Sequenziamento dell’RNA utilizzato per scoprire nuovi geni e percorsi nella celiachia

celiachia


I ricercatori del Centro di ricerca sull’immunologia e la biologia delle mucose presso il MassGeneral Hospital for Children (MGHfC) hanno scoperto nuovi geni e percorsi correlati alle prime fasi dello sviluppo della celiachia e all’infiammazione e alle comorbidità in corso, associate alla condizione

I risultati dello studio, pubblicati su PLOS One, includono analisi di sequenze di RNA in biopsie duodenali da individui con e senza malattia celiaca e sono coerenti con molti percorsi precedentemente descritti nello sviluppo della malattia celiaca.

In collaborazione con Regeneron Pharmaceuticals, Inc. – una società biofarmaceutica con sede a Tarrytown, New York – i ricercatori hanno eseguito il sequenziamento dell’intero trascrittoma di 12 pazienti con celiachia attiva, 15 pazienti celiaci in remissione senza danno intestinale e 15 individui senza celiachia . Analizzando il trascrittoma dei partecipanti, la somma totale delle sequenze di RNA trascritte, i ricercatori hanno scoperto quali geni sono stati espressi e quali geni non sono stati espressi per determinare le firme genetiche legate alla celiachia.

“Sappiamo che la celiachia è una malattia multifattoriale con circa 57 geni associati alla condizione : eseguendo il sequenziamento dell’RNA, abbiamo scoperto ulteriori “firme genetiche” e ci siamo avvicinati all’identificazione degli obiettivi per i futuri agenti terapeutici nella celiachia e forse in altri condizioni autoimmuni “, afferma Maureen Leonard, Direttore clinico del Centro per la ricerca e il trattamento della Celiachia presso MGHfC e Prof. di Pediatria presso la Harvard Medical School e primo autore dello studio.

Vedi anche,La celiachia può essere trattata con farmaci per la fibrosi cistica.

I risultati hanno mostrato chiare differenze nelle espressioni genetiche tra i tre gruppi. I ricercatori hanno trovato differenze significative nell’espressione di 945 geni tra persone con malattia celiaca attiva e controlli non celiaci; 290 geni tra persone con malattia celiaca in remissione e gruppo non celiaco e 538 geni tra il gruppo celiaco attivo e la celiachia nel gruppo in remissione.

I geni identificati attivano tre principali vie: immunità innata, permeabilità intestinale e differenziazione nella maturazione cellulare“, afferma Alessio Fasano, Direttore del Centro per la ricerca e il trattamento celiaci presso MGHfC, Professore di Pediatria presso la Harvard Medical School e autore senior dell’articolo. “Possiamo confermare che queste funzioni sono strumentali quando si sviluppa la celiachia. L’espressione di alcuni dei geni è tornata alla normalità quando i pazienti sono stati sottoposti a una dieta priva di glutine. “.

Fasano osserva che questa scoperta potrebbe fornire alcune informazioni sul perché alcune persone hanno un danno intestinale persistente anche dopo aver seguito una dieta rigorosamente priva di glutine.

Dall’enorme quantità di dati generati, i ricercatori hanno scelto di concentrarsi su percorsi funzionali che erano significativamente differenti tra il gruppo celiaco attivo e quelli in remissione. Due delle tre principali vie perturbate nel gruppo celiaco attivo riguardavano la segnalazione di citochine e chemochine che sono conosciute come “prime risposte” del sistema immunitario e marcatori di infiammazione nell’immunità innata nelle prime fasi dello sviluppo della malattia. I ricercatori hanno anche trovato prove che suggeriscono che il rischio di malattia autoimmune concomitante può essere elevato nella celiachia attiva, in quanto anche i percorsi per il diabete di tipo 1, il lupus e la malattia autoimmune della tiroide erano sovraregolati.

L’identificazione di potenziali bersagli per l’intervento terapeutico nella malattia celiaca e in altre condizioni autoimmuni è un obiettivo a lungo termine del gruppo di ricerca. “Questo studio è solo l’inizio: i nostri risultati forniscono il quadro per futuri studi di validazione per studiare i primi passi nella patogenesi della celiachia e per esaminare lo stato di remissione”, dice Leonard. 

Sono in corso ricerche in altri centri per l’uso del transcrittoma in terapia mirata nella malattia infiammatoria dell’intestino e Leonard e Fasano sperano di vederlo replicato nella malattia celiaca .

Fonte, PLOS One

Altri articoli su celiachia