HomeSaluteAlzheimer: Sildenafil nuovo candidato farmaco

Alzheimer: Sildenafil nuovo candidato farmaco

(Alzheimer-Immagine:secondo i risultati pubblicati su Nature Aging, il team di ricerca, guidato da Feixiong Cheng, Ph.D., del Genomic Medicine Institute della Cleveland Clinic, ha determinato che il Sildenafil è associato a una riduzione del 69% dell’incidenza del morbo di Alzheimer. Credito: Cleveland Clinic)

Un nuovo studio condotto dalla Cleveland Clinic ha identificato il Sildenafil, una terapia approvata dalla FDA per la disfunzione erettile (Viagra) e l’ipertensione polmonare (Ravatio), come un promettente farmaco candidato per aiutare a prevenire e curare il morbo di Alzheimer.

Secondo i risultati pubblicati su Nature Aging, il team di ricerca, guidato da Feixiong Cheng, Ph.D., del Genomic Medicine Institute della Cleveland Clinic, ha utilizzato la metodologia computazionale per vagliare e convalidare i farmaci approvati dalla FDA come potenziali terapie per il morbo di Alzheimer. Attraverso un’analisi su larga scala di un database di oltre 7 milioni di pazienti, i ricercatori hanno determinato che il Sildenafil è associato a una riduzione del 69% dell’incidenza della malattia di Alzheimer, indicando la necessità di test clinici di follow-up sull’efficacia del farmaco nei pazienti con la malattia.

- Advertisement -

“Studi recenti mostrano che l’interazione tra amiloide e tau contribuisce maggiormente all’Alzheimer rispetto a entrambi”, ha detto il Dott. Cheng. “Pertanto, abbiamo ipotizzato che i farmaci mirati all’intersezione della rete molecolare degli endofenotipi amiloide e tau dovrebbero avere il maggior potenziale di successo”.

Senza lo sviluppo di nuovi trattamenti efficaci, il morbo di Alzheimer avrà un impatto su 13,8 milioni di americani entro il 2050, sottolineando la necessità di un rapido sviluppo di strategie di prevenzione e trattamento. Il riutilizzo dei farmaci, ovvero l’uso di un farmaco esistente per nuovi scopi terapeutici, offre un’alternativa pratica al tradizionale processo di scoperta dei farmaci, costoso e lungo.

“Questo documento è un esempio di un’area di ricerca in crescita nella medicina di precisione in cui big data sono la chiave per collegare i punti tra i farmaci esistenti e una malattia complessa come l’Alzheimer”, ha affermato Jean Yuan, MD, Ph.D., Direttore del programma di Translational Bioinformatica e sviluppo di farmaci presso il National Institute on Aging (NIA), parte del National Institutes of Health (NIH), che ha finanziato questa ricerca. “Questo è uno dei tanti sforzi che stiamo sostenendo per trovare farmaci esistenti o composti sicuri disponibili per altre condizioni che sarebbero buoni candidati per gli studi clinici sulla malattia di Alzheimer“.

Vedi anche:Alzheimer: ossigenoterapia iperbarica inverte lo sviluppo

- Advertisement -

Il team del Dr. Cheng ha scoperto che la comprensione dei sottotipi (endofenotipi) delle malattie neurodegenerative come il morbo di Alzheimer può aiutare a rivelare i meccanismi sottostanti comuni e portare alla scoperta di bersagli attuabili per il riutilizzo dei farmaci.

L’accumulo di beta amiloide e proteine ​​tau nel cervello porta a placche amiloidi e grovigli neurofibrillari tau, due segni distintivi dei cambiamenti cerebrali correlati all’Alzheimer. La quantità e la posizione di queste proteine ​​nel cervello possono aiutare a definire gli endofenotipi. Tuttavia, attualmente non esistono trattamenti per l’Alzheimer a piccole molecole approvati dalla FDA, anti-amiloide o anti-tau, con molti studi clinici per tali trattamenti che hanno fallito nell’ultimo decennio.

“Studi recenti mostrano che l’interazione tra amiloide e tau contribuisce maggiormente all’Alzheimer rispetto a entrambi da soli”, ha detto il Dott. Cheng. “Pertanto, abbiamo ipotizzato che i farmaci mirati all’intersezione della rete molecolare degli endofenotipi amiloide e tau dovrebbero avere il maggior potenziale di successo“.

Utilizzando una vasta rete di mappatura genetica, i ricercatori hanno integrato dati genetici e altri dati biologici per determinare quale degli oltre 1.600 farmaci approvati dalla FDA potrebbe essere un trattamento efficace per il morbo di Alzheimer. Hanno individuato i farmaci che prendono di mira sia l’amiloide che la tau come aventi punteggi più alti rispetto ai farmaci che prendono di mira solo l’uno o l’altro. “Il Sildenafil, che ha dimostrato di migliorare significativamente la cognizione e la memoria nei modelli preclinici, si è presentato come il miglior candidato farmaco“, ha affermato il Dott. Cheng.

Il team di ricerca ha utilizzato un ampio database di dati di oltre 7 milioni di persone negli Stati Uniti per esaminare la relazione tra il Sildenafil e gli esiti della malattia di Alzheimer confrontando gli utenti di Sildenafil con i non utenti. L’analisi ha incluso pazienti che utilizzavano farmaci di confronto che erano in uno studio clinico attivo sull’Alzheimer (losartan o Metformina) o non erano ancora stati segnalati come rilevanti per la malattia (Diltiazem o Glimepiride).

I ricercatori hanno scoperto che gli utilizzatori di Sildenafil avevano il 69% di probabilità in meno di sviluppare il morbo di Alzheimer rispetto ai non utilizzatori di Sildenafil dopo 6 anni di follow-up. In particolare, il Sildenafil ha ottenuto una riduzione del rischio di malattia del 55% rispetto al losartan, del 63% rispetto alla metformina, del 65% rispetto al diltiazem e del 64% rispetto alla glimepiride.

“In particolare, abbiamo scoperto che l’uso di Sildenafil ha ridotto la probabilità di Alzheimer negli individui con malattia coronarica, ipertensione e diabete di tipo 2, tutte comorbidità significativamente associate al rischio della malattia, così come in quelli senza”, ha aggiunto il Dott. Cheng.

Per esplorare ulteriormente l’effetto del Sildenafil sulla malattia di Alzheimer, i ricercatori hanno sviluppato un modello di cellule cerebrali derivate dal paziente di Alzheimer utilizzando cellule staminali. Nel modello, i ricercatori hanno scoperto che Sildenafil aumenta la crescita delle cellule cerebrali e diminuisce l’iperfosforilazione delle proteine ​​tau (un segno distintivo che porta a grovigli neurofibrillari), offrendo approfondimenti biologici su come Sildenafil può influenzare i cambiamenti cerebrali legati alla malattia.

“Poiché i nostri risultati stabiliscono solo un’associazione tra l’uso di Sildenafil e la ridotta incidenza del Alzheimer, stiamo ora pianificando uno studio meccanicistico e uno studio clinico randomizzato di fase II per testare la causalità e confermare i benefici clinici di Sildenafil per i malati di AD”, ha affermato il Dott. Cheng. “Prevediamo anche che il nostro approccio venga applicato ad altre malattie neurodegenerative, tra cui il morbo di Parkinson e la sclerosi laterale amiotrofica, per accelerare il processo di scoperta dei farmaci“.

Fonte: Nature Aging 

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...