HomeAlimentazione & BenessereSaltare la colazione può portare alla perdita di nutrienti chiave

Saltare la colazione può portare alla perdita di nutrienti chiave

(Colazione-Immagine Credit Public Domain).

“Gli adulti che saltano la colazione rischiano di perdere i nutrienti chiave che sono più abbondanti negli alimenti che compongono i pasti mattutini”, suggerisce un nuovo studio.

Un’analisi dei dati su oltre 30.000 adulti americani ha mostrato che saltare la colazione – e perdere il calcio nel latte, la vitamina C nella frutta e le fibre, le vitamine e i minerali presenti nei cereali fortificati – probabilmente ha lasciato gli adulti a corto di quei nutrienti per il giorno intero. “Quello che stiamo vedendo è che se non mangi i cibi che vengono comunemente consumati a colazione, hai la tendenza a non mangiarli per il resto della giornata. Quindi quei comuni nutrienti per la colazione diventano un divario nutrizionale“, dice Christopher Taylor, autore senior dello studio e Professore Dietetica medica, College of Medicine, Ohio State University.

- Advertisement -

Vedi anche:Colazione abbondante previene l’obesità

Secondo le ultime linee guida dietetiche del Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti, calcio, potassio, fibre e vitamina D sono considerati “componenti dietetici di preoccupazione per la salute pubblica” per la popolazione generale degli Stati Uniti – con aggiunta di ferro per le donne in gravidanza – perché la carenza di tali nutrienti è associata a problemi di salute.

La maggior parte delle ricerche relative alla colazione si è concentrata sugli effetti del pasto mattutino mancato sui bambini a scuola, che include difficoltà di concentrazione e problemi comportamentali.

Taylor ha completato lo studio con gli studenti laureati della Ohio State School of Health and Rehabilitation Sciences Stephanie Fanelli e Christopher Walls. La ricerca, che è stata supportata da un’associazione regionale di prodotti lattiero-caseari, è pubblicata online su Proceedings of the Nutrition Society.

- Advertisement -

Il team ha utilizzato i dati del National Health and Nutrition Examination Survey (NHANES), che raccoglie informazioni sanitarie su un campione rappresentativo a livello nazionale di circa 5.000 persone ogni anno attraverso interviste, test di laboratorio ed esami fisici.

Il campione per questo studio includeva 30.889 adulti di età pari o superiore a 19 anni che avevano partecipato al sondaggio tra il 2005 e il 2016. I ricercatori dello Stato dell’Ohio hanno analizzato i dati dei partecipanti ai richiami dietetici di 24 ore. completati come parte del sondaggio NHANES.

“Durante il richiamo, i partecipanti autodesignano le loro occasioni di mangiare un pasto o uno spuntino e dicono in quale momento hanno mangiato qualunque cibo riferissero”, ha spiegato Fanelli, primo autore dello studio. “È così che abbiamo determinato se qualcuno era un consumatore di colazione o uno skipper della colazione”.

In questo campione, il 15,2% dei partecipanti, o 4.924 adulti, aveva riferito di aver saltato la colazione.

I ricercatori hanno tradotto i dati MyPlate sugli alimenti, in stime dei nutrienti e equivalenti utilizzando il database federale sugli alimenti e i nutrienti per gli studi dietetici e le linee guida dietetiche quotidiane; quindi hanno confrontato tali stime con le assunzioni di nutrienti raccomandate stabilite dal Food and Nutrition Board delle accademie nazionali.

Sulla base di diverse raccomandazioni chiave misurate, da fibre e magnesio a rame e zinco, gli skipper della colazione avevano assunto meno vitamine e minerali rispetto alle persone che avevano fatto colazione. Le differenze erano più pronunciate per folati, calcio, ferro e vitamine A, B1, B2, B3, C e D.

Rispetto al Healthy Eating Index-2015, che valuta quanto un insieme di alimenti si allinea con le raccomandazioni federali, anche gli skipper della colazione avevano una dieta complessivamente di qualità inferiore rispetto a quelli che facevano colazione.

Ad esempio, chi saltava la colazione era più propenso a mangiare più zuccheri aggiunti, carboidrati e grassi totali nel corso della giornata, in parte a causa dei livelli più elevati di spuntini.

“Lo snacking è fondamentalmente contribuire all’apporto calorico di un pasto per le persone che hanno saltato la colazione”, ha detto Taylor. “Le persone che facevano colazione mangiavano più calorie totali di quelle che non facevano colazione, ma il pranzo, la cena e gli spuntini erano molto più grandi per le persone che saltavano la colazione e tendevano ad essere di una qualità alimentare inferiore”.

“Lo studio dimostra che coloro che avevano saltato la colazione avevano un profilo nutritivo diverso dalle persone che facevano colazione”, ha detto il ricercatore. “Il loro modello di assunzione alimentare ha mostrato che il loro consumo alimentare non ha catturato quei nutrienti extra che sostanzialmente hanno perso a colazione”.

ULTIMI ARTICOLI

Saltare la colazione può portare alla perdita di nutrienti chiave

(Colazione-Immagine Credit Public Domain). "Gli adulti che saltano la colazione rischiano di perdere i nutrienti chiave che sono più abbondanti negli alimenti che compongono i...

Carcinoma prostatico: terapia antiandrogena può alimentare le metastasi ossee

(Carcinoma prostatico-Immagine Credit Public Domain). La Dr.ssa Bock, sotto la guida del distinto Professor Dietmar Hutmacher del QUT Center for Biomedical Technologies, ha concentrato la...

Huntington: tra le cause la disfunzione dell’autofagia

(Huntington-Immagine Credit Public Domain). La malattia di Huntington (HD) è una condizione neurodegenerativa progressiva caratterizzata da sintomi motori, cognitivi e psichiatrici e i sintomi motori...

SARS-CoV-2: identificata la conformazione della proteina spike

(SARS-CoV-2-Immagine Credit Public Domain). Ricercatori negli Stati Uniti hanno dimostrato che la proteina spike virale utilizzata da SARS-CoV-2 per infettare le cellule ospiti adotta una conformazione aperta che...

SM: dieta vegetale e microbioma sano per proteggersi dalla malattia

(SM-Immagine Credit Public Domain). Un nuovo studio dell'Università dell'Iowa suggerisce che il metabolismo delle sostanze alimentari a base vegetale da parte di specifici batteri intestinali,...