Scoperta la potenziale causa della degenerazione maculare legata all’età

0
662

Immagine: degenerazione maculare legata all’età.Credit: Memorisz / Shutterstock

La degenerazione maculare legata all’età o AMD porta alla perdita della vista in circa 1,5 milioni di persone nel Regno Unito e milioni di altre persone in tutto il mondo. In un nuovo studio i ricercatori hanno scoperto una nuova proteina che potrebbe essere la causa della condizione  e quindi fornire indizi per la sua diagnosi precoce e per un trattamento efficace.

Lo studio è stato pubblicato nell’ultimo numero della rivista Nature Communications.

I ricercatori della Queen Mary University di Londra, dell’Università di Manchester, dell’Università di Cardiff e del Radboud University Medical Center, Nijmegen, hanno collaborato per esaminare una proteina specifica chiamata FHR-4 presente nel sangue dei pazienti con AMD. Hanno anche notato che i livelli di questa proteina sono risultati più alti tra i tessuti maculari donati dai pazienti con AMD per la ricerca. La macula è una parte altamente sensibile della retina. “Se la correlazione è vera”, affermano i ricercatori, “questo studio potrebbe aprire la strada per il  rilevamento della AMD stimando il livello di questa proteina FHR-4 nel sangue. Questa formazione proteica potrebbe anche essere mirata nel trattamento dell’AMD”.

Il team ha spiegato che la proteina FHR-4 regola il sistema del complemento ed è formata da geni che si trovano nel cromosoma 1 in un cluster stretto. I ricercatori hanno scoperto che anche i geni che aumentano la quantità di FHR-4 erano responsabili di un rischio maggiore di AMD.

È noto che l’AMD di solito ha un’origine genetica e che alcune proteine ​​del complemento chiave sono coinvolte nel suo rischio e nella sua progressione. Per questo studio il team ha esaminato l’associazione genetica della malattia con i livelli di FHR-4 riscontrati nei pazienti con AMD. Livelli più elevati di questa proteina sono stati trovati in persone che avevano marcatori genetici codificati per la famiglia di proteine ​​H. “Questi geni che codificano per le proteine ​​H di solito si trovano in una singola regione del genoma”, spiegano i ricercatori.

Alcune varianti genetiche che sono strettamente associate all’AMD sono state anche annotate in questo nuovo studio genomico.

Il team ha scoperto che l’alterazione di questi geni ha portato a livelli più alti di FHR-4 che hanno portato a una cascata di eventi tra cui l’attivazione del sistema del complemento all’interno dell’occhio che porta all’avvio e alla progressione dell’AMD.

Per questo studio i ricercatori hanno esaminato 484 pazienti con AMD e confrontato i livelli del loro FHR-4 con 522 campioni di controllo che erano stati abbinati per età ai pazienti. I pazienti sono stati reclutati da due siti diversi. Il primo proveniva dallo studio AMD di Cambridge condotto dal Professor Anthony Moore del Moorfields Eye Hospital e dall’UCL Institute of Ophthalmology (ora all’Università della California di San Francisco) e dal Professor John Yates dell’Università di Cambridge. Il secondo proveniva dall’European Genetic Database (EUGENDA), guidato dal Professor Anneke den Hollander e dal Professor Carel Hoyng del Radboud University Medical Center.

La Dott.ssa Valentina Cipriani, una delle esperte di analisi dei dati statistici presso la Queen Mary University di Londra e membro dell’International AMD Genomics Consortium (IAMDGC), ha dichiarato: “Svelando l’FHR-4 come nuovo giocatore molecolare chiave per l’ AMD, il nostro studio è stato in grado di analizzare ulteriormente la predisposizione alle malattie genetiche nella regione del fattore H. Questa è una delle associazioni genetiche più affermate nel campo della genetica complessa. Speriamo che le nostre scoperte accelerino l’interesse della più ampia comunità di ricerca nel coinvolgimento del sistema del complemento nella AMD, con l’obiettivo finale di scoprire il ruolo dell’intero “complemento” nella malattia “.

Vedi anche:Identificato un modo potenziale per arrestare la degenerazione maculare

Il professor Paul Bishop dell’Università di Manchester e consulente oculista presso il Royal Eye Hospital di Manchester, uno dei leader dello studio hanno dichiarato: “I risultati genetici e proteici combinati forniscono prove convincenti che l’FHR4 è un controllore critico di quella parte del sistema immunitario che colpisce il occhi. Abbiamo dimostrato che livelli più elevati di FHR4 nel sangue determinati geneticamente portano a più FHR4 nell’occhio che a sua volta aumenta il rischio della risposta incontrollata del sistema immunitario che guida la malattia“. Il ricercatore ha aggiunto:” Quindi, oltre a migliorare la comprensione di come è causata la AMD, questo lavoro fornisce un modo per prevedere il rischio della malattia semplicemente misurando i livelli ematici di FHR4. Fornisce inoltre una nuova via per il trattamento riducendo i livelli ematici di FHR4 per ripristinare la funzione del sistema immunitario negli occhi. Poiché le opzioni terapeutiche per la AMD sono limitate, questa comprensione globale della biologia della AMD è un enorme impulso per gli scienziati a trovare risposte a un problema che causa infelicità indicibile a migliaia di persone nel solo Regno Unito”.

Il Professor Simon Clark, che ha guidato lo studio, ha dichiarato: “Questo studio è davvero un cambiamento nella nostra comprensione di come l’attivazione del complemento guida questa importante malattia. Fino ad ora, il ruolo svolto dalle proteine ​​FHR nelle malattie è stato sempre limitato. Ma ora mostriamo un legame diretto e, più eccitante, siamo ad un passo tangibile verso l’identificazione di un gruppo di potenziali obiettivi terapeutici per curare questa malattia debilitante”.

Lo studio è stato finanziato in parte dal Medical Research Council e dalla Macular Society e Fight for Sight.

Fonte, Nature