HomeSaluteSistema ImmunitarioSclerodermia: verso nuovi trattamenti

Sclerodermia: verso nuovi trattamenti

(Sclerodermia-Immagine Credit Public Domain).

I ricercatori hanno scoperto mutazioni genetiche simili a quelle del cancro nelle cellule colpite delle persone con sclerodermia che indicano la strada per potenziali nuovi modi per trattare questa malattia fatale del tessuto connettivo.

“Di tutte le malattie reumatiche, la sclerodermia ha i risultati peggiori”, afferma il ricercatore capo Mohamed Osman, reumatologo e assistente Professore presso la Facoltà di Medicina e Odontoiatria.

- Advertisement -

Scoprendo alcuni dei meccanismi che collegano le risposte anormali al danno del DNA con la fibrosi e l’infiammazione, speriamo di scoprire nuovi meccanismi che possiamo usare per trattare meglio i pazienti“.

Una persona su 2.500 soffre di sclerodermia, secondo Osman. Conosciuta anche come “sclerosi sistemica”, la sclerodermia provoca l’indurimento della pelle a causa di una sovrapproduzione di collagene. Nei casi più gravi può portare a fibrosi (cicatrizzazione o ispessimento) dei tessuti vascolari e di organi come polmoni, reni e tratto gastrointestinale, che può essere fatale. In alcuni pazienti, la malattia inizia come quella di Raynaud, una malattia che provoca spasmi nelle arterie delle mani e dei piedi.

Donne e fumatori hanno un rischio maggiore rispetto ad altri di sviluppare la sclerodermia, ma la causa è sconosciuta. I pazienti con sclerodermia hanno un rischio elevato di cancro ai polmoni, alla mammella, alle ovaie o al colon. Farmaci, dieta ed esercizio fisico possono rallentare la progressione e alleviare i sintomi, ma non esiste una cura.

Vedi anche:Sclerodermia: Tofacitinib mostra risultati promettenti

- Advertisement -

Sebbene la sclerodermia sia generalmente considerata una malattia autoimmune infiammatoria, i trattamenti immunosoppressori, che abbassano o disattivano il sistema immunitario e sono tipicamente utilizzati per altre malattie autoimmuni, non sono altrettanto efficaci per la sclerodermia.

“Questo è uno studio preliminare che ci fornisce molte informazioni sulla patogenesi di questa malattia e spiega perché vediamo un’infiammazione che non risponde altrettanto bene alla terapia immunosoppressiva, che fino ad ora è stata un enigma”, afferma Osman.

Soppressione immunitaria contro immunoterapia

I ricercatori hanno esaminato i tessuti di otto pazienti, prelevando campioni dalla pelle affetta da sclerodermia e da tamponi orali come campione di controllo. Utilizzando una piattaforma di sequenziamento di nuova generazione, hanno sequenziato tutti gli esoni nel genoma, che sono chiamati esoma. Gli esoni sono la parte dei geni che contengono il codice per produrre le proteine.

Hanno trovato quasi 2.000 mutazioni, comprese le mutazioni “a orologio” che guidano l’invecchiamento precoce e il cancro, e 25 oncogeni che hanno un potenziale cancerogeno. Allo stesso tempo, hanno notato che alcune delle mutazioni che sono sempre presenti nel cancro non sono state osservate nelle cellule dello scleroderma.

Sulla base di queste nuove scoperte, i ricercatori ipotizzano che i trattamenti di immunoterapia come quelli utilizzati su alcuni tipi di cancro potrebbero rivelarsi efficaci. L’immunoterapia stimola alcune parti del sistema immunitario a colpire determinate cellule.

“Il nostro studio mostra che esiste un parallelo tra le mutazioni che guidano il cancro e le mutazioni che guidano lo sviluppo della sclerodermia“, afferma il co-ricercatore Robert Gniadecki, Professore e Direttore della divisione di dermatologia. L’endpoint nel cancro è la crescita aggressiva e nella sclerodermia è la fibrosi. La risposta immunitaria è al centro di entrambi i processi“.

Osman e Gniadecki intendono continuare il loro lavoro esaminando le cellule di più pazienti. I due si sono incontrati per la prima volta in una lounge dell’aeroporto dopo una conferenza e hanno capito durante una conversazione che mentre lavorano in diverse discipline – reumatologia e dermatologia – condividono l’interesse a risolvere il mistero della sclerodermia. Ora lavorano insieme in una clinica combinata di dermatologia e reumatologia, assistendo i pazienti e portando avanti il ​​progetto di ricerca congiunto.

La ricerca è stata pubblicata sul Journal of Autoimmunity.

Fonte: Journal of Autoimmunity

 

ULTIMI ARTICOLI

Encefalite anti-NMDA: curato con successo un bambino affetto da questa malattia misteriosa

Encefalite anti-NMDA-Immagine Credit  Rutgers University.  Un bambino che soffriva di encefalite anti-NMDAR (recettore N-metil-D-aspartato), una disfunzione cerebrale rara e difficile da diagnosticare, è stato curato...

Depressione: sviluppato un antidepressivo nuovo e migliore

Depressione-Immagine Credit Public Domain. I farmaci antidepressivi attualmente disponibili hanno effetti collaterali spiacevoli, proprietà di dipendenza o possono indurre la schizofrenia. Lo sviluppo di antidepressivi a...

Cancro del pancreas: nuovo trattamento dissolve il cancro nell’80% dei casi

Cancro del pancreas-Immagine Credit Scitechdaily Il nuovo approccio, che combina farmaci chemioterapici tradizionali con un nuovo metodo di irradiazione del cancro del pancreas, è risultato...

Memoria a breve termine: la terapia laser la migliora

Memoria-Immagine Credito: Pixabay/CC0 Dominio pubblico. La laser terapia ha dimostrato di essere efficace nel migliorare la memoria a breve termine in uno studio pubblicato su...

Carne di organi e frattaglie sono sane da mangiare?

Sebbene la maggior parte delle persone mangi raramente frattaglie, ovvero carne di organi, in realtà sono ricche di importanti vitamine, minerali e micronutrienti che possono...