La celiachia può essere trattata con farmaci per la fibrosi cistica

celiachia

Una nuova ricerca indaga le somiglianze molecolari tra celiachia e fibrosi cistica. I risultati suggeriscono che un composto sviluppato per la fibrosi cistica può anche trattare la malattia celiaca che è una malattia autoimmune che colpisce 1 persona su 141 negli Stati Uniti.

La condizione è innescata dal consumo di glutine – una proteina che può essere trovata nel grano, nell’orzo e nella segale e in alimenti come pane, pasta e prodotti da forno.

In una persona affetta da celiachia, il consumo di glutine induce il sistema immunitario ad attaccare il muco che riveste l’interno dell’intestino tenue.

Questo può innescare una serie di sintomi digestivi, come gonfiore, nausea, vomito, diarrea cronica e mal di stomaco.

Gli attuali rimedi per la malattia implicano evitare il glutine, ma una nuova ricerca , pubblicata su The EMBO Journal, indica nuovi bersagli terapeutici che potrebbero presto portare a trattamenti efficaci.

Lo studio è stato condotto da Luigi Maiuri, dell’Istituto scientifico San Raffaele di Milano, nonché da Valeria Raia, dell’Università di Napoli Federico II in Italia e Guido Kroemer, dell’Università Paris Descartes in Francia.

Chiave proteica nella fibrosi cistica e malattia celiaca

Maiuri spiega il punto di partenza della ricerca, osservando che la prevalenza della malattia celiaca è circa tre volte più alta tra le persone con fibrosi cistica, una condizione in cui uno spesso strato di muco si accumula nei polmoni e nell’intestino.

“Questa co-occorrenza ci ha portato a chiederci se esiste una connessione tra le due malattie a livello molecolare”, afferma Maiuri.

Come spiegano i ricercatori, la fibrosi cistica è causata da mutazioni in un gene che codifica per una proteina denominata regolatore di conduttanza transmembrana della fibrosi cistica (CFTR).

Altri articoli su celiachia