HomeSaluteVirus e parassitiSindrome infiammatoria post COVID 19

Sindrome infiammatoria post COVID 19

(COVID 19-Immagine Credit Canadian Medical Association Journal).

In rari casi, gli adulti che si sono ripresi da COVID-19 possono sviluppare una sindrome infiammatoria multisistemica e i medici dovrebbero considerare questa possibilità negli adulti con sintomi specifici, come quelli descritti in un caso pubblicato su  CMAJ ( Canadian Medical Association Journal).

Un uomo di 60 anni, che era risultato positivo al virus SARS-CoV-2 quattro settimane prima, si è recato in Ospedale per una serie di sintomi, tra cui prolungata mancanza di respiro, febbre alta, gonfiore e grave affaticamento. I test hanno rilevato un ingrossamento del cuore e dei polmoni, oltre ad altri problemi.

- Advertisement -

“Data la storia di recente infezione da SARS-CoV-2 del paziente che presentava febbre, alterazioni della mucosa orale, linfoadenopatia cervicale, congiuntivite, sospettavamo una sindrome infiammatoria post-COVID-19. Questi sintomi erano simili a quelli dei casi segnalati di una complicanza rara, ma grave nei bambini e negli adolescenti infetti da SARS-CoV-2, chiamata sindrome infiammatoria multisistemica nei bambini (MIS-C), nonché alla malattia simile a Kawasaki“, scrivono i Dott. Genevieve Kerkerian e Stephen Vaughan, specialisti in malattie infettive, Dipartimento di Medicina, Cumming School of Medicine, Università di Calgary, Calgary, Alberta. L’inizio tempestivo dell’uso dei farmaci ha aiutato il paziente a riprendersi. Nelle prime fasi della pandemia Covid-19 sembrava che i bambini potessero essere nella maggior parte dei casi solo lievemente sintomatici una volta contratto il virus. Tuttavia, nell’aprile 2020 il Servizio sanitario inglese ha riferito di alcuni casi di bambini e adolescenti in età scolare che presentavano febbre, ipotensione, forte dolore addominale e disfunzione cardiaca che sono risultati positivi all’infezione da SARS-CoV-2 sia da test RT-PCR nasofaringeo o mediante test degli anticorpi.

Vedi anche:Vaccini COVID 19: rivelata nuova potente ricetta

Casi precedenti della sindrome infiammatoria pot COVID 19 negli adulti sono stati documentati in persone di età inferiore ai 50 anni. Gli autori suggeriscono che l’età non dovrebbe limitare la potenziale diagnosi.

Molto è sconosciuto sulla sindrome infiammatoria multisistemica negli adulti (MIS-A). “A differenza della MIS-C, attualmente non vi è alcun obbligo di segnalare casi di MIS-A alle autorità provinciali o statali, ma questo dovrebbe essere incoraggiato per facilitare la ricerca e migliorare i risultati dei pazienti”, concludono gli autori.

- Advertisement -

Fonte Scitechdaily

ULTIMI ARTICOLI

Sindrome infiammatoria post COVID 19

(COVID 19-Immagine Credit Canadian Medical Association Journal). In rari casi, gli adulti che si sono ripresi da COVID-19 possono sviluppare una sindrome infiammatoria multisistemica e i...

Batteri intestinali proteggono l’intestino da SARS-CoV-2

(Batteri intestinali-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Yonsei University in Corea del Sud hanno scoperto che alcuni batteri intestinali che risiedono nell'intestino umano producono...

Invecchiamento: farmaco prolunga la vita dei moscerini

Invecchiamento: i ricercatori hanno scoperto che un farmaco contro il cancro chiamato Tremetinib prolunga la vita dei moscerini e potrebbe essere usato anche dagli...

Vaccini COVID 19: rivelata nuova potente ricetta

(Vaccini COVID 19-Immagine Credit Public Domain). Gli scienziati del NEIDL, del Broad Institute, affermano che i vaccini COVID 19 di prossima generazione potrebbero stimolare un...

Dallo studio dei prioni nuova comprensione dell’Alzheimer

(Prioni-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Case Western Reserve University che studiano i prioni, proteine ​​mal ripiegate che causano malattie letali incurabili, hanno identificato...