Home Salute Fegato Steatosi epatica non alcolica: individuato nuovo trattamento farmacologico

Steatosi epatica non alcolica: individuato nuovo trattamento farmacologico

I farmaci che interferiscono con il riciclaggio degli acidi biliari hanno dimostrato di prevenire diversi aspetti della steatosi epatica non alcolica (NASH) nei topi alimentati con una dieta ricca di grassi, secondo gli scienziati della Emory University School of Medicine e Children’s Healthcare di Atlanta.

La Steatosi epatica non alcolica, che è associata con la sindrome metabolica, sta diventando sempre più diffusa e non vi è alcun trattamento specifico disponibile.Sebbene la patogenesi di questo disturbo non è ancora pienamente compresa, è noto che gli acidi biliari giocano un ruolo chiave nel metabolismo lipidico. I ricercatori hanno ora identificato un farmaco che può essere somministrato per via orale e non viene assorbito, ma inibisce l’assorbimento dell’acido biliare dall’intestino e quindi riduce la gravità della malattia del fegato grasso in un modello di topo.

( Vedi anche:Scoperto nuovo potenziale trattamento per la steatosi epatica non alcolica).

- Advertisement -

I risultati suggeriscono che questi farmaci, noti come inibitori asbt, rappresentano una strategia clinica praticabile.

I risultati della ricerca sono stati pubblicati oggi dalla rivista Science Translational Medicine.

“Prendendo di mira un processo che avviene a livello intestinale, siamo stati in grado di migliorare la funzione del fegato e ridurre la la resistenza all’insulina in un modello murino di NASH”, dice l’autore senior dello studio Saul Karpen. ” Abbiamo anche ripristinato normali livelli di grasso nel fegato nei topi alimentati con una dieta ricca di grassi e zucchero. Si tratta di risultati promettenti che hanno bisogno di ulteriore conferma in studi clinici umani”.

Karpen ha condotto lo studio in collaborazione con Raymond F. Schinazi, illustre Professore di Pediatria presso la Emory University School of Medicine e capo della Divisione di Gastroenterologia Pediatrica, Epatologia e Nutrizione al Children’s Healthcare di Atlanta.

- Advertisement -

Molte persone nei paesi sviluppati sono affette da steatosi epatica non alcolica o malattia del fegato grasso, un accumulo di grasso nel fegato che è legato alla dieta e all’obesità. La malattia porta ad un elevato rischio di diabete di tipo II e malattie cardiache. Si tratta di una grave infiammazione del fegato che può progredire in cirrosi ed è tra le cause di aumento di trapianto del fegato.

Gli acidi biliari sono molecole prodotte a livello epatico dalla degradazione del colesterolo. Essi facilitano l’assorbimento dei grassi nell’intestino e regolano anche il metabolismo in tutto il corpo. ASBT, trasportatore sodiodipendente apicale degli acidi biliari è una proteina presente nel rivestimento delle cellule dell’intestino distale.

Se la funzione di  ASBT viene bloccata dai farmaci, il fegato è costretto ad usare il colesterolo per produrre più acidi biliari. Inibitori  ASBT erano considerati potenziali farmaci per controllare i livelli di colesterolo nel sangue, prima dell’avvento delle statine.

I ricercatori, guidati da Karpen e Paul Dawson, Prof.di Pediatria alla Emory University, hanno voluto verificare gli effetti di un inibitore ASBT in un modello murino di NASH. Per simulare l’alto contenuto di grassi e dieta ad alto contenuto di zucchero comune nei paesi occidentali, i topi hanno ricevuto una dieta con il 45 per cento delle calorie in grassi e colesterolo in più, insieme con acqua dolcificata con zucchero al 4 per cento – soluzione analoga di bevande analcoliche.

Dopo 16 settimane di questa dieta, i topi avevano guadagnato una piccola quantità di peso e avevano accumulato più grasso e infiammazione nel fegato. I topi sono diventati anche intolleranti al glucosio, un segno di diabete.

Il trattamento con inibitore ASBT per 16 settimane ha impedito in questi topi, l’accumulo di grasso nel fegato e ridotto l’infiammazione. I livelli di trigliceridi e colesterolo nel fegato dei topi trattati con farmaci inibitori ASBT sono risultati dieci volte più bassi di quelli dei topi non trattati. Il farmaco ha anche ripristinato la loro tolleranza al glucosio e migliorato la resistenza all’insulina.

 

“Il target dei percorsi acidi-biliari correlati può avere un reale potenziale terapeutico nel trattamento della steatosi epatica non alcolica, anche se c’è ancora molto da imparare”, dice Dawson. ” Come gli inibitori ASBT esercitano i loro effetti sul fegato è ancora irrisolto”.

Fonte: Science Translational Medicine

 

ULTIMI ARTICOLI

Neurodegenerazione e “spazzatura” nel cervello

Immagine: neurodegenerazione. Credit. Public Domain. Nerurodegenerazione: i ricercatori della Tokyo Medical and Dental University (TMDU) hanno recentemente dimostrato che un accumulo di "spazzatura" cellulare nel...

SARS-CoV-2: scoperti circa 10 virioni per cellula infetta

Immagine: Studio: "Il numero totale e la massa dei virioni SARS-CoV-2 in una persona infetta". Credito: NIAID / Flickr. SARS-CoV-2 - l'agente patogeno eziologico della...

Progeria: approvato dalla FDA il primo farmaco

Immagine: progeria. Credit: Public Domain. E' stato approvato dalla FDA il primo farmaco per il trattamento della Progeria, una rara malattia genetica che blocca la...

Osteoporosi: come combattere la disgregazione ossea

Immagine:osteoporosi.Credit: Public Domain. Osteoporosi: rilevato un potenziale bersaglio cellulare che elimina la disgregazione ossea secondo uno studio sui roditori condotto dai docenti della Perelman School...

Vaccini COVID 19: sviluppati a tempo di record sono sicuri?

Immagine: Vaccini COVID 19.Questa immagine al microscopio elettronico a scansione mostra SARS-CoV-2 (giallo), isolato da un paziente, che emerge dalla superficie delle cellule (blu...