Home Salute Intestino e stomaco Sindrome dell'intestino irritabile: peptide del veleno di ragno potrebbe fermare il dolore

Sindrome dell’intestino irritabile: peptide del veleno di ragno potrebbe fermare il dolore

Ricercatori dell’Università del Queensland hanno scoperto che un peptide specifico trovato nel veleno di ragno potrebbe alleviare il dolore nei pazienti con sindrome dell’intestino irritabile.

Lo studio è stato pubblicato nell’ultimo numero della rivista Pain.

Il Professor Richard Lewis dell’Institute for Molecular Bioscience, University of Queensland, ha condotto lo studio insieme al Professor Stuart Brierley della Flinders University.

IBS

La sindrome dell’intestino irritabile (IBS) è una condizione dolorosa che colpisce migliaia di persone in tutto il mondo. Provoca dolore all’addome, insieme a frequenti disturbi dei movimenti intestinali, tra cui costipazione e diarrea. Alcune persone possono avere principalmente diarrea o prevalentemente costipazione o entrambi i sintomi. Di solito non ci sono cambiamenti patologici o danni al tratto gastrointestinale, ma la malattia può essere debilitante e può influire sulla qualità della vita.

La causa esatta di questa condizione non è nota. Di solito, appare uno schema di sintomi gastrointestinali, che aiuta a diagnosticare la condizione. Non ci sono test definitivi per la diagnosi e altre condizioni sono generalmente escluse prima che venga fatta una diagnosi di IBS. Il trattamento di solito comprende cambiamenti nello stile di vita, l’inclusione di probiotici e alcuni nutrienti nella dieta e alcuni farmaci.

Di cosa tratta questo studio?

È stato notato che circa il 20% della popolazione mondiale soffre di una qualche forma di dolore. In molti individui, il dolore può essere inizialmente alleviato con farmaci antidolorifici, ma presto si sviluppa la tolleranza e c’è una diminuzione dell’efficacia degli antidolorifici.

Uno dei principali sintomi di IBS osservato in molti malati è il dolore addominale cronico. Il Professor Lewis ha affermato: “Tutti i dolori sono complessi, ma il dolore intestinale è particolarmente difficile da trattare e colpisce circa il 20% della popolazione mondiale. I farmaci attuali non riescono a produrre un efficace sollievo dal dolore in molti pazienti prima che gli effetti collaterali limitino la dose che può essere somministrata”.

Il Professor Brierley ha fatto eco a questa affermazione dicendo: “Gli organi interni hanno una complessa rete di nervi sensoriali che hanno una vasta gamma di canali ionici voltaggio-dipendenti e recettori per rilevare gli stimoli … L’ipersensibilità di questi nervi nella malattia spesso contribuisce allo sviluppo del dolore“.

Via molecolare del dolore

Secondo i ricercatori, ci sono diversi canali voltaggio-dipendenti nei livelli molecolari colpiti da dolore cronico o a lungo termine. Questi sono canali voltaggio-dipendenti del sodio (Na V ) e del calcio (Ca V ). “Alcuni dei canali individuati per svolgere un ruolo nel dolore cronico includono Na V 1.1, Na V 1.3, Na V 1.7 – Na V 1.9, Ca V 2.2 e Ca V 3.2″, hanno scritto i ricercatori. “Si parla di diversi tipi di questi canali nella letteratura scientifica”, hanno aggiunto.

Vedi anche:I probiotici, anche quelli inattivi, possono alleviare i sintomi dell’IBS

In questo studio

Per questo studio, i ricercatori hanno prima esaminato 28 ragni e infine, caratterizzato il veleno della tarantola venezuelana Pinkfoot Goliath o apofisi TheraphosaQuesto ragno ha un’apertura delle gambe fino a 30 centimetri.

Il team descrive la scoperta e la caratterizzazione di due nuovi peptidi trovati nel veleno di ragno tarantola chiamati Tap1a e Tap2a trovato dal veleno ed hanno scoperto che questi peptidi alterano e modulano le attività dei canali Na V e Ca V 3.

Il Professor Lewis ha spiegato che i veleni contengono centinaia di peptidi in grado di inibire l’apertura dei canali ionici voltaggio-dipendenti. Ha detto: “Sfortunatamente questi peptidi non sono completamente selettivi per gli obiettivi del dolore. Il nostro obiettivo era trovare antidolorifici più specializzati che siano potenti e mirino ai canali del sodio del dolore per il dolore viscerale cronico, ma non quelli che sono attivi nel cuore e altri canali”.

Lo studio e gli esperimenti hanno rivelato che questi peptidi Tap1a e Tap2a hanno inibito i canali Na V e Ca V 3 target anche quando erano in concentrazioni da nanomolare a micromolare. La selettività è rimasta fuori target per Na V 1.6 e avevano una debole affinità per Na V 1.4 e Na V 1.5 a concentrazioni da nanomolare a micromolare di Tap1a e Tap2a.

Nella sindrome dell’intestino irritabile

Lo studio ha anche rivelato che Tap1a era un inibitore più potente delle fibre nervose afferenti dal colon e dalla vescica. Per questo studio, il team ha isolato modelli murini di sindrome dell’intestino irritabile. Dopo la somministrazione del peptide, hanno notato che l’ipersensibilità meccanica dei nervi del colon nei topi era significativamente ridotta.

Conclusioni e implicazioni

I ricercatori hanno scritto in conclusione: “Questi risultati suggeriscono che il target di una specifica combinazione di sottotipi Na V e Ca V 3 fornisce una nuova via per il trattamento del dolore viscerale cronico”. Il dolore addominale nell’IBS, ad esempio, potrebbe trarre beneficio dai farmaci a base di questi peptidi, se fosse dimostrato che sono sicuri per l’uso negli studi clinici sull’uomo.

Il Professor Lewis ha dichiarato: “Ora abbiamo una comprensione molto profonda della struttura e della funzione di questi peptidi del veleno di ragno … Quelli altamente selettivi hanno un potenziale come trattamenti per il dolore, mentre altri sono utili come nuovi strumenti di ricerca per permetterci di capire driver sottostanti del dolore”.

Immagine: Public Domain.

Fonte: Pain

ULTIMI ARTICOLI

Come i resti di virus antichi modellano la risposta immunitaria dei nostri giorni

Immagine:virus preistorico trovato sotto i ghiacciai della Siberia. Credit: Public Domain. Perché alcune persone sono più resistenti ai virus di altre? La risposta è sfuggita agli...

Inaspettato vantaggio dall’ E. coli: aiuta le cellule ad assorbire il ferro

Meglio conosciuto come un agente patogeno che causa intossicazione alimentare o sottrae sostanze nutritive al suo ospite, il batterio E. coli svolge in realtà un ruolo fondamentale...

Anemia falciforme: diagnosi in tempi record con nuova tecnologia

Immagine: Credit:Università del Colorado Boulder. L'anemia falciforme, richiede tradizionalmente un'intera giornata, un noioso lavoro di laboratorio e costose apparecchiature per la diagnosi, ma i ricercatori...

Le bioplastiche sono tossiche quanto le altre plastiche

La plastica convenzionale è prodotta dal petrolio. La produzione di plastica non è sostenibile e può contenere sostanze che sappiamo essere pericolose se ingerite. Negli ultimi...

Sfruttare i leucociti contro la cirrosi

Immagine:Public Domain. Esaminando il sistema immunitario sulla cirrosi scompensata In pazienti con cirrosi acuta scompensata, la somministrazione di albumina sierica umana (HSA) ha dimostrato di ridurre...