SARS-CoV-2: gli scienziati fanno luce su una risposta immunitaria misteriosa

I ricercatori del Centro clinico di Sanità Pubblica di Shanghai hanno fatto importanti scoperte sulla risposta immunitaria tra i pazienti che si sono ripresi da una lieve malattia COVID-19 che potrebbero aiutare a sviluppare metodi di prevenzione e trattamento, nonché a migliorare l’efficacia dei test.

I ricercatori hanno scoperto che molti dei partecipanti presentavano alti livelli di anticorpi neutralizzanti (NAbs) specifici per l’agente causale della malattia – sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2). Tuttavia, il 30% non aveva livelli elevati di questi anticorpi, il che suggerisce che altri anticorpi e fattori immunitari hanno contribuito al loro recupero.

Oltre a fornire informazioni potenzialmente utili per la terapia con anticorpi e lo sviluppo di vaccini, i risultati potrebbero aiutare a garantire che i test siano efficaci e affidabili.

Sulla pandemia

Dall’ epidemia sviluppatasi a dicembre 2019, la diffusione di COVID-19 è diventata una minaccia globale per la salute pubblica. Al 13 aprile, il coronavirus correlato alla SARS – SARS-CoV-2 – ha causato 1.911.407 infezioni segnalate e 118.854 decessi.

Immagine: diagramma di un virus influenzale. I virus dell’influenza A sono classificati per sottotipi in base alle proprietà delle loro proteine ​​superficiali di emoagglutinina (H) e neuraminidasi (N). Esistono 18 diversi sottotipi di HA e 11 diversi sottotipi di NA. I sottotipi vengono nominati combinando i numeri H e N, ad es. A (H1N1), A (H3N2).

La maggior parte degli individui infetti presentava solo sintomi lievi, ma circa il 14% passava a una malattia più grave caratterizzata da sintomi come difficoltà respiratorie e bassa saturazione di ossigeno nel sangue. In circa il 5% dei casi, la condizione è diventata critica, in particolare tra le persone di età pari o superiore a 60 anni o in quelle con problemi di salute esistenti e circa il 3,4% è deceduto per insufficienza respiratoria o di organi.

NAb specifici per virus

È noto che lo sviluppo di anticorpi neutralizzanti (NAbs) specifici per l’agente causale della malattia o NAb a seguito di infezione o immunizzazione, blocca e cancella le infezioni virali e i ricercatori si aspettano che (NAbs) contro SARS-CoV-2 contribuiscano alla protezione delle malattie e al recupero dei pazienti.

Vedi anche: Remdesivir interrompe la replicazione del virus SARS-CoV-2

La terapia con anticorpi passivi con plasma o siero di donatori recuperati ha precedentemente dimostrato di trattare infezioni come influenza, Ebola e SARS-CoV e la sua efficacia è stata correlata con i livelli di NAb o altri anticorpi dei donatori. Questa terapia è stata considerata un potenziale approccio per la prevenzione e il trattamento di COVID-19, ma i NAb specifici per SARS-CoV-2 non sono ancora stati ben studiati tra i pazienti con COVID-19 con sintomi clinici.
Ora, Jinghe Huang e colleghi hanno utilizzato un test di neutralizzazione sensibile, sicuro e riproducibile per selezionare i livelli di NAbs specifici per SARS-CoV-2 in campioni di plasma prelevati da 175 pazienti COVID-19 che si erano ripresi da una COVOD 19 lieve.
“In questo studio, abbiamo mirato a esplorare le caratteristiche cliniche associate al livello di NAbs nei pazienti guariti, il cui risultato può fornire informazioni utili per lo sviluppo di vaccini e terapia con anticorpi passivi per la prevenzione e il trattamento di SARS-CoV-2″, scrive il team.
Sebbene il documento (disponibile su MedRxiv) sia attualmente in fase di prestampa e non sia ancora stato sottoposto a revisione paritaria, Eleanor Riley, Professore di immunologia e malattie infettive all’Università di Edimburgo afferma che “è uno studio ben scritto e metodologicamente valido e fornisce un set di dati molto utili”.
I principali risultati
I risultati chiave sono stati che la maggior parte dei pazienti ha sviluppato NAbs specifici per SARS-CoV-2 durante la fase iniziale della malattia di COVID-19. I livelli di NAb hanno raggiunto un picco tra 10 e 15 giorni dopo l’insorgenza della malattia, dopo di che sono rimasti stabili.
Il professore di medicina all’Università dell’East Anglia, Paul Hunter, afferma che “lo studio fornisce ulteriori prove del fatto che se riusciamo a implementare test anticorpali, le persone dovrebbero aspettare circa due settimane dopo essersi ammalate per testarsi”. Circa il 30% non ha sviluppato livelli elevati di NAbs, tuttavia la durata della malattia tra questi pazienti non è risultata significativamente diversa, rispetto ai pazienti che hanno sviluppato livelli elevati.
“Questo risultato ha rilevanza per l’attuale dibattito sui test anticorpali nel Regno Unito”, afferma Hunter. “Se molte persone producono solo bassi livelli di anticorpi contro SARS-CoV-2, qualsiasi test di comunità dovrebbe avere un’alta sensibilità. Ciò fornisce ulteriori informazioni sul perché i test anticorpali nel Regno Unito non sono ancora stati autorizzati per l’usoInoltre, per dieci pazienti, i NAb non erano affatto rilevabili, “indicando che altri fattori del sistema immunitario come le citochine o le cellule T potrebbero aver contribuito al recupero”. Suggeriscono i ricercatori:
“Se questi pazienti sono ad alto rischio di rimbalzo o reinfezione dovrebbe essere esplorato in ulteriori studi”. Le persone anziane potrebbero aver avuto una risposta immunitaria innata più forte. Il team riferisce inoltre che tra coloro che hanno sviluppato NAbs, i livelli erano significativamente più alti nei pazienti anziani rispetto ai pazienti più giovani e correlati con i marcatori di gravità della malattia. I pazienti anziani avevano livelli più alti di CRP nel sangue e una conta dei linfociti inferiore, suggerendo una risposta immunitaria innata più forte rispetto ai pazienti più giovani.
Se l’alto livello di NAbs protegge questi pazienti dalla progressione in condizioni gravi e critiche è degno di una valutazione globale“, scrive il team.
I risultati di questo studio “dovrebbero essere ulteriormente esplorati” per lo sviluppo del vaccino. Gli autori affermano che, per quanto a loro conoscenza, il loro studio è il primo a riferire sui NAbs plasmatici tra i pazienti che si sono ripresi da COVID-19.
“La correlazione dei titoli NAb con età, conta dei linfociti e livelli di CRP nel sangue ha suggerito che l’interazione tra virus e risposta immunitaria dell’ospite nelle infezioni da coronavirus dovrebbe essere ulteriormente esplorata per lo sviluppo di un vaccino efficace contro il virus SARS-CoV-2“, conclude Il gruppo.
Fonte: MedRxiv