Cancro alla prostata: nuova forma di immunoterapia riattiva la risposta al trattamento ormonale

cancro alla prostata

Immagine: Micrografia che mostra l’adenocarcinoma acinoso prostatico (la forma più comune di cancro alla prostata). Credito: Wikipedia.

Una nuova forma di immunoterapia riattiva la risposta al trattamento ormonale nel cancro alla prostata avanzato, secondo uno studio su topi e cellule di cancro alla prostata umana.

La terapia ormonale è un pilastro del trattamento del cancro alla prostata, ma le cellule tumorali possono diventare resistenti, portando a una forma avanzata della malattia, difficile da trattare.

Il nuovo studio ha scoperto che il blocco di una proteina prodotta da un tipo di cellule immunitarie – note come cellule soppressorie derivate da mieloide granulocitico – ha conservato la sensibilità alla terapia ormonale.

I farmaci che bloccano questa proteina, chiamata IL-23, esistono già e sono usati per malattie autoimmuni come la psoriasi.

Gli studi clinici sono ora in programma per valutare il possibile beneficio di questa nuova forma di immunoterapia insieme alla terapia ormonale di nuova generazione, negli uomini con carcinoma prostatico avanzato.

( Vedi anche:Come il sulforafano presente nei broccoli può prevenire il cancro alla prostata).

Gli scienziati dell’Istituto di ricerca sul cancro a Londra, hanno collaborato con i colleghi dell’Istituto di ricerca oncologica in Svizzera.

Lo studio è stato pubblicato sulla prestigiosa rivista Nature.

La ricerca è stata sostenuta da finanziatori tra cui la Prostate Cancer Foundation negli Stati Uniti, la Prostate Cancer UK, la Movember Foundation e la Cancer Research UK.

I ricercatori hanno studiato topi, insieme a campioni di tumore e sangue da pazienti affetti da cancro alla prostata trattati presso il Royal Marsden NHS Foundation Trust, per sradicare il ruolo delle cellule soppressorie derivate da mieloide nel cancro alla prostata.

Hanno scoperto che campioni di sangue e di tumore di uomini con carcinoma prostatico resistente contenevano livelli più alti di queste cellule immunitarie soppressorie Ie di L-23 rispetto a quelli di uomini il cui cancro rispondeva ancora alla terapia ormonale.

Quando hanno studiato topi con cancro alla prostata che non producevano più IL-23, i ricercatori hanno scoperto che i loro tumori si sono ridotti notevolmente e le cellule tumorali sono cresciute più lentamente.

Il blocco dell’IL-23 e l’arresto delle cellule soppressorie, hanno portato a una migliore risposta alla terapia ormonale, dando ai ricercatori la certezza di aver identificato un meccanismo chiave che guida la resistenza alla terapia ormonale nel cancro alla prostata.

Altre immunoterapie, che funzionano riattivando la capacità del sistema immunitario di riconoscere e uccidere le cellule tumorali, hanno mostrato alcune promesse nel cancro alla prostata, ma solo un sottogruppo di uomini risponde bene.

Poiché le cellule soppressorie derivate da mieloidi sono presenti in molti tumori della prostata, i ricercatori ritengono che questo approccio immunoterapico possa funzionare in una grande proporzione di uomini affetti dalla malattia.

Il Professor Johann de Bono, Professore di ricerca sul cancro presso l’Institute of Cancer Research di Londra e consulente medico oncologo presso il Royal Marsden NHS Foundation Trust, ha dichiarato:

“La terapia ormonale funziona bene negli uomini con cancro alla prostata, ma quando il cancro si evolve per diventare resistente al trattamento, le altre opzioni sono notevolmente ridotte. Il nostro studio ha trovato un’importante interazione tra la segnalazione dell’ormone e il sistema immunitario, riteniamo di poterla sfruttare per invertire la resistenza dell’ormone nel cancro alla prostata e aumentare l’effetto di farmaci per il cancro alla prostata ampiamente utilizzati come l’enzalutamideSiamo ansiosi di iniziare le sperimentazioni cliniche per studiare come possiamo combinare questa nuova forma di immunoterapia con le attuali terapie ormonali, per migliorare il trattamento per gli uomini con carcinoma prostatico avanzato”.

Il Professor Andrea Alimonti, Professore di oncologia presso l’Università della Svizzera italiana e Istituto di ricerca oncologica (IOR), Bellinzona, Svizzera, ha dichiarato:

“Quando abbiamo scoperto che le MDSC produttrici di IL23 erano il principale sottogruppo immunitario infiltrante i tumori della prostata che hanno acquisito resistenza al trattamento ormonale, ci siamo subito resi conto che queste cellule potevano essere una delle cause alla base del cancro alla prostata resistente. Questo studio descrive un nuovo meccanismo inaspettato con cui la risposta immunitaria del tumore supporta la crescita del cancro alla prostata e apre la strada a future nuove applicazioni terapeutiche per il trattamento dei pazienti con carcinoma della prostata metastatico “.

Il Professor Paul Workman, Direttore esecutivo dell’Istituto di ricerca sul cancro, a Londra, ha dichiarato:

“Le immunotopie hanno mostrato una grande promessa in molti tipi di cancro, ma finora il loro beneficio nel cancro alla prostata è stato limitato a un piccolo gruppo di uomini. Questo nuovo studio ha scoperto un modo completamente nuovo di modificare il sistema immunitario per combattere il cancro alla prostata. Una combinazione di terapia ormonale con questa nuova forma di immunoterapia potrebbe essere una nuova eccitante modalità di trattamento del carcinoma prostatico avanzato, ed è importante che questo approccio sia testato negli studi clinici”.

Howard Soule, Vicepresidente esecutivo e chief science officer della Prostate Cancer Foundation, ha dichiarato:

“Questo importante studio identifica una proteina immunitaria che consente la resistenza alla terapia anti-androgena e suggerisce che il target di questa proteina può essere efficace nel trattamento di uomini con carcinoma prostatico resistente”.

Fonte: Nature


Altri articoli su cancro alla prostata