Home Salute Virus e parassiti Gli esperti spiegano come decontaminare le maschere N95 da SARS-CoV-2

Gli esperti spiegano come decontaminare le maschere N95 da SARS-CoV-2

Immagine: CCO Public Domain

Con l’elevata richiesta di dispositivi di protezione individuale (DPI), comprese le maschere chirurgiche e le maschere N95, molte persone non hanno altra scelta che provare a decontaminare questa apparecchiatura per un uso prolungato. Ora, un nuovo studio condotto da esperti mostra come le maschere N95 possano essere adeguatamente decontaminate da SARS-CoV-2 per un ulteriore utilizzo.

I ricercatori del National Institutes of Health Rocky Mountain Laboratories (RML), parte del National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID), in collaborazione con l’Università della California, Los Angeles, hanno dimostrato come decontaminare e disinfettare le maschere N95, in modo che gli operatori sanitari possano proteggersi anche in mancanza di offerta.

Il gruppo ha testato quattro metodi per decontaminare la maschera per determinare quale è la più efficace e i loro effetti sull’integrità delle maschere. Hanno testato la decontaminazione di piccole sezioni del tessuto filtrante N95 che è stato esposto alla sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2), il virus che causa COVID-19 o coronavirus. I metodi di decontaminazione includevano luce ultravioletta, spray al 70% di etanolo, perossido di idrogeno vaporizzato (VHP) e calore secco a 70 gradi Celsius.

Quali metodi sono efficaci?

La base dello studio, che è stato pubblicato su MedRxiv, una pubblicazione per scienziati il ​​cui studio non è ancora stato sottoposto a peer review.

Le quattro procedure di decontaminazione, tutte possono eliminare il virus, ma un metodo ha degradato il materiale della maschera: l’alcool etilico.

“Abbiamo scoperto che qualsiasi esposizione all’etanolo alterava significativamente l’integrità della maschera, come precedentemente riportato. Abbiamo anche scoperto che l’impatto dell’etanolo al 70% sull’integrità della maschera sembra dipendente dal tempo di esposizione. In effetti, trenta minuti dopo l’applicazione dell’etanolo al 70%, c’è stato un declino ancora maggiore nella funzione, anche se le maschere N95 si sentono asciutte al tatto. Coerentemente con studi precedenti, abbiamo osservato un declino dell’infettività SARS-CoV-2 (come valutato dalla cultura Vero E6) dopo alcune strategie di decontaminazione “, ha scritto il team nel documento.

Innanzitutto, i ricercatori hanno testato campioni di materiale N95 applicato al virus vivo in un laboratorio di biosicurezza. Il team ha testato i metodi sul materiale della maschera e li ha ripetuti su intere maschere senza il virus per vedere se la struttura e il funzionamento rimanevano intatti anche dopo i cicli di decontaminazione. Dopo i test, il team ha scoperto che lo spray all’etanolo ha danneggiato l’integrità della maschera, in particolare l’aderenza e la tenuta del respiratore, dopo due cicli di decontaminazione. Il team raccomanda di non utilizzare spray all’etanolo per la decontaminazione dei respiratori N95. D’altra parte, il team ha scoperto che anche la luce ultravioletta ha causato problemi e i respiratori trattati termicamente hanno mostrato un certo grado di problemi dopo tre cicli di decontaminazione, suggerendo che le maschere disinfettate con questi metodi dovrebbero essere riutilizzate solo due volte. Le maschere trattate con VHP hanno mostrato integrità, dimostrando che la maschera può essere riutilizzata tre volte. I ricercatori suggeriscono di utilizzare il perossido di idrogeno vaporizzato o VHP come metodo di decontaminazione poiché è il più efficace. Inoltre, il team ha scoperto che SARS-CoV-2 non poteva più essere rilevato dopo solo un trattamento di 10 minuti. I trattamenti con luce ultravioletta e calore secco possono essere utilizzati purché i metodi vengano applicati per almeno un’ora e le maschere così trattate siano utilizzate solo due volte. Incoraggiano anche tutti coloro che decontaminano la loro maschera N95 a controllare l’adattamento respiratorio prima di ogni riutilizzo.

Vedi anche: COVID 19: le maschere per il viso possono causare danni da pressione

“I dati dei test FIT hanno mostrato una degradazione funzionale da etanolo e decontaminazione UV a diversi livelli. Le maschere trattate con VHP non hanno mostrato cambiamenti significativi nella funzione dopo due trattamenti. Segnaliamo anche un singolo esperimento virucida SARS-CoV-2 utilizzando l’infezione cellulare Vero E6. Speriamo che i nostri dati guideranno ulteriori ricerche per decisioni basate sull’evidenza per il riutilizzo della maschera N95 monouso e aiuteranno a proteggere gli operatori sanitari da SARS-CoV-2 e altri agenti patogeni “, ha concluso il team.
Cosa consiglia il CDC
A causa della scarsità dell’offerta di maschere, in particolare delle maschere N95 utilizzate dagli operatori sanitari, i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) raccomandano una combinazione di approcci per conservare le scorte. Il CDC raccomanda alle istituzioni sanitarie di ridurre al minimo il numero di persone che utilizzano la protezione respiratoria attraverso controlli tecnici e amministrativi, di mettere in atto pratiche per un uso prolungato o di un riutilizzo limitato delle maschere N95, di concentrarsi sull’uso delle maschere per coloro che sono maggiormente a rischio di contrarre l’infezione e usare alternative ai respiratori N95.
Lo studio, tuttavia, ha mostrato modi fattibili per decontaminare queste maschere per il riutilizzo. Questi metodi possono aiutare a risolvere il problema della mancanza di forniture mediche per proteggere gli operatori sanitari.
Fonte: medRxiv

ULTIMI ARTICOLI

Identificata la proteina che causa le convulsioni

Immagine: Public Domain. Gli scienziati, guidati da un ricercatore biomedico dell'Università della California, Riverside, hanno identificato un nuovo meccanismo responsabile dello sviluppo anormale delle connessioni neuronali...

Nuova luce sui meccanismi responsabili dell’emicrania familiare

Immagine: Public Domain. I neuroscienziati dell'Università di Zurigo hanno gettato una nuova luce sui meccanismi responsabili dell'emicrania familiare: hanno dimostrato che una disfunzione genetica in...

L’ananas potrebbe essere una nuova arma contro COVID-19?

Immagine: Public domain. I risultati di una recente ricerca negli Stati Uniti indicano che il gambo di ananas ricco di bromelina può essere utilizzato come agente...

Gli acidi biliari stimolano la rigenerazione intestinale

Immagine:Cripte intestinali di topo. Credito: K. Schoonjans (EPFL). I ricercatori dell'EPFL hanno fatto una scoperta sorprendente su come gli acidi biliari agiscono come molecole di...

L’agenzia europea per i farmaci approva gli steroidi per il trattamento di COVID 19

Immagine:SARS-CoV-2 (mostrato qui in un'immagine al microscopio elettronico). Credito: Istituto nazionale di allergia e malattie infettive, NIH. L'Agenzia europea per i medicinali (EMA), venerdì 18 settembre...