Scoperta una ritmicità circadiana degli attacchi di emicrania a grappolo

0
179

Uno studio prospettico recentemente pubblicato sulla rivista Cefalalgia, la rivista ufficiale dell’International Headache Society, estende l’idea alla base della cronicità del mal di testa a grappolo. Lo studio, intitolato “Cambiamenti temporali della ritmicità circadiana nel mal di testa a grappolo”, è stato realizzato per la prima volta dal Dr. Mi Ji Lee, del Dipartimento di Neurologia, Centro di Neuroscienze, Samsung Medical Center, Sungkyunkwan University School of Medicine, Seoul, Corea.

Il mal di testa a grappolo (CH) è noto nella letteratura medica come il dolore più intenso che possa sperimentare l’uomo ed è popolarmente noto come “mal di testa suicida. Questo tipo di mal di testa è costituito da un disturbo di cefalea primaria, classificato come cefalalgia autonoma trigeminale dalla 3a versione della classificazione internazionale dei disturbi del mal di testa – ICHD-3. È caratterizzato da dolore orbitale, sopraorbitale e / o temporale unilaterale grave o molto grave della durata di 15-180 minuti, che presenta almeno uno dei seguenti sintomi autonomi nello stesso lato del dolore: iniezione congiuntivale e / o lacrimazione; congestione nasale e / o rinorrea; edema palpebrale; sudorazione della fronte e del viso; miosi e / o ptosi e un senso di irrequietezza o agitazione.

Vedi anche, Emicrania collegata ad alti livelli di sodio nel liquido cerebrospinale

Gli attacchi si verificano con una frequenza tra uno a giorni alterni e 8 al giorno. Nel corso del tempo attivo, gli attacchi possono essere meno gravi e / o di durata più breve o più lunga. Gli attacchi possono avere una durata di settimane o mesi (i cosiddetti periodi di cluster o attacchi) separati da periodi di remissione che generalmente durano mesi o anni. Un’altra caratteristica distintiva della emicrania a grappolo è il suo schema circadiano o addirittura circannuale, con fino all’82% dei pazienti che segnalano attacchi di CH ogni giorno alla stessa ora.

In questo studio, il Dr. Lee e i suoi colleghi hanno indagato in modo prospettico il modello della ritmicità circadiana in relazione al decorso della malattia in 175 pazienti nel periodo attivo in circa 15 Ospedali in Corea. La prevalenza e le caratteristiche della ritmicità circadiana sono state confrontate tra e all’interno dei pazienti con un numero diverso di attacchi totali durante la vita. Nei pazienti con attacchi di durata ≥ 2, gli attacchi di emicrania sono stati classificati come stazionari (nessun cambiamento tra gli attacchi), in via di sviluppo (diventano più evidenti con il progredire della malattia), in diminuzione (diventano meno prominenti con il progredire della malattia) e variabili (diversi da attacco ad attacco), per quanto riguarda i cambiamenti nel modello della ritmicità circadiana durante la progressione della malattia.

La ritmicità circadiana è stata segnalata in 86 (49,1%) pazienti. La ritmicità stagionale era più diffusa nei pazienti con ritmicità circadiana rispetto ai pazienti senza ritmicità circadiana (66,2% vs 37,1%, rispettivamente). La prevalenza della ritmicità circadiana era simile tra i gruppi (gruppi di decili) per quanto riguarda il numero di attacchi totali durante la vita, mentre i cambiamenti nella ritmicità circadiana tra attacchi durante il decorso della malattia sono stati riportati dal 45,3% dei pazienti. I pazienti senza ritmicità circadiana hanno mostrato un pattern più variabile rispetto ai pazienti con ritmicità circadiana (35,2% vs 8,8%), mentre un pattern stazionario era più comune tra i pazienti con ritmicità circadiana nell’attuale incontro (64,7% vs 40,9%) rispetto a quelli senza ritmicità.

Per quanto riguarda l’ora del giorno in cui gli attacchi di cefalea a grappolo si verificano  in relazione al numero di attacchi totali durante la vita, con la progressione della malattia, è stata osservata una tendenza a una distribuzione a mezzogiorno. Una maggiore varianza è stata osservata nei gruppi pomeridiani (13: 00-18: 00), mentre il gruppo serale (19: 00-12: 00) ha avuto la minima varianza. La predilezione notturna era predominante nel primo gruppo di durata della malattia (dal 1 ° al 2 ° decile), cioè quelli con ≤ 2 attacchi di CH a vita, ridotti con il progredire della malattia (fino al 7 ° decile) e aumentati nuovamente all’8 ° e 10 ° decili (media di 44,1 attacchi a vita totale nel decimo decile).

Questi dati indicano che la CH potrebbe non avere una ritmicità fissa durante il decorso della malattia, che esiste una variabilità individuale. Sono necessari molti studi per chiarire questa nuova caratteristica della ritmicità della emicrania a grappolo, poiché gli autori concludono “Questo modello può indicare una possibile evoluzione e regressione dell’espressione diurna della CH, la cui implicazione biologica non è stata ancora determinata“.

Fonte, Cephalgia