Secondo un nuovo studio non ci sono prove conclusive che gli integratori alimentari prevengano le malattie

integratori alimentari

Secondo un nuovo studio non ci sono prove conclusive che gli integratori alimentari prevengano le malattie.

Quando era un giovane medico, la Dr.ssa Martha Gulati notò che molti dei suoi mentori prescrivevano vitamina E e acido folico ai pazienti. Gli studi preliminari all’inizio degli anni ’90 avevano collegato entrambi gli integratori a un minor rischio di malattie cardiache.

Martha Gulati esortò suo padre ad assumere gli integratori: “Papà, dovresti assumere queste vitamine, perché i cardiologi le stanno prescrivendodo ai loro pazienti “, ha ricordato Gulati, ora a capo della cardiologia della University of Arizona.

Ma pochi anni dopo, si è ritrovata in una fase di regressione in quanto rigorosi test clinici non hanno trovato né vitamina E, né integratori di acido folico, utili per proteggere il cuore. Ancora peggio, gli studi hanno collegato la vitamina E ad alte dosi a un più alto rischio di insufficienza cardiaca, cancro alla prostata e morte per qualsiasi causa.

Più della metà degli americani assumono integratori vitaminici ed il 68% hanno 65 anni e oltre, secondo un sondaggio Gallup del 2013. Tra gli anziani, il 29 percento assume quattro o più integratori di qualsiasi tipo, secondo uno studio del Journal of Nutrition pubblicato nel 2017.

Spesso, studi preliminari alimentano l’esuberanza irrazionale su un integratore alimentare promettente, portando milioni di persone ad acquistarlo.

“L’entusiasmo tende a superare le prove”, ha detto il Dr. JoAnn Manson, capo della medicina preventiva presso il Brigham and Women’s Hospital di Boston.

“Non ci sono prove conclusive che gli integratori alimentari prevengano le malattie croniche nell’americano medio”, ha detto Manson. “E mentre una manciata di studi su vitamine e minerali ha avuto risultati positivi, questi risultati non sono abbastanza forti da raccomandare integratori al pubblico generale degli Stati Uniti”.

Il National Institutes of Health ha speso più di $ 2,4 miliardi dal 1999 per lo studio di vitamine e minerali. ” Eppure nonostante “tutta la ricerca che abbiamo fatto sull’efficacia degli integratori alimentari, non abbiamo molto da mostrare”, ha dichiarato il Dr. Barnett Kramer, Direttore della prevenzione del cancro presso il National Cancer Institute.

“Una gran parte del problema”, ha detto Kramer, “potrebbe essere che la maggior parte della ricerca nutrizionale si è basata su ipotesi errate, compresa la nozione secondo cui le persone più anziane hanno bisogno di più vitamine e minerali rispetto a una dieta tipica e che le megadosi sono sempre sicure e che gli scienziati possono ridurre i benefici delle verdure come i broccoli, in una pillola quotidiana”.

Gli alimenti ricchi di vitamine possono curare le malattie legate alla carenza di vitamine. E’ ampiamente dimostrato che arance e lime possono notoriamente prevenire lo scorbuto e la ricerca ha dimostrato a lungo che le popolazioni che mangiano molta frutta e verdura tendono ad essere più sane di altre.

“Quando i ricercatori hanno cercato di fornire gli ingredienti chiave di una dieta sana in una capsula”, ha detto Kramer,” quegli sforzi hanno quasi sempre fallito”.

“È possibile che le sostanze chimiche presenti nella frutta e nella verdura lavorino insieme in modi che gli scienziati non comprendono appieno e che non possono essere replicati in un tablet”, ha affermato Marjorie McCullough, Direttore dell’epidemiologia nutrizionale presso l’American Cancer Society.

” Anche se la dieta occidentale ha molti problemi – troppo sodio, zucchero, grassi saturi e calorie, in generale – non è a corto di vitamine”, ha detto Alice Lichtenstein, Professore alla Friedman School of Nutrition Science and Policy della Tufts University.

E anche se ci sono più di 90.000 integratori alimentari tra cui scegliere, le agenzie sanitarie federali e i consulenti raccomandano ancora che gli americani soddisfino i loro bisogni nutrizionali con il cibo, specialmente frutta e verdura.

Inoltre, il cibo americano è altamente fortificato, con vitamina D nel latte, iodio nel sale, vitamine del gruppo B nella farina, persino il calcio in alcune marche di succo d’arancia.

Senza nemmeno rendersene conto, chi consuma un tipico pranzo o colazione “sta essenzialmente assumendo un multivitaminico”, ha detto la giornalista Catherine Price, autrice di “Vitamania: come le vitamine hanno rivoluzionato il modo in cui pensiamo al cibo”.

“Ciò può rendere ancora più complicato lo studio delle vitamine”, ha affermato Price. I ricercatori potrebbero avere difficoltà a trovare un vero gruppo di controllo, senza esposizione a vitamine supplementari. Se tutti in uno studio consumano cibo fortificato, le vitamine possono apparire meno efficaci.

