SARS-CoV-2: le acque reflue rivelano se le persone di una comunità sono infette

Trovare l’RNA del coronavirus SARS-CoV-2 nelle acque reflue può segnalare che le persone in una comunità sono infette.

Un nuovo studio rileva che il monitoraggio delle acque reflue per il materiale genetico del coronavirus SARS-CoV-2 potrebbe fornire agli esperti di Sanità Pubblica fino a una settimana prima, l’avvertimento che i casi di COVID-19 stanno raggiungendo il picco in un’area. Gli scienziati hanno trovato l’RNA del coronavirus nelle feci di alcuni pazienti con COVID-19. Sebbene non sia chiaro se il virus possa essere trasmesso attraverso le feci, i ricercatori hanno anche rilevato l’RNA del coronavirus nelle acque reflue grezze. Poiché la maggior parte delle persone non viene sottoposta a test per il virus fino a quando non iniziano a ammalarsi e alcuni potrebbero non sviluppare mai sintomi, i ricercatori stanno prendendo in considerazione l’uso delle acque reflue per cercare segni precoci che il virus abbia colpito un Comunità.
“In Connecticut, la quantità di materiale genetico del virus nelle acque reflue ha avvertito dell’esplosione dei casi di COVID 19 una settimana prima che si verificassero in una regione”, hanno riferito i ricercatori in uno studio preliminare pubblicato il 22 maggio su medRxiv.org. I ricoveri ospedalieri correlati a COVID-19 hanno raggiunto il punto più alto tre giorni dopo che i livelli di RNA erano stati individuati nelle acque reflue.
Dal 19 marzo al 1 maggio, i ricercatori hanno raccolto fanghi – che contengono solidi che possono depositarsi fuori dall’acqua – da un impianto di trattamento delle acque reflue a New Haven. Il team ha testato i fanghi per l’RNA del coronavirus SARS-CoV-2, quindi ha confrontato la quantità di RNA in quei campioni giornalieri con il numero di nuovi casi COVID-19 e ricoveri ospedalieri nella regione. 
Lo studio “dimostra che possiamo monitorare le acque reflue nelle città per ricevere un avviso tempestivo su quando si verificheranno focolai di coronavirus in quella comunità“, afferma Aaron Packman, ingegnere civile e ambientale presso la Northwestern University di Evanston, Illinois, che non è stato coinvolto nel lavoro. Gli esperti di salute pubblica utilizzano già le acque reflue per tracciare agenti patogeni come poliovirus, norovirus e batteri resistenti agli antibiotici. Tale sorveglianza per il coronavirus potrebbe aiutare a individuare aree in cui i casi saranno presto in aumento. E man mano che gli Stati iniziano a allentare le misure di distanziamento sociale progettate per frenare la diffusione del coronavirus, campioni provenienti da impianti di trattamento delle acque reflue, insieme a test diagnostici diffusi e tracciabilità dei contatti, potrebbero aiutare gli esperti a segnalare quando implementare misure di controllo locali per rallentare la diffusione del virus
“È molto meglio ricevere un avviso in anticipo piuttosto che aspettare fino a quando non ci sono molti malati”, afferma Packman.
Immagine: Credit: Art Wager/iStock/Getty Images Plus.
Fonte: Science