HomeSaluteCervello e sistema nervosoSLA: verso lo sviluppo di una terapia a base di proteine

SLA: verso lo sviluppo di una terapia a base di proteine

(SLA-Immagine: effetto di ApoE sulla vitalità di mBEC dopo esposizione al plasma di topo SLA in vitro. A, sono stati osservati numerosi mBEC vitali (verdi) in colture con mezzi basali. B, i globuli morti (rossi) sono aumentati significativamente dopo l’esposizione al plasma di topo SLA al 3%. C, L’aggiunta di 50 μg/ml di ApoE ai terreni di coltura con plasma ALS non ha ridotto le cellule morte. Barra della scala: 50 μm (AC). D, Le analisi statistiche riflettono l’imaging; **p < 0,01. Credito: eNeuro (2022). DOI: 10.1523/ENEURO.0140-22.2022).

I ricercatori dell’USF Health Morsani College of Medicine, con sede presso l’Università della Florida meridionale, hanno testato con successo una proteina che ha il potenziale per aiutare nello sviluppo di una terapia ​​per i pazienti con SLA, una  malattia progressiva del sistema nervoso, nota anche come la malattia di Lou Gehrig, che colpisce le cellule nervose del cervello e del midollo spinale.

Pubblicato su eNeuro, lo studio esamina gli effetti dell’apolipoproteina A1, un “colesterolo buono” sulle cellule endoteliali, il rivestimento dei vasi sanguigni, che fornisce una barriera tra il cervello, i tessuti del midollo spinale e la circolazione sanguigna.

- Advertisement -

In una capsula di Petri in una condizione ambientale che ricorda la SLA, il team ha scoperto che la proteina attiva un percorso unico all’interno delle cellule che aumenta la sopravvivenza e protegge le cellule endoteliali dalle sostanze tossiche nel sangue. Questo percorso può migliorare la sopravvivenza delle cellule e prevenire ulteriori danni vascolari causati dalla SLA.

“Con una barriera funzionale, la speranza è che l’ambiente nel sistema nervoso centrale diventi meno tossico e la progressione della malattia possa essere rallentata”, ha affermato Svitlana Garbuzova-Davis, Prof.ssa presso il Dipartimento di neurochirurgia e riparazione cerebrale e ricercatrice capo.

Vedi anche:SLA: nuovo marker può predire l’esito clinico

Sebbene la proteina abbia dimostrato di proteggere le cellule endoteliali in malattie come il diabete e l’aterosclerosi, gli effetti sulle cellule endoteliali danneggiate dalla SLA erano precedentemente sconosciuti.

- Advertisement -

Per testare l’impatto sulla SLA, il team ha esaminato come la proteina influenza i segnali delle cellule endoteliali. Garbuzova-Davis e i co-ricercatori della USF, la Prof.ssa Alison Willing e il distinto Prof. Cesario Borlongan della USF, hanno scoperto che le cellule danneggiate assorbono la proteina, riducendo significativamente il danno delle cellule endoteliali.

“È un po’ presto per prevedere quale sia l’effetto finale nei pazienti”, ha detto Willing. “In questo studio, abbiamo utilizzato un modello di coltura cellulare in cui possiamo controllare tutti gli aspetti di ciò a cui sono esposte le cellule. Non è possibile avere lo stesso grado di controllo nelle persone”.

Garbuzova-Davis afferma che questo studio ha gettato le basi per ulteriori ricerche con modelli animali di SLA per determinare completamente gli effetti terapeutici della proteina. Dopo risultati positivi, l’apolipoproteina A1 può essere presa in considerazione per studi clinici, dove sarebbe valutata per la sicurezza e l’efficacia nei pazienti con SLA.

Nel prossimo futuro, l’apolipoproteina A1 potrebbe essere considerata una potenziale nuova terapia per la riparazione delle cellule endoteliali, ripristinando la barriera del sistema nervoso centrale nei pazienti con SLA. Può anche aiutare ad alleviare i sintomi della SLA, come livelli squilibrati di antiossidanti e infiammazioni.

Fonte: eNeuro

 

ULTIMI ARTICOLI

Encefalite anti-NMDA: curato con successo un bambino affetto da questa malattia misteriosa

Encefalite anti-NMDA-Immagine Credit  Rutgers University.  Un bambino che soffriva di encefalite anti-NMDAR (recettore N-metil-D-aspartato), una disfunzione cerebrale rara e difficile da diagnosticare, è stato curato...

Depressione: sviluppato un antidepressivo nuovo e migliore

Depressione-Immagine Credit Public Domain. I farmaci antidepressivi attualmente disponibili hanno effetti collaterali spiacevoli, proprietà di dipendenza o possono indurre la schizofrenia. Lo sviluppo di antidepressivi a...

Cancro del pancreas: nuovo trattamento dissolve il cancro nell’80% dei casi

Cancro del pancreas-Immagine Credit Scitechdaily Il nuovo approccio, che combina farmaci chemioterapici tradizionali con un nuovo metodo di irradiazione del cancro del pancreas, è risultato...

Memoria a breve termine: la terapia laser la migliora

Memoria-Immagine Credito: Pixabay/CC0 Dominio pubblico. La laser terapia ha dimostrato di essere efficace nel migliorare la memoria a breve termine in uno studio pubblicato su...

Carne di organi e frattaglie sono sane da mangiare?

Sebbene la maggior parte delle persone mangi raramente frattaglie, ovvero carne di organi, in realtà sono ricche di importanti vitamine, minerali e micronutrienti che possono...