SARS-CoV-2 sta mutando. Preoccupazioni per lo sviluppo del vaccino?

0
6

Immagine: Credit: visualstock / Shutterstock.

Una nuova ricerca mostra che il nuovo SARS-CoV-2 sta subendo mutazioni che potrebbero complicare il difficile sviluppo di un vaccino. Ci sono alcuni candidati al vaccino in procinto di prevenire COVID-19. Con un potenziale di mutazione del virus, i vaccini attualmente in fase di sviluppo potrebbero non funzionare contro i ceppi mutati emergenti che preoccupano i ricercatori di Taiwan e Australia.

Lo studio, “Analysis of the mutation dynamics of SARS-CoV-2 reveals the spread history and emergence of 2 RBD mutant with lower ACE2 binding affinity”, non è stato ancora sottoposto a revisione paritaria; tuttavia, i risultati sembrano promettenti.

La ricerca è stata pubblicata sul sito web di prestampa bioRxiv.

Ufficialmente oltre 2,4 milioni di persone in tutto il mondo sono state infettate dal nuovo coronavirus SARS-CoV-2 che causa la malattia COVID-19. Questa malattia appena classificata ha ucciso decine di migliaia di persone provenienti da diversi paesi. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha affermato che lo sviluppo del vaccino potrebbe essere l’unico modo per tenere sotto controllo questa pandemia.

In questa ricerca, gli scienziati hanno isolato campioni di virus dall’India e hanno dimostrato che questo nuovo virus era mutato e che le sue proteine spike erano diverse dai campioni originali.

Il team ha scritto che è “fondamentale notare i cambiamenti mutazionali nel virus SARS-CoV-2 al fine di sviluppare strategie efficaci per controllarlo”.

Bassi tassi di mutazione

Per questo studio, il team ha esaminato 106 sequenze di genoma SARS-CoV-2 e 39 sequenze di genoma SARS. I loro dati rivelano che questo nuovo virus ha un tasso di mutazione molto più basso rispetto al virus SARS originale. “L’osservazione di questo studio ha sollevato l’allarme che la mutazione SARS-CoV-2 con il profilo epitopo vario [qualcosa a cui un anticorpo si attacca] potrebbe sorgere in qualsiasi momento”, hanno scritto i ricercatori. “Questo significa che l’attuale sviluppo del vaccino contro la SARS-CoV-2 è ad alto rischio di diventare inutile”.

Il team ha utilizzato “Analisi della filogenesi della minima evoluzione” e ha indagato sulle origini del coronavirus e sulla sua possibile diffusione. i ricercatori hanno notato che ci sono diverse espressioni filogenetiche della proteina spike. In particolare, questa proteina spike sulla superficie del virus è la parte vitale che funge da ganci e si attacca alle cellule umane ospiti. I ricercatori hanno notato che questo genoma della proteina spike è rimasto per lo più invariato durante l’avvento del virus e il suo decorso.

Immagine: Virus SARS-CoV-2 che si lega ai recettori ACE2 su una cellula umana, lo stadio iniziale dell’infezione da COVID-19, illustrazione 3D: Kateryna Kon / Shutterstock.

Vedi anche: Nuova strategia per comprendere l’evoluzione delle varietà di SARS-CoV-2

Campione di virus indiano diverso

Il team ha esaminato la mutazione di SARS-CoV-2 in campioni recuperati dall’India. I ricercatori hanno trovato una mutazione che ha portato a una più debole “capacità di legame del recettore” del virus. Questo campione è stato raccolto dall’India il 27 gennaio 2020. Il campione proveniva dallo stato del Kerala ed è stato analizzato solo nel marzo 2020. È stato prelevato da uno studente di medicina tornato dalla Cina di Wuhan, dove la malattia era inizialmente iniziata. I ricercatori affermano che la composizione genetica di questo virus, tuttavia, è diversa dai campioni originali trovati a Wuhan.

Il team ha scritto: “Questo rappresenta il primo rapporto di un significativo mutante SARS-CoV-2 e genera l’allarme che lo sviluppo di vaccini in corso potrebbe diventare inutile nella futura epidemia se fossero identificate più mutazioni”.

i ricercatori hanno notato che con questa mutazione, il ceppo indiano ha avuto la rimozione di un legame idrogeno dalla proteina spike. Ciò ha reso il virus meno aderente ai recettori ACE2 sulle cellule ospiti del corpo. In particolare, il virus si lega ai recettori ACE2 sulle cellule ospiti che possono permettergli di entrare nelle cellule polmonari e in altre cellule.

Implicazioni

Questo studio mostra che, a differenza della SARS nel 2002 e nel 2003, il nuovo SARS CoV-2 ha un tasso molto più basso di mutazione e diversità genetica. Questo studio rivela che il gene che codifica per la proteina spike sul SARS-CoV-2 è uno dei geni più “conservati” di codifica delle proteine. Ciò significa che le proteine ​​spike non cambiano molto anche dopo le mutazioni. Questa potrebbe essere “una buona indicazione per lo sviluppo di farmaci antivirali e vaccini in corso”.

I ricercatori hanno anche confermato i cambiamenti nella disposizione delle proteine ​​spike di SARS CoV-2 e hanno affermato che questo riarrangiamento avrebbe dovuto essere osservato tra SARS-CoV-2 umano e ceppo di pipistrello di SARS CoV-2 prima che il virus fosse trasmesso dai pipistrelli a gli esseri umani.

Il team di ricercatori ha concluso: “Abbiamo fornito le prime prove che SARS-COV-2 mutato con ridotta affinità di legame con il recettore ACE2 umano è emerso in India sulla base di un campione raccolto il 27 gennaio 2020”.

Al momento, ci sono 70 candidati vaccini che si trovano in diverse fasi di sperimentazione. Si prevede che uno dei principali vaccini sarà disponibile per uso umano entro la metà del prossimo anno. Nel frattempo, se il virus subisce mutazioni più gravi, ciò potrebbe significare che tutti gli sforzi dello sviluppo del vaccino potrebbero essere deragliati e che i ricercatori potrebbero dover ricominciare a lavorare.

Fonte: bioRxiv