Stroke 2019: ultime scoperte della ricerca sull’ictus

ictus,Stroke 2019

Stroke 2019 presenta le ultime scoperte della ricerca sull’ictus.

Più di 450 eminenti menti dell’Asia, occupati nella ricerca sull’ictus, convergeranno a Canberra questa settimana per mostrare le ultime scoperte  che contribuiranno a migliorare la nostra comprensione dell’ictus.

La Stroke Society of Australasia (SSA) ospita Stroke 2019: ” New frontiers in stroke science”, il suo 29 ° incontro scientifico annuale, presso il National Convention Center.

La Professoressa Helen Dewey, Presidente della SSA, ha dichiarato che Stroke 2019 ha presentato un programma entusiasmante che esamina la più recente e solida ricerca a livello nazionale e internazionale che ha studiato i meccanismi, le conseguenze, la diagnosi, la prevenzione, la gestione e il recupero dell’ictus.

Vedi anche, Una polipillola a basso costo riduce il rischio di infarti, ictus e insufficienza cardiaca.

È un momento emozionante per la ricerca sull’ictus: le innovazioni nel trattamento stanno cambiando il modo in cui l’ictus viene trattato a livello nazionale e internazionale e l’Australia è in prima linea in questo progresso. I ricercatori australiani hanno svolto un ruolo centrale nello sviluppo della terapia di recupero del coagulo, l’estensione della finestra temporale per il trattamento di dissoluzione del coagulo e le indagini globali sull’uso delle unità mobili per ictus.

“Ora stiamo di nuovo aprendo la strada, con un nuovo progetto che studia la prospettiva di equipaggiare gli aeromobili con la tecnologia di scansione del cervello per consentire una diagnosi e un trattamento dell’ictus più rapidi, nelle nostre aree remote e regionali. Stiamo anche studiando nuovi trattamenti per supportare i sopravvissuti nella loro riabilitazione, portando a miglioramenti nel recupero dall’ictus. Stroke 2019 riunisce i nostri straordinari clinici, ricercatori e altri professionisti della salute legati all’ictus per condividere e imparare dalle migliori menti dell’ Asia-Pacifico e a livello internazionale “, dice Helen Dewey, Presidente Professor SSA.

Il Professor Dewey ha affermato che più di 56.000 ictus sarebbero stati sperimentati quest’anno solo in Australia e che nella comunità vivevano più di 475.000 sopravvissuti all’ictus.

“L’incidenza dell’ictus è in aumento, entro il 2050 si stima che ogni anno gli australiani vivranno più di 132.000 ictus, ovvero un ictus ogni quattro minuti. La buona notizia è che le scoperte sull’ictus stanno arrivando continuamente e l’ictus non è più una condanna a morte per molti. La sfida ora è sfruttare queste conoscenze per garantire a tutti i pazienti l’accesso al trattamento ed alle migliori pratiche e alle cure che salvano vite”, dice Helen Dewey.

Le innovazioni che verranno presentate a Stroke 2019 includono la prima Mobile Stroke Unit o Stroke Ambulance australiana, che estende la finestra per i trattamenti ictus critici nel tempo e l’impatto di imaging, abbattendo le barriere geografiche per il trattamento dell’ictus e la riabilitazione attraverso la telemedicina a supporto del recupero dall’ictus.

Gli esperti internazionali che presenteranno innovazioni da tutto il mondo includono:

  • Professor Tudor Jovin – Professore di neurologia presso la Cooper Medical School della Rowan University, Presidente di neurologia presso la Cooper University Healthcare e dDrettore del Cooper Neurological Institute: “Quanta imaging è necessaria per selezionare i pazienti con ictus acuto per la trombectomia?”
  • Il Professor Lee Schwamm – Professore di neurologia presso la Harvard Medical School e Direttore dei servizi per l’ictus acuto presso il Massachusetts General Hospital di Boston: “Dalle prove randomizzate ai registri clinici: tradurre le prove in miglioramenti pratici”.
  • Professoressa Pamela W. Duncan, Professore di neurologia alla Wake Forest University School of Medicine e Direttore delle innovazioni e dei risultati transitori della Wake Forest Baptist Health: “Cura completa dell’ictus: è tempo di cambiare il paradigma?”
  • Professor Richard Aviv – Professore di imaging medico, divisione di neuroradiologia e scienziato affiliato, presso il Sunnybrook Research Institute: “Selezione multimodale di immagini basate su TC di pazienti per il trattamento dell’ictus acuto”.

Altri articoli su ictus, Stroke 2019