBK1 fosforilava e migliorava l’attività di Nur77, un fattore trascrizionale consolidato nelle cellule del fegato per controllare l’assorbimento degli acidi grassi e la sintesi dei lipidi. Quando l’attività della proteina SBK1 è stata abolita nelle cellule del fegato, hanno assorbito più acidi grassi e hanno sviluppato un eccessivo accumulo di lipidi che ha interferito con la segnalazione dell’insulina. Sorprendentemente, un altro ormone metabolico nelle cellule epatiche, il fattore di crescita dei fibroblasti 21 (FGF21), è stato ridotto quando la proteina SBK1 è stata abolita nelle cellule epatiche in coltura e nei topi LSKO. Poiché l’FGF21 è un ormone importante del fegato per comunicare con altri organi periferici come i tessuti adiposi bianchi, la ridotta produzione di ormone FGF21 nel fegato dell’LSKO compromette così la comunicazione tra il fegato e altri organi, portando allo sviluppo di insulino-resistenza in altri tessuti .

Per estendere queste scoperte all’applicazione terapeutica, il team di ricerca ha ulteriormente testato se la manipolazione dell’attività della proteina SBK1 nel fegato potrebbe salvare dall’effetto dannoso dell’obesità. Usando la consegna del gene mediata da adenovirus, i ricercatori hanno transitoriamente aumentato la quantità di proteina SBK1 nei fegati di topo con steatosi epatica indotta da fruttosio e hanno riscontrato che sintomi patologici come steatosi epatica, infiammazione, iperlipidemia e iperglicemia sono stati tutti alleviati.

Vedi anche:Steatosi epatica non alcolica: sviluppato nuovo trattamento

“I nostri risultati mostrano chiaramente che la proteina SBK1 è un importante regolatore del metabolismo lipidico, precedentemente trascurato“, ha affermato il Dott. Chan. “Siamo molto entusiasti di vedere che l’aumento della sua attività allevia efficacemente i problemi di salute causati dal fegato grasso. Ma abbiamo ancora bisogno di ulteriori studi per descrivere completamente la sua attività funzionale in modo da poter sviluppare l’attivatore SBK1 come nuovo agente di trattamento per questa comune malattia del fegato “, ha ulteriormente aggiunto il Dottor Chan.

Fonte:Hepatology

ULTIMI ARTICOLI

Infezioni batteriche e ferite della pelle: nuovo approccio per il trattamento

(Infezioni batteriche-Immagine: ferita vascolarizzata al microscopio. Credito: Rachel Kratofil). I ricercatori dell'Università di Calgary hanno identificato un nuovo approccio promettente per il trattamento delle infezioni batteriche...

Januvia farmaco per il diabete può contenere tracce di cancerogeno

(Januvia-Immagine Credit Medicalxpress). "Il popolare farmaco per il diabete Januvia può contenere tracce di un probabile cancerogeno, ma i pazienti dovrebbero continuare a usare il...

Cuffia dei rotatori: potenziale trattamento rivoluzionario per la rigenerazione

(Cuffia dei rotatori/Studio-Immagine:Dr. Cato T. Laurencin-Credito UCNN). Un nuovo modo per rigenerare i muscoli potrebbe aiutare a riparare la cuffia dei rotatori nelle spalle danneggiate...

Acufene: svolta nella ricerca di una cura

(Acufene-Immagine Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico). Dopo 20 anni alla ricerca di una cura per l'acufene, i ricercatori dell'UDniversità di Auckland sono entusiasti dei "risultati...

Alimenti fermentati: 4 motivi per cui dovresti mangiarli

(Alimenti fermentati-Immagine Credit Public Domain). Gli alimenti fermentati hanno subito il processo naturale di essere fermentati da batteri, funghi o lieviti benefici. In questo processo,...