Individuata la casa neurale dove vive lo stress

Riepilogo: i ricercatori hanno identificato una rete neurale ippocampale che si attiva durante lo stress. L’attività in una rete ippocampale-ipotalamo prevede maggiori sensazioni di stress, mentre la connettività tra ippocampo e corteccia prefrontale dorsolaterale prevede meno stress.

I ricercatori della Yale University hanno trovato la casa neurale della sensazione di stress che le persone sperimentano, un’intuizione che può aiutare le persone ad affrontare il senso debilitante di paura e ansia che lo stress può evocare.

Lo studio è stato pubblicato il 27 maggio sulla rivista Nature Communications.

Le scansioni cerebrali di persone esposte a immagini altamente stressanti e preoccupanti – come un cane ringhiante, facce mutilate o bagni sporchi – rivelano una rete di connessioni neurali che emanano in tutto il cervello dall’ippocampo, un’area del cervello che aiuta a regolare la motivazione, l’emozione e memoria. Le reti cerebrali che supportano la risposta fisiologica allo stress sono state ben studiate negli animali. L’attivazione di aree cerebrali come l’ipotalamo innescano la produzione di ormoni steroidei chiamati glucocorticoidi di fronte a stress e minacce. Ma la fonte dell’esperienza soggettiva di stress vissuta dalle persone durante la pandemia di COVID-19, per esempio, è stata più difficile da individuare.

“Non possiamo chiedere ai topi come si sentono”, ha affermato Elizabeth Goldfarb, ricercatrice associata presso lo Yale Stress Center e autrice principale dello studio. Goldfarb e coautori, tra cui l’autore senior Rajita Sinha, Professore di Psichiatria del The Foundations Fund, hanno condotto una serie di scansioni fMRI in soggetti a cui è stato chiesto di quantificare i loro livelli di stress quando sono state presentate loro immagini inquietanti.

Vedi anche: Un nuovo studio spiega come lo stress può favorire lo sviluppo dell’ulcera

Lo studio rivela che le connessioni neurali emanate dall’ippocampo durante la visualizzazione di queste immagini hanno raggiunto non solo le aree del cervello associate alle risposte fisiologiche allo stress, ma anche la corteccia frontale laterale dorsale, un’area del cervello coinvolta nelle funzioni cognitive superiori e nella regolazione delle emozioni. Il team della Yale ha scoperto che quando le connessioni neurali tra l’ippocampo e la corteccia frontale erano più forti, i soggetti hanno riferito di sentirsi meno stressati dalle immagini fastidiose. Al contrario, i soggetti hanno riferito di sentirsi più stressati quando la rete neurale tra ippocampo e ipotalamo era più attiva.

Gli autori osservano che esistono anche prove di altri studi secondo cui coloro che soffrono di disturbi della salute mentale come l’ansia possono avere difficoltà a ricevere un feedback calmante dalla corteccia frontale in periodi di stress.

“Questi risultati possono aiutarci a personalizzare l’intervento terapeutico su obiettivi multipli, come aumentare la forza delle connessioni dall’ippocampo alla corteccia frontale o ridurre la segnalazione ai centri di stress fisiologico“, ha detto Sinha, che è anche Professore presso Yale’s Child Study Center and neuroscience department.

Tutti i soggetti dello studio erano sani e in alcuni casi le loro risposte durante l’esperimento sembravano adattative – in altre parole, le connessioni di rete con la corteccia frontale sono diventate più forti quando i soggetti sono stati esposti alle immagini stressanti. Sinha e Goldfarb hanno ipotizzato che questi soggetti potrebbero accedere a ricordi che aiutano a moderare la loro risposta a immagini stressanti. “Simile alle recenti scoperte che ricordano che esperienze positive possono abbassare la risposta allo stress del corpo, il nostro lavoro suggerisce che le reti cerebrali legate alla memoria possono essere sfruttate per creare una risposta emotiva più resistente allo stress“, ha detto Goldfarb.

Immagine: Credit: Yale University.

Fonte: Neurosciencenews