HomeSaluteSM: nuovi trattamenti personalizzati

SM: nuovi trattamenti personalizzati

(SM-Immagine Credito: Pixabay/CC0 di dominio pubblico).

Le terapie attualmente disponibili per il trattamento della sclerosi multipla (SM) mancano di precisione e possono portare a gravi effetti collaterali. I ricercatori del Karolinska Institutet in Svezia hanno ora sviluppato un metodo per identificare le cellule immunitarie coinvolte nelle malattie autoimmuni e hanno identificato quattro nuove molecole bersaglio di potenziale importanza per il futuro trattamento personalizzato della SM. 

I risultati dello studio, pubblicati su Science Advances, sono stati ottenuti in collaborazione con il KTH Royal Institute of Technology e la Regione di Stoccolma.

- Advertisement -

La sclerosi multipla (SM) è una malattia infiammatoria cronica del sistema nervoso centrale che di solito si sviluppa tra i 20 e i 40 anni. La malattia è guidata da cellule immunitarie che attaccano erroneamente il tessuto circostante nei neuroni nel cervello e nel midollo spinale. La SM provoca sintomi neurologici come disturbi sensoriali, difficoltà di deambulazione e di equilibrio e disturbi della vista. Attualmente non esiste una cura, solo trattamenti che riducono i tassi di recidiva e alleviano i sintomi.

“I trattamenti per la SM esistenti sono piuttosto indiscriminati nei loro effetti sul sistema immunitario, che rischia di causare complicazioni, come infezioni”, afferma Mattias Bronge, Ph.D. studente nel gruppo di ricerca di Hans Grönlund presso il Dipartimento di Neuroscienze Cliniche, Karolinska Institutet. “Guidare i trattamenti futuri in modo più accurato verso le cellule immunitarie che guidano la malattia può quindi portare a una maggiore efficacia e a minori effetti collaterali”.

Lavorando insieme al gruppo di ricerca del Professor Tomas Olsson al Karolinska Institutet, Grönlund e il suo team hanno sviluppato un metodo che consente di identificare le cellule T che reagiscono a determinate molecole bersaglio, i cosiddetti autoantigeni. Il presente studio descrive quattro nuovi autoantigeni che possono essere aggiunti alla manciata di quelli precedentemente identificati nella SM e daranno un contributo significativo agli sviluppi futuri nella diagnosi e nel trattamento.

“Il nostro metodo consente di presentare questi autoantigeni in un modo che ci aiuta a identificare e successivamente disabilitare i linfociti T che reagiscono ad essi”, afferma Hans Grönlund, docente di immunologia.

- Advertisement -

Dato che le persone con SM possono reagire a diversi autoantigeni, è importante identificare le cellule immunitarie responsabili della malattia di ciascun paziente . Questo modo di creare un trattamento personalizzato è chiamato medicina di precisione.

Vedi anche:Sclerosi multipla: nuovo trattamento riduce l’infiammazione

“Una volta identificato il profilo autoantigene individuale di un paziente, un trattamento può essere adattato di conseguenza”, spiega il Dott. Grönlund. “La maggior parte delle malattie autoimmuni sono guidate dai linfociti T e, se riusciamo a trovare un modo per prenderli di mira in malattie come la SM, possiamo aprire la strada a trattamenti più precisi con meno effetti collaterali anche per altre malattie autoimmuni. Grazie alla nostra collaborazione di lunga data con il Professor Roland Martin dell’Università di Zurigo, il nostro metodo sarà incluso in uno studio clinico di fase 2 che mira a “spegnere” le cellule T aggressive che guidano lo sviluppo e la progressione della SM“.

Il presente studio ha coinvolto 63 proteine ​​analizzate in campioni di sangue di pazienti con SM e controlli sani, quattro dei quali hanno dimostrato reattività autoimmune nella SM: FABP7, PROK2, RTN3 e SNAP91Le proteine ​​testate sono state selezionate in collaborazione con l’Atlante delle proteine ​​umane e con il Professor Torbjörn Gräslund presso il KTH Royal Institute of Technology e lo studio è stato condotto da KI, KTH e dalla regione di Stoccolma.

Fonte: Science Advances

ULTIMI ARTICOLI

Il multivitaminico quotidiano può essere un’abitudine non necessaria

(Multivitaminico-Immagine Credit Public Domain). Una persona su tre ingurgita un multivitaminico ogni mattina, probabilmente con un sorso d'acqua. La verità su questa abitudine popolare può...

Alzheimer: come l’intestino contribuisce allo sviluppo

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La ricerca guidata dai Dott. Yuhai Zhao e Walter J Lukiw del LSU Health New Orleans Neuroscience Center e dei Dipartimenti...

COVID 19: terapia inalatoria blocca la replicazione virale

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori dell'Università della California, a Berkeley, hanno creato un nuovo terapeutico COVID-19 che potrebbe un giorno rendere il trattamento...

Asma: trovato un potenziale trattamento a lungo termine

(Asma-Immagine Credit Public Domain). Un possibile modo per affrontare una delle cause alla base dell'asma è stato sviluppato dai ricercatori dell'Aston University e dell'Imperial College...

Cancro al seno: un nuovo farmaco riduce le metastasi cerebrali

(Cancro al seno-Immagine:grafico a cascata delle risposte nei pazienti valutabili per la risposta in base ai criteri RANO-BM nello studio TUXEDO-1. Le barre blu illustrano...