HomeSaluteVirus e parassitiStanchezza fisica e mentale dopo Covid-19: c'è una soluzione?

Stanchezza fisica e mentale dopo Covid-19: c’è una soluzione?

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain).

I pazienti che hanno avuto l’infezione da Sars-CoV-2 che causa Covid-19, mostrano effetti a lungo termine, anche dopo mesi dalla fine dell’infezione acuta. I sintomi includono stanchezza cronica e conseguenze mentali come ansia, disturbi del sonno, difficoltà di concentrazione, memoria e difficoltà nell’attività abituale.

Una recente indagine osservazionale condotta in Italia ha coinvolto 200 pazienti in Italia affetti da stanchezza post-Covid, soggetti che presentavano ancora questi sintomi a un mese dalla fine del contagio. Ai partecipanti allo studio è stato consigliato di assumere l’integratore Apportal® (vitamine, minerali, aminoacidi e fitoestratti) per 28 giorni e i primi dati mostrano un miglioramento della fatica sia fisica che mentale, compresa l’ansia e la capacità di concentrazione.

- Advertisement -

Vedi anche:Vaccini Covid 19: nell’adenovirus il rischio raro di coaguli

L’integratore comprende fitoestratti e aminoacidi e contiene anche minerali e vitamine che aiutano a ridurre la stanchezza. La qualità della vita e il grado di affaticamento sono stati misurati per ogni paziente tre volte, a 0, 14 e 28 giorni, durante l’assunzione del supplemento.

Il questionario FACIT-Fatigue è stato utilizzato per quantificare il grado di fatica. Questo questionario è stato scelto per assegnare un valore oggettivo di fatica ai pazienti con COVID da lungo tempo che manifestano stanchezza persistente. Il questionario è stato utilizzato in molti studi precedenti. Questo questionario è composto da 13 affermazioni relative alla capacità di svolgere le attività quotidiane, alle esigenze di sonno durante il giorno, all’energia e alla stanchezza. Per comprendere le esperienze dei pazienti con la fatica mentale, è stato utilizzato un secondo questionario creato riadattando la Chalder Fatigue Scale. Queste domande riguardavano la memoria, la capacità di concentrazione e l’interesse per le attività svolte prima dell’infezione.

Lo studio è stato condotto con l’assistenza di medici di base in tutta Italia e ha coinvolto un’ampia fascia di età dei pazienti. Sono stati inclusi i pazienti, indipendentemente dalla gravità della loro precedente infezione o dalla variante del virus che avevano avuto. Lo studio è attualmente nella sua fase finale e l’analisi dei risultati preliminari mostra che l’assunzione di Apportal ® ha migliorato la qualità della vita dei pazienti e ha ridotto la loro sensazione di affaticamento persistente.

- Advertisement -

I dati ottenuti attraverso l’uso del FACIT-Fatigue Test per i primi 100 pazienti hanno mostrato che il 95% dei pazienti ha riscontrato che l’assunzione dell’integratore per 28 giorni ha fornito un beneficio significativo. Questa informazione è mostrata nella Figura 1 .

Figura 1. Percentuale di persone che mostrano miglioramenti nella sensazione di affaticamento e stanchezza 28 giorni dopo l’assunzione di Apportal. Credito immagine: PharmaNutra SpA

Anche il punteggio che indica la sensazione di affaticamento è migliorato del 64% e c’è stata una differenza nell’impatto del supplemento a seconda del sesso. Le donne soffrivano di un affaticamento iniziale “più grave” ma, utilizzando il test di Chalder modificato, mostravano un miglioramento maggiore in termini di affaticamento mentale. Questo è mostrato nella Figura 2 . Ciò è congruente con i dati pubblicati in precedenza e la letteratura correlata, che mostrano un grado di affaticamento più elevato per le donne che si sono riprese dall’infezione da Covid.

Figura 2. Percentuale di persone che mostrano un miglioramento nel questionario sulla fatica mentale dopo 14 e dopo 28 giorni in base al sesso. Credito immagine: PharmaNutra SpA

Inoltre, i pazienti di età superiore ai 60 anni che hanno mostrato miglioramenti dopo i primi 14 giorni hanno recuperato rapidamente.

Poiché i dati di questo studio continuano ad essere analizzati, è probabile che possa essere il farmaco possa essere il primo valido rimedio per il problema debilitante della stanchezza cronica che persiste per mesi dopo il recupero da Sars-Cov-2.

Saranno necessari ulteriori studi per confermare questi risultati preliminari. Tuttavia, è importante costruire una comprensione del problema del lungo-Covid e capire come dare un supporto nutrizionale e di altro tipo ai pazienti che soffrono di questa condizione. Attualmente, sembra che gli approcci nutrizionali mirati siano efficaci e le sinergie di componenti di integratori come Apportal ® potrebbero essere incredibilmente preziose per aiutare nel recupero della stanchezza persistente per i pazienti post-Covid.

Fonte: PharmaNutra.it

ULTIMI ARTICOLI

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...

Cancro del colon-retto e carne rossa: trovati i legami biologici

Mangiare meno carne rossa è un consiglio medico standard per prevenire il cancro del colon-retto, ma il modo in cui provoca la mutazione delle...

“L’effetto Mozart” ha dimostrato di ridurre l’attività cerebrale epilettica

(Effetto Mozart-Immagine Credit Public Domain). La musica di Mozart ha dimostrato di avere un effetto antiepilettico sul cervello e può essere un possibile trattamento per...

IBS: identificabile endoscopicamente dai biofilm della mucosa

(IBS-Immagine Credit Public Domain). Una donna su sei e un uomo su dodici in Austria soffre di una qualche forma di IBS, quindi circa un...

Singhiozzo: pronta una strategia per intervenire

(Singhiozzo-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università del Texas Health Science Center di San Antonio (UT Health San Antonio) e colleghi di tutto il mondo...