HomeSaluteCervello e sistema nervosoSM: riavviare il sistema immunitario

SM: riavviare il sistema immunitario

 (SM-Immagine Credit Public Domain).

Ogni giorno, a una persona in Svizzera viene diagnosticata la sclerosi multipla. La SM è una malattia autoimmune in cui il sistema immunitario del corpo attacca la guaina mielinica delle cellule nervose nel cervello e nel midollo spinale. La malattia porta a paralisi, dolore e stanchezza permanente, tra gli altri sintomi. Fortunatamente, negli ultimi decenni ci sono stati grandi progressi nelle terapie. Uno studio del Dipartimento di Neuroimmunologia e Ricerca sulla SM dell’Università di Zurigo (UZH) e del Dipartimento di Oncologia Medica ed Ematologia Clinica dell’Ospedale Universitario di Zurigo (USZ) ha ora individuato perché la terapia più efficace attualmente disponibile: un trapianto di cellule staminali che funziona veramente bene.

Eliminare le cellule immunitarie indesiderate

- Advertisement -

“L’80% dei pazienti rimane libero da malattia a lungo termine o addirittura per sempre, dopo un trapianto autologo di cellule staminali ematopoietiche”, afferma il Professor Roland Martin, capo dello studio recentemente in pensione. Il trattamento è particolarmente indicato per i giovani con forme aggressive della malattia. Quattro anni fa, grazie all’elevata efficacia del trattamento e all’ormai basso tasso di mortalità, il dipartimento di Martin insieme alla clinica USZ ottennero l’approvazione per la somministrazione della terapia. È l’unica clinica in Svizzera approvata per questo trattamento.

Durante il trattamento, diverse chemioterapie distruggono completamente il sistema immunitario dei pazienti, compreso il sottogruppo di cellule T che attaccano erroneamente il proprio sistema nervoso. I pazienti ricevono quindi un trapianto delle proprie cellule staminali del sangue, che sono state raccolte prima della chemioterapia. Il corpo usa queste cellule per costruire un sistema immunitario completamente nuovo senza cellule autoreattive.

Analisi sistematica delle cellule immunitarie

“Studi precedenti hanno mostrato il funzionamento di base del metodo, ma molti dettagli e domande importanti sono rimasti aperti”, afferma Martin. Alcuni aspetti poco chiari erano cosa accade esattamente dopo che le cellule immunitarie sono state eliminate, se qualcuna di esse sopravvive alla chemioterapia e se le cellule autoreattive non ritornano davvero.

- Advertisement -

Nello studio pubblicato di recente, il team di Martin ha esaminato sistematicamente queste domande per la prima volta analizzando le cellule immunitarie di 27 pazienti con SM che hanno ricevuto la terapia con cellule staminali a Zurigo. L’analisi è stata eseguita prima, durante e fino a due anni dopo il trattamento. Ciò ha permesso ai ricercatori di monitorare la velocità con cui i diversi tipi di cellule immunitarie si sono rigenerate.

Ripristino riuscito del sistema immunitario

Sorprendentemente, le cellule note come cellule T di memoria, che hanno il compito di garantire che il corpo ricordi gli agenti patogeni e che possono reagire rapidamente in caso di una nuova infezione, sono ricomparse immediatamente dopo il trapianto. Ulteriori analisi hanno mostrato che queste cellule non si erano riformate, ma erano sopravvissute alla chemioterapia. Tuttavia, questi resti del sistema immunitario originale non rappresentano un rischio per il ritorno della SM:Sono pre-danneggiate a causa della chemioterapia e quindi non sono più in grado di innescare una reazione autoimmune”, spiega Martin.

Nei mesi e negli anni successivi al trapianto, l’organismo ricrea gradualmente i diversi tipi di cellule immunitarie. Il timo svolge un ruolo importante in questo processo. È qui che i linfociti T vanno a scuola, per così dire, e imparano a distinguere le strutture estranee, come i virus, da quelle del corpo. “Gli adulti hanno pochissimo tessuto funzionante rimasto nel timo”, afferma Martin. “Ma dopo un trapianto, l’organo sembra riprendere la sua funzione e assicura la creazione di un repertorio completamente nuovo di cellule T che evidentemente non innescano la SM o ne provocano il ritorno”.

Vedi anche:SM recidivante: individuati i migliori biomarkers per predire il decorso

Ulteriori studi necessari per una più ampia approvazione

Questi risultati hanno permesso ai ricercatori di capire perché i trapianti di cellule staminali di solito hanno così tanto successo. “Ma purtroppo”, dice Martin, “il trattamento non è approvato in molti paesi, poiché mancano studi di fase III. Gli studi di fase III costano diverse centinaia di milioni di euro e le aziende farmaceutiche sono disposte a condurli solo se guadagneranno soldi in seguito. Questo non è il caso della terapia con cellule staminali, in quanto i farmaci utilizzati non sono più protetti da brevetto. Sono quindi molto lieto che siamo riusciti a ottenere l’approvazione per il trattamento dall’Ufficio federale della sanità pubblica e che gli assicuratori sanitari si facciano carico dei costi”, afferma Martin. In passato, molti malati di SM dalla Svizzera hanno dovuto recarsi a Mosca, Israele o Messico per ricevere i trapianti”.

Fonte:Science

 

ULTIMI ARTICOLI

Encefalite anti-NMDA: curato con successo un bambino affetto da questa malattia misteriosa

Encefalite anti-NMDA-Immagine Credit  Rutgers University.  Un bambino che soffriva di encefalite anti-NMDAR (recettore N-metil-D-aspartato), una disfunzione cerebrale rara e difficile da diagnosticare, è stato curato...

Depressione: sviluppato un antidepressivo nuovo e migliore

Depressione-Immagine Credit Public Domain. I farmaci antidepressivi attualmente disponibili hanno effetti collaterali spiacevoli, proprietà di dipendenza o possono indurre la schizofrenia. Lo sviluppo di antidepressivi a...

Cancro del pancreas: nuovo trattamento dissolve il cancro nell’80% dei casi

Cancro del pancreas-Immagine Credit Scitechdaily Il nuovo approccio, che combina farmaci chemioterapici tradizionali con un nuovo metodo di irradiazione del cancro del pancreas, è risultato...

Memoria a breve termine: la terapia laser la migliora

Memoria-Immagine Credito: Pixabay/CC0 Dominio pubblico. La laser terapia ha dimostrato di essere efficace nel migliorare la memoria a breve termine in uno studio pubblicato su...

Carne di organi e frattaglie sono sane da mangiare?

Sebbene la maggior parte delle persone mangi raramente frattaglie, ovvero carne di organi, in realtà sono ricche di importanti vitamine, minerali e micronutrienti che possono...