HomeMedicina AlternativaSemi d'uva: l'estratto prolunga la vita

Semi d’uva: l’estratto prolunga la vita

(Semi d’uva-Immagine Credit Public Domain).

Un team di ricercatori affiliato con una serie di istituzioni in Cina e negli Stati Uniti ha scoperto che l’iniezione di procianidina C1 (PCC1), una sostanza chimica presente nell’estratto di semi d’uva, nei topi più anziani ha allungato la durata della loro vita. Nell’ articolo pubblicato sulla rivista Nature Metabolism, il gruppo descrive il legame tra PCC1 e l’estensione della durata della vita nei topi.

L’invecchiamento è uno dei maggiori fattori di rischio per i disturbi cronici, comprese le malattie cardiovascolari, i disordini metabolici, le patologie neurodegenerative e diversi tumori maligni, che insieme rappresentano la maggior parte della morbilità, della mortalità e dei costi sanitari a livello globale. Negli ultimi anni sono stati compiuti notevoli progressi nello sviluppo di agenti specifici per il trattamento di condizioni legate all’età, come il diabete di tipo 2, l’osteoporosi, la fragilità scheletrica e la disfunzione vascolare. Tuttavia, l’effetto combinato di questi farmaci nel controllo della morbilità e della mortalità delle malattie croniche è stato modesto e queste malattie tendono a manifestarsi in sincronia come multimorbilità, con una prevalenza che aumenta esponenzialmente dopo i 70 anni di età.

- Advertisement -

Vedi anche:Procianidine dei semi dìuva prevengono l’invecchiamento

Spiegano gli autori:

Il declino funzionale degli organi associato all’invecchiamento e l’aumento del rischio di patologie croniche legate all’età è guidato in parte dall’accumulo di cellule senescenti, che sviluppano il fenotipo secretorio associato alla senescenza (SASP). Qui vi mostriamo che la procianidina C1 (PCC1), un componente polifenolico dell’estratto di semi d’uva (GSE), aumenta la durata della salute e della vita dei topi attraverso la sua azione sulle cellule senescenti. Attraverso lo screening di una libreria di prodotti naturali, troviamo che GSE e PCC1 come uno dei suoi componenti attivi, che hanno effetti specifici sulle cellule senescenti. A basse concentrazioni, PCC1 sembra inibire la formazione di SASP, mentre uccide selettivamente le cellule senescenti a concentrazioni più elevate, probabilmente promuovendo la produzione di specie reattive dell’ossigeno e la disfunzione mitocondriale. Nei modelli di roditori, PCC1 esaurisce le cellule senescenti in un microambiente tumorale danneggiato dal trattamento e migliora l’efficacia terapeutica quando co-somministrato con la chemioterapia. La somministrazione intermittente di PCC1 a topi vecchi irradiati, impiantati con cellule senescenti o invecchiati naturalmente, allevia la disfunzione fisica e prolunga la sopravvivenza. Identifichiamo PCC1 come un agente senoterapeutico naturale con attività in vivo e un alto potenziale di ulteriore sviluppo come intervento clinico per ritardare, alleviare o prevenire patologie legate all’età”.

Un team di ricercatori affiliato con una serie di istituzioni in Cina e negli Stati Uniti ha scoperto che l’iniezione di procianidina C1 (PCC1), una sostanza chimica presente nell’estratto di semi d’uva, nei topi più anziani ha allungato la durata della loro vita. Nell’ articolo pubblicato sulla rivista Nature Metabolism, il gruppo descrive il legame tra PCC1 e l’estensione della durata della vita nei topi.

- Advertisement -

Gli scienziati hanno cercato per molti anni di capire il processo di invecchiamento. La speranza è che, una volta compreso, gli sforzi di mitigazione possano rallentare o arrestare il processo per consentire alle persone di vivere più a lungo o di vivere in modo più sano man mano che invecchiano. In questo nuovo sforzo, i ricercatori hanno esaminato 46 estratti di piante alla ricerca di quelli con capacità anti-invecchiamento. Si sono imbattuti in PCC1. I test iniziali durante lo screening hanno mostrato che il composto riduceva il numero di cellule senescenti nella prostata umana. Tali cellule sono note per contribuire all’invecchiamento. Incuriositi dai loro risultati, i ricercatori hanno testato ulteriormente l’estratto. Hanno scoperto che a basse dosi impedisce alle cellule senescenti di contribuire all’infiammazione e a dosi più elevate le uccide completamente senescenti senza danneggiare altre cellule.

Il team ha quindi iniettato 171 topi con PCC1, 91 dei quali erano considerati vecchi. I ricercatori hanno scoperto che questo ha aumentato la durata complessiva della vita dei topi del 9% e la loro durata residua del 60%, in media. I ricercatori hanno anche iniettato topi più giovani con la sostanza chimica dell’estratto per un periodo di quattro mesi e hanno scoperto che ha migliorato la loro forma fisica. Hanno quindi iniettato la sostanza chimica nei topi che avevano tumori cancerosi e hanno scoperto che ha contribuito a ridurre i tumori quando somministrata in combinazione con la chemioterapia. Hanno anche scoperto che aveva lo stesso effetto sulle cellule tumorali umane impiantate nei topi.

I ricercatori osservano che in tutti i loro test non hanno riscontrato danni alle cellule normali, il che suggerisce che PCC1 potrebbe essere un trattamento terapeutico promettente per un’ampia varietà di condizioni e potrebbe benissimo ridurre alcuni degli impatti negativi dell’invecchiamento. Concludono che è necessario più lavoro per testare ulteriormente la sua efficacia e per garantire che non provochi effetti collaterali negativi.

Fonte:Nature

ULTIMI ARTICOLI

Paradosso biologico offre nuove intuizioni sul mistero del cancro

(Cancro-Immagine: Carlo Maley è ricercatore presso il Biodesign Center for Biocomputing, Security and Society presso l'Arizona State University.Credito: The Biodesign Institute presso l'Arizona State...

Malattie da prioni: come muoiono le cellule cerebrali

(Malattie da prioni-Immagine:neuroni cresciuti in coltura che esprimono una proteina prionica mutante (ciano) che causa malattie da prioni nell'uomo. Questi neuroni mostrano assoni rigonfi che...

Vaccinazione: cosa guida la scelta?

(Vaccinazione-Immagine: modello che collega le variabili di fondo non specifiche del COVID e quelle specifiche del COVID con i cambiamenti nell'intenzione di vaccinazione. Attestazione: PNAS). Nell'esaminare il...

Dolore cronico legato a differenze nella struttura cerebrale

Sapevi che la principale causa di disabilità nel mondo è il dolore cronico? Milioni e milioni di persone vivono la loro quotidianità segnata dal dolore. Non solo causa...

Malattia di von Hippel-Lindau: Belzutifan offre nuova speranza

(Malattia di von Hippel-Lindau-Immagine Credit Public Domain). I pazienti con malattia di von Hippel-Lindau, una condizione genetica causata da una mutazione nel gene VHL che...