Scoperto un farmaco che rallenta l’orologio biologico del cancro

cancro


Immagine,  la fotografia mostra una vista ingrandita delle cellule di cancro osseo umano, che hanno smesso di crescere quando una molecola di farmaco, GO289, ha bloccato il loro ritmo circadiano. Credito USC Michelson Center for Convergent Bioscience.

Un farmaco promettente rallenta l’orologio circadiano del cancro e ne blocca la diffusione.

Il nuovo farmaco mostra il potenziale per arrestare la crescita delle cellule tumorali bloccando l’orologio biologico delle cellule.

I risultati degli scienziati dell’USC Michelson Center for Convergent Bioscience e dell’Institute of Transformative BioMolecules (ITbM) dell’Università di Nagoya, avanzano una fiorente area di ricerca: trasformare i ritmi circadiani del corpo contro il cancro.

Il loro studio, condotto su cellule di cancro al rene umano e sulla leucemia mieloide acuta nei topi, è stato pubblicato il 23 gennaio sulla rivista Science Advances.

Gli scienziati sanno che interrompere il sonno e altri elementi del ritmo circadiano degli umani può nuocere alla salute. Lo stesso vale per l’orologio circadiano delle cellule stesse. I ricercatori ipotizzano che disturbare l’orologio circadiano delle cellule tumorali, potrebbero potenzialmente ferire o uccidere quelle cellule.

Vedi anche, Metabolismo del cancro oggetto di studio pionieristico.

Gli scienziati hanno scoperto che una molecola chiamata GO289 bersaglia un enzima che controlla il ritmo circadiano della cellula. Questa interazione farmaco-proteina interrompe quindi le funzioni di altre quattro proteine ​​che sono importanti per la crescita e la sopravvivenza delle cellule.

In effetti, GO289 può bloccare gli ingranaggi dell’orologio circadiano della cellula, rallentandone i cicli. E può farlo con poco impatto sulle cellule sane.

“In alcuni tumori, la malattia prende il sopravvento sul meccanismo dell’orologio circadiano e lo usa per il malvagio proposito di aiutarsi a crescere”, ha detto Steve Kay, Direttore della facoltà di bioscienze presso l’USC Michelson Center e Professore di Neurologia, Ingegneria biomedica e Biologia  alla USC Provost. “Con GO289, possiamo interferire con quei processi e impedire che il cancro cresca”.

Kay è tra gli scienziati della USC Dornsife, USC Viterbi School of Engineering e Keck School of Medicine della USC che stanno collaborando in più discipline per trovare nuove soluzioni per il trattamento del cancro, malattie neurologiche e malattie cardiovascolari.

Trovare il candidato giusto

Nelle sue interazioni iniziali con cellule di cancro osseo umano, GO289 sembrava rallentare l’orologio circadiano dei tumori mentre prendeva di mira un enzima chiamato CK2.

Per vedere se GO289 costantemente ostacola altri tumori allo stesso modo, gli scienziati lo hanno poi testato su cellule tumorali renali umane e su topi con leucemia mieloide acuta. Hanno scoperto che GO289 influenzava specificamente il metabolismo delle cellule tumorali e altre funzioni correlate al ritmo circadiano che normalmente avrebbero permesso al cancro di crescere e diffondersi.

Kay è ottimista riguardo ai risultati. “GO289 potrebbe diventare un’efficace nuova arma che uccide il cancro”, ha detto il ricercatore.

Fonte, EurekAlert


Altri articoli su cancro