Home Salute Virus e parassiti Integratori alimentari: aiutano a combattere COVID 19?

Integratori alimentari: aiutano a combattere COVID 19?

(Integratori alimentari-Immagine Prof. Adrian Gombart che ha guidato la ricerca-Credit:Oregon State University).

Gli integratori alimentari contenenti vitamine C e D e altri micronutrienti, a volte in quantità superiori ai livelli raccomandati a livello federale, sono un mezzo sicuro, efficace ed economico per aiutare il tuo sistema immunitario a combattere il COVID-19 e altre malattie acute del tratto respiratorio, secondo un ricercatore della Oregon State University.

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Nutrients.

- Advertisement -

Adrian Gombart del Linus Pauling Institute dell’OSU e collaboratori presso l’Università di Southampton (Regno Unito), l’Università di Otago (Nuova Zelanda) e l’University Medical Center (Paesi Bassi), affermano che i funzionari della sanità pubblica dovrebbero emettere una chiara serie di raccomandazioni nutrizionali per integrare i messaggi sul ruolo del lavaggio delle mani e delle vaccinazioni nella prevenzione della diffusione delle infezioni.

“In tutto il mondo, le infezioni acute del tratto respiratorio uccidono più di 2,5 milioni di persone ogni anno“, ha affermato Gombart, Professore di biochimica e biofisica presso l’OSU College of Science e ricercatore principale presso il Linus Pauling Institute. “Nel frattempo, ci sono una grande quantità di dati che mostrano il ruolo che una buona alimentazione svolge nel sostenere il sistema immunitario. Come società dobbiamo fare un lavoro migliore per trasmettere quel messaggio insieme agli altri messaggi importanti e più comuni”.

“Vitamine, minerali e acidi grassi specifici hanno compiti fondamentali da svolgere nell’aiutare il tuo sistema immunitario”, dice il ricercatore. In particolare la vitamina C, la vitamina D, lo zinco e un acido grasso omega-3 presente nel pesce, l’acido docosaesaenoico, noto anche come DHA, sono fondamentali per la funzione immunitaria.

“I ruoli che gli integratori alimentari ed in particolare le vitamine C e D giocano nell’immunità sono particolarmente noti”, ha detto il Prof. Gombart. “La vitamina C ha ruoli in diversi aspetti dell’immunità, tra cui la crescita e la funzione delle cellule immunitarie e la produzione di anticorpi. Anche i recettori della vitamina D sulle cellule immunitarie influenzano la loro funzione. Ciò significa che la vitamina D influenza profondamente la risposta alle infezioni. Il problema è che le persone semplicemente non assumono a sufficienza di questi nutrienti mettendo a rischio la  resistenza alle infezioni. Di conseguenza, assisteremo a un aumento delle malattie e di tutti gli oneri aggiuntivi che ne derivano”.

- Advertisement -

Vedi anche:Gli integratori aiutano a combattere COVID-19?

Ecco perché i ricercatori stanno sollecitando non solo un multivitaminico giornaliero, ma dosi di 200 milligrammi o più di vitamina C (superiori alle linee guida federali suggerite di 75 milligrammi per gli uomini e 50 per le donne) e 2.000 unità internazionali di vitamina D, piuttosto che i consigliati da 400 a 800 a seconda dell’età.

La posta in gioco è enorme. Ogni anno, la sola influenza ospedalizza milioni di persone e  ne uccide diverse centinaia di migliaia in tutto il mondo.

“Un certo numero di pratiche di salute pubblica standard sono state sviluppate per aiutare a limitare la diffusione e l’impatto dei virus respiratori: lavaggio regolare delle mani, evitare quelli che mostrano sintomi di infezione e  tosse”, ha detto Gombart. “E per alcuni virus come l’influenza, ci sono campagne di vaccinazione annuali”.

Gombart sottolinea che le attuali pratiche di salute pubblica – sottolineando le distanze sociali, l’igiene e le vaccinazioni – sono importanti ed efficaci, ma necessitano di strategie complementari. Un focus nutrizionale sul sistema immunitario potrebbe aiutare a ridurre al minimo l’impatto di molti tipi di infezioni.

“L’attuale situazione con COVID-19 e il numero di persone che muoiono per altre infezioni respiratorie rendono chiaro che non stiamo facendo abbastanza”, ha detto. “Incoraggiamo fortemente i funzionari della sanità pubblica a includere strategie nutrizionali come il ricorso agli integratori alimentari nel loro arsenale“.

Fonte:Oregon State University

ULTIMI ARTICOLI

Microbo intestinale può promuovere il cancro al seno

(Cancro al seno-Immagine: coltura tridimensionale di cellule di cancro al seno umano, con DNA colorato in blu e una proteina nella membrana della superficie...

Virus letali:prodotti naturali che bloccano la diffusione

(Virus letali-Immagine Credit Public Domain). I ricercatori della Scripps Institution of Oceanography e della Skaggs School of Pharmacy and Pharmaceutical Sciences dell'Università della California di...

COVID 19: identificata nuova causa di coaguli di sangue

(COVID 19-Immagine Credit Public Domain). I coaguli di sangue continuano a devastare i pazienti con grave infezione da COVID-19 e un nuovo studio spiega cosa...

Lo zenzero contrasta alcume malattie autoimmuni

(Zenzero-Immagine Credit Public Domain). Lo zenzero è noto per avere effetti anti-infiammatori e antiossidanti che lo rendono un popolare rimedio naturale per il trattamento delle...

COVID 19: un vaccino italianio da biotech ReiThera

"L'Italia ha investito nella società locale di biotecnologie ReiThera per sostenere lo sviluppo del suo vaccino COVID-19", ha detto un alto funzionario martedì dopo...