Scoperta la causa della progressione del cancro alla prostata

cancro alla prostata

I ricercatori dell’Università di Oulu in Finlandia hanno scoperto nuovi geni e meccanismi che possono spiegare come una variante genomica in un singolo polimorfismo nucleotidico (SNP) rs11672691 influenza l’aggressività del cancro alla prostata. Le loro scoperte suggeriscono anche modi per migliorare la stratificazione del rischio e il trattamento clinico per il carcinoma prostatico avanzato.

 Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Cell.

Tre miliardi di coppie di basi nel genoma umano sono quasi identiche tra due individui. Tuttavia, la variazione della sequenza del genoma come il polimorfismo del singolo nucleotide si verifica nella popolazione e può avere effetti profondi sul rischio di sviluppo di varie malattie, incluso il cancro alla prostata. “Come le varianti genomiche umane causano la malattia e la sua progressione è in generale uno dei più avvincenti enigmi e domande in medicina”, afferma Gong-Hong Wei, ricercatore dell’Academy Research presso il Biocenter Oulu dell’Università di Oulu.

Nuovi geni e meccanismi fondamentali

Il polimorfismo a singolo nucleotide (SNP) rs11672691 nella regione del cromosoma 19q13 è stato  associato al carcinoma prostatico aggressivo, ma il modo in cui questa variante genomica spiega questa associazione non era ancora stato scoperto. Utilizzando l’analisi genetica, genomica, molecolare e bioinformatica, Gong-Hong Wei ed i suoi collaboratori multinazionali hanno confermato l’associazione in un’ampia coorte di pazienti con cancro alla prostata e scoperto un circuito di regolazione oncogenico tra diversi geni, HOXA2, CEACAM21 e PCAT19 che potrebbero avere il potenziale di causare la progressione del cancro alla prostata in fase incurabile.

( Vedi anche:Cancro alla prostata: nuova forma di immunoterapia riattiva la risposta al trattamento ormonale).

“In particolare, abbiamo scoperto che l’allele guanina di rs11672691 G è associato a un’espressione elevata di PCAT19 e CEACAM21, nonché d una prognosi sfavorevole nei pazienti con cancro alla prostata. L’allele Rs11672691 G migliora il legame con la cromatina di HOXA2, un nuovo fattore di trascrizione oncogena con potenziale prognostico nel carcinoma della prostata e un regolatore trascrizionale di CEACAM21 e PCAT19: quest’ultimo è un lungo RNA non codificante “, afferma l’autore senior Gong-Hong Wei. “L’analisi dei punti di riferimento utilizzando lo strumento di modifica del genoma CRISPR-Cas9 rivela che il genotipo rs11672691 può influenzare direttamente l’espressione di PCAT19 e CEACAM21 e il fenotipo delle cellule del cancro alla prostata“, hanno detto Ping Gao e Ji-Han Xia, due co-primi autori dello studio .

Opportunità di migliorare il trattamento clinico

Il cancro alla prostata è il secondo tumore più comune e la quinta principale causa di morte correlata al cancro negli uomini, con oltre 1,1 milioni di nuovi casi diagnosticati e 300.000 decessi ogni anno in tutto il mondo. In Finlandia, sono stati diagnosticati circa 5000 nuovi casi ogni anno. Per questo motivo, un importante obiettivo di sanità pubblica sarebbe quello di migliorare il trattamento.

“Questo lavoro dimostra che le analisi combinate dell’espressione di genotipo rs11672691 e PCAT19 o CEACAM21 migliorano la previsione della prognosi e della progressione del cancro alla prostata, che possono in particolare rivelarsi utili”, afferma il Dr. Wei. “Riteniamo che i risultati possano essere riutilizzati per stratificare i pazienti con cancro alla prostata per trattamenti e cure personalizzate”. Nuovi geni e meccanismi scoperti aprono anche la strada allo sviluppo di farmaci di precisione per il cancro avanzato alla prostata, ma come questo circuito regolatore genetico spiega la patogenesi e la progressione del cancro alla prostata, necessita di ulteriori indagini “, ha aggiunto il Dott. Wei.

Fonte: Academic of Finland


Altri articoli su cancro alla prostata