HomeSaluteCervello e sistema nervosoSclerosi multipla: nuovo trattamento riduce l'infiammazione

Sclerosi multipla: nuovo trattamento riduce l’infiammazione

La risoluzione dell’infiammazione è un processo attivo e regolato che porta alla rimozione dei detriti cellulari e delle cellule immunitarie dal tessuto interessato, facilitando il recupero dell’omeostasi. Questa risposta fisiologica è coordinata da lipidi bioattivi endogeni noti come mediatori specializzati in pro-risoluzione (SPM). Quando la risoluzione fallisce, l’infiammazione diventa incontrollata causando infiammazione cronica e danno tissutale, come accade nella sclerosi multipla (SM).

Un team guidato dall’Institut de Neurociències dell’Universitat Autònoma de Barcelona (INc-UAB) è riuscito a ridurre l’infiammazione cronica associata alla sclerosi multipla nei topi grazie alla somministrazione di un tipo di lipidi che media l’infiammazione.

Il team ha scoperto che questi tipi di sostanze mediatrici, responsabili della risoluzione del processo infiammatorio, quando non sono più utili sono ridotte al minimo nelle persone con sclerosi multipla e nei modelli animali della malattia. L’uso di questi mediatori potrebbe diventare una buona strategia per il trattamento di questa malattia autoimmune.

- Advertisement -

L’infiammazione acuta è una risposta protettiva all’infezione che promuove la rigenerazione dei tessuti dopo la lesioneUna volta che la sua funzione è stata svolta, una serie di meccanismi regolati dai lipidi che agiscono da mediatori sono responsabili della sua risoluzione. Un errore nella risposta di risoluzione provoca un’infiammazione incontrollata che è dannosa per i tessuti. Nella sclerosi multipla, una malattia autoimmune in cui le cellule di difesa dell’organismo attaccano il rivestimento della coda dei neuroni (mielina), l’infiammazione è persistente e gioca un ruolo chiave nello sviluppo della malattia.

Un gruppo di ricerca guidato da Rubén López-Vales, Professore di Fisiologia presso l’UAB e ricercatore presso il Neuroplasticity and Regeneration Group, INC-UAB, è riuscito a ridurre l’ infiammazione cronica associata alla sclerosi multipla in un modello murino della malattia, somministrando uno dei mediatori lipidici risolutivi dell’infiammazione, Maresin-1. La sostanza ha esercitato un effetto terapeutico sui topi, riducendo drasticamente la quantità di proteine ​​che promuovono l’infiammazione (citochine), nonché il numero di cellule del sistema immunitario sia nel midollo spinale che nel sangue. Una somministrazione continua del lipide nel tempo ha inoltre protetto i neuroni dalla demielinizzazione e migliorato gli effetti del deterioramento neurologico causato dalla malattia.

Nello studio, pubblicato sul Journal of Neuroinflammation, i ricercatori hanno esaminato campioni di pazienti con sclerosi multipla e modelli di topi e hanno scoperto che la produzione di Maresin-1 e di altri mediatori lipidici che pone fine all’infiammazione era insufficiente. I livelli di queste sostanze immunosoppressive, che erano quasi impercettibili, impedivano l’ arresto del processo infiammatorio.

Spiegano gli autori:

- Advertisement -

La SM è una malattia neuroinfiammatoria cronica e demielinizzante del SNC che colpisce circa 2,5 milioni di individui in tutto il mondo. Sebbene la causa esatta della SM non sia ancora nota, un segno distintivo della sua fisiopatologia è la presenza di un numero persistente di cellule immunitarie nella sostanza bianca e grigia del SNC. Infatti, studi neuropatologici mostrano che l’infiammazione è presente in tutti gli stadi della SM e che i leucociti infiltranti guidano la formazione di lesioni demielinizzate e neurodegenerative. A nostra conoscenza, ci sono attualmente pochi studi che affrontano il contributo delle SPM nei pazienti con SM su modelli animali. In un primo rapporto, è stata suggerita una connessione tra la gravità della malattia e la produzione di SPM in una piccola coorte di pazienti con SM. Un lavoro più recente ha scoperto che i pazienti con SM progressiva e recidivante avevano livelli plasmatici aumentati di eicosanoidi pro-infiammatori, mentre gli SPM erano ridotti o non rilevabili. È interessante notare che la somministrazione profilattica di due SPM noti come RvD1 e LXA4 ha portato ad azioni benefiche per l’encefalomielite autoimmune sperimentale (EAE9. In questo studio riveliamo che vi è una ridotta produzione di SPM nelle lesioni cerebrali attive e nei campioni di siero di pazienti con SM, nonché nel SNC dei topi sottoposti a EAE. Colleghiamo ulteriormente questi risultati con un’espressione difettosa di enzimi coinvolti nella sintesi di SPM nelle cellule mononucleate del sangue periferico (PBMC) e nelle lesioni cerebrali di individui con SM, nonché nel midollo spinale dei topi EAE).

Vedi anche:Sclerosi multipla: nuovi indizi genetici per il rischio

“I nostri risultati suggeriscono che uno dei meccanismi del corpo per risolvere l’infiammazione non funziona correttamente nei pazienti con sclerosi multipla, il che potrebbe in parte spiegare gli episodi di autoimmunità che sperimentano”, afferma il Dottor López-Vales.

Lo studio, condotto in collaborazione con l’Università di Montreal e l’Universidad de La República in Uruguay, indica la terapia con mediatori che risolvono l’infiammazione come una strategia innovativa e promettente per il trattamento della sclerosi multipla e di altre malattie autoimmuni che necessitano di ulteriori ricerche.

Infine, López-Vales spiega che i prossimi passi saranno una serie di test ed esperimenti per dimostrare la sicurezza della somministrazione di questo lipide, che potrebbe consentire loro di affrontare possibili studi di efficacia nell’uomo.

Fonte:Journal of Neuroinflammation

ULTIMI ARTICOLI

Trombosi: nuova strategia per prevenire i coaguli di sangue

(Trombosi-Immagine Credit Public Domain). Una terapia con nanoparticelle sviluppata dai ricercatori degli University Hospitals (UH) e della Case Western Reserve University prende di mira i...

Nobel per la medicina 2022 a Svante Pääbo per le straordinarie scoperte sull’evoluzione umana

(Pemio Nobel per la medicina-Immagine: Svante Pääbo ha ricevuto un premio Nobel per le scoperte sui genomi degli ominidi estinti e sull'evoluzione umana. Credito: Alamy). Svante...

La vita primitiva potrebbe aver avuto origine nell’argilla micacea

(La vita/origine-Immagine Credit: qimono tramite Pixabay, licenza gratuita). Nelle mitologie e nelle storie di tutto il mondo, varie culture e religioni indicano l'argilla come il vaso della...

L’herpes può ucciderti?

(Herpes-immagine Credit Public Domain) Il virus dell'herpes simplex (HSV), noto anche come herpes, causa un'infezione molto comune. Nella maggior parte dei casi, è asintomatico. Tuttavia, in rari...

Malattie di origine alimentare: come curarle ed evitarle

(Malattie di origine alimentare-Immagine Credit Public Domasin). Se hai mai sofferto di intossicazione alimentare, probabilmente ti sei chiesto cosa è successo e cosa puoi fare...