“Il corpo regola naturalmente i livelli di molti nutrienti, come la vitamina C e molte vitamine del gruppo B”, ha detto Kramer, “espellendo ciò di cui non ha bisogno nelle urine. È difficile evitare di ottenere l’intera gamma di vitamine”.

Non tutti gli esperti concordano. Il Dr.Walter Willett, Professore alla Harvard TH Chan School of Public Health, afferma che è ragionevole assumere un multivitaminico quotidiano. Willett ha detto che gli studi clinici sottovalutano i veri benefici dei supplementi perché non sono abbastanza lunghi, spesso durano da cinque a dieci anni. Potrebbero volerci decenni per notare un tasso più basso di cancro o di malattie cardiache nei consumatori di vitamine, secondo il ricercatore.

Per Charlsa Bentley, 67 anni, stare al passo con le ultime ricerche nutrizionali può essere frustrante. Ha smesso di prendere il calcio, per esempio, dopo che gli studi hanno scoperto che non protegge dalle fratture ossee. Ulteriori studi suggeriscono che gli integratori di calcio aumentano il rischio di calcoli renali e malattie cardiache.

“Ho fedelmente masticato quei supplementi di calcio e poi uno studio ha detto che non funzionano affatto”, ha detto Bentley, di Austin, in Texas. “È difficile sapere cosa è efficace e cosa non lo è”.

Bentley prende ancora cinque integratori al giorno: un multivitaminico per prevenire la secchezza degli occhi, il magnesio per prevenire i crampi durante l’allenamento, il riso rosso per prevenire il diabete, il coenzima Q10 per la salute generale e la vitamina D sulla base delle raccomandazioni del suo medico.

Come molte persone che assumono integratori alimentari, Bentley si esercita regolarmente, giocando a tennis tre o quattro volte alla settimana e osserva attentamente ciò che mangia.

I risultati preliminari possono anche portare i ricercatori a conclusioni sbagliate.

Ad esempio, gli scienziati hanno a lungo osservato che le persone con alti livelli di un amminoacido chiamato omocisteina hanno maggiori probabilità di avere attacchi di cuore. Poiché l’acido folico può abbassare i livelli di omocisteina, i ricercatori una volta speravano che gli integratori di acido folico avrebbero impedito infarti e ictus.

“In una serie di studi clinici , le pillole di acido folico hanno abbassato i livelli di omocisteina, ma non hanno avuto un beneficio complessivo per le malattie cardiache”, ha detto Lichtenstein.

Anche gli studi sull’olio di pesce potrebbero aver portato fuori strada i ricercatori.

“Quando studi di vaste popolazioni hanno dimostrato che le persone che mangiano molti frutti di mare hanno meno attacchi cardiaci, molti hanno ipotizzato che i benefici derivino dagli acidi grassi omega-3 presenti nell’olio di pesce”, ha detto Lichtenstein.

Studi rigorosi non sono riusciti a dimostrare che gli integratori di olio di pesce prevengono attacchi di cuore. Una sperimentazione clinica con pillole di olio di pesce e vitamina D, i cui risultati dovrebbero essere rilasciati entro l’anno, può fornire risposte più chiare sull’eventualità di prevenire la malattia.

“Ma è possibile che i benefici di sardine e salmoni non abbiano nulla a che fare con l’olio di pesce”, ha detto Lichtenstein.

Prendere megadosi di vitamine e minerali, usando quantità che le persone non potrebbero mai consumare solo attraverso il cibo, potrebbe essere ancora più problematico.

“C’è qualcosa di attraente nell’assumere un prodotto naturale, anche se lo stai prendendo in un modo totalmente innaturale”, ha detto Price.

I primi studi, ad esempio, suggerivano che il beta carotene, una sostanza presente nelle carote, potrebbe aiutare a prevenire il cancro.

“Nelle piccole quantità fornite da frutta e verdura, il beta carotene e sostanze simili sembrano proteggere il corpo da un processo chiamato ossidazione, che danneggia le cellule sane”, ha detto il Dr. Edgar Miller, Professore di medicina alla Johns Hopkins School of Medicine.

Gli esperti sono rimasti scioccati quando due studi ampi e ben progettati negli anni ’90 hanno scoperto che le pillole di beta carotene aumentavano i tassi di cancro al polmone. Allo stesso modo, uno studio clinico pubblicato nel 2011 ha rilevato che la vitamina E, anche un antiossidante, aumentava il rischio di cancro alla prostata negli uomini, del 17%. “Tali studi hanno ricordato ai ricercatori che l’ossidazione non è affatto negativa; aiuta a uccidere i batteri e le cellule maligne, cancellandole prima che possano trasformarsi in tumori”, ha detto Miller.

“Le vitamine non sono inerti”, ha aggiunto il Dr. Eric Klein, un esperto di cancro alla prostata presso la Cleveland Clinic che ha guidato lo studio sulla vitamina E. “Sono agenti biologicamente attivi, dobbiamo pensarli allo stesso modo dei farmaci: una dose troppo alta, può causare effetti collaterali”.

Fonte: KHN


Altri articoli su integratori alimentari