HomeSaluteOcchiDegenerazione maculare: svolta nella ricerca

Degenerazione maculare: svolta nella ricerca

(Degenerazione maculare-Immagine Credit Public Domain).

Un team di scienziati dell’Università di Manchester ha scoperto che la forma più comune di degenerazione maculare negli adulti è probabilmente causata dall’incapacità di almeno una delle cinque proteine ​​di regolare il sistema immunitario.

La svolta potrebbe un giorno annunciare lo sviluppo di trattamenti trasformativi per lo sviluppo della degenerazione maculare senile (AMD), che colpisce 600.000 persone nel solo Regno Unito.

- Advertisement -

Credito immagine: Università di Manchester

Potrebbe anche emergere un test per determinare quali pazienti sono a rischio di sviluppare la malattia, poiché il team stima che il 40-50% dei pazienti abbia livelli elevati di almeno una delle cinque proteine, anche se resta ancora molto lavoro da fare.

La ricerca, finanziata dal Medical Research Council e dalla collaborazione tra scienziati di Manchester, Londra e Tubinga in Germania, è stata pubblicata sull’American Journal of Human Genetics.

La scoperta di nuovi bersagli farmacologici potrebbe aiutare gli scienziati a sviluppare terapie che riducano i livelli delle cosiddette proteine ​​FHR, e quindi il rischio di sviluppare o esacerbare l’AMD.

- Advertisement -

Gli scienziati sanno da tempo che l’infiammazione nella parte posteriore dell’occhio gioca un ruolo nello sviluppo dell’AMD. Una serie di geni pensati per regolare l’attività della via del complemento – un attore chiave nella nostra difesa immunitaria contro i patogeni – sono stati identificati in precedenti ricerche come candidati che influenzano il rischio di una persona di sviluppare la malattia.

Vedi anche:Degenerazione maculare: scoperta nuova causa

Tuttavia, fino ad ora il ruolo di questi geni – Complement Factor H ( CFH ) e Complement Factor H-Related 1 to 5 ( CFHR-1 to CFHR-5 ) – non è stato chiaro.

Ma studiando i livelli dei prodotti di questi geni – proteine ​​da FH e da FHR-1 a FHR-5 – in 604 campioni di plasma sanguigno utilizzando un metodo chiamato spettrometria di massa, il team è stato in grado di dimostrare per la prima volta che tutte e cinque le proteine ​​FHR sono a livelli più alti nelle persone con AMD rispetto a quelle senza.

Parte del sistema immunitario innato, il percorso del complemento è la nostra prima linea di difesa contro le infezioni e libera le cellule danneggiate contrassegnandole per la distruzione e reclutando e attivando altre cellule immunitarie. Nell’AMD, la via del complemento è iperattivata nella parte posteriore dell’occhio, favorendo una risposta infiammatoria inappropriata e dannosa.

Il Dottor Richard Unwin dello Stoller Biomarker Discovery Center dell’Università di Manchester ha dichiarato: “Questo è uno studio estremamente importante per le persone con AMD. La misurazione dei livelli di queste proteine ​​FHR è stata una grande sfida negli ultimi anni ed è tecnicamente piuttosto impegnativa in quanto sono presenti a bassi livelli nel sangue e sono molto simili tra loro.

“Utilizzando metodi di spettrometria di massa all’avanguardia ora possiamo misurare con sicurezza queste proteine ​​e mostrare per la prima volta un fattore importante, se non il più importante, nel modo in cui si sviluppa l’AMD.

“Questo apre aree completamente nuove per migliorare la cura del paziente, attraverso lo sviluppo di nuovi trattamenti mirati a queste proteine ​​o semplicemente monitorando i livelli per scoprire chi ha livelli più alti di attivazione del complemento e come tale trarrà beneficio dai trattamenti che modificano il complemento. È importante sottolineare che è necessario condurre studi nel tempo prima di poter affermare con autorità che queste proteine ​​sono in grado di prevedere il rischio di degenerazione maculare – e ciò richiederà tempo. Siamo fiduciosi dei nostri risultati: un secondo studio della Dott.ssa Laura Lorés-Motta e della Prof.ssa Anneke den Hollander presso la Radboud University nei Paesi Bassi è arrivato in parallelo alla stessa conclusione sulle proteine ​​FHR utilizzando una tecnica di misurazione diversa”.

Nelle sue fasi iniziali, l’AMD inizia a danneggiare la parte posteriore dell’occhio formando depositi, dopodiché i pazienti sviluppano due forme di malattia: l’AMD umida o secca. Ma la squadra spera che intervenire in una fase iniziale possa fermare la sua progressione.

La Dr.ssa Valentina Cipriani, docente di Statistical Genomics presso la Queen Mary University di Londra che ha guidato l’analisi dei dati, ha dichiarato: “Per oltre 15 anni l’attenzione per l’AMD si è concentrata sul fattore H del complemento e sulla sua proteina FH. La nostra analisi punta chiaramente oltre FH. Utilizzando un approccio chiamato studio di associazione genome-wide che esamina le varianti genetiche nei genomi delle persone con e senza la malattia, siamo stati in grado di identificare varianti genetiche che determinano sia livelli di proteina FHR più elevati sia un aumento del rischio di AMD”.

Il Professor Simon Clark, Helmut Ecker Endowed Professor di AMD presso la Eberhard Karls University di Tübingen, che ha co-supervisionato il lavoro, ha dichiarato: “Questo studio segna davvero un cambiamento nella nostra comprensione dei meccanismi alla base di specifici tipi di AMD. Fa seguito alla nostra scoperta originale dell’anno scorso intorno a FHR-4, ma mentre tutti i livelli più alti di almeno una delle cinque proteine ​​​​FHR sono ora noti per essere associati al rischio di AMD, non tutti i pazienti avranno la loro malattia guidata da questa via. Pertanto, essere in grado di misurare queste proteine ​​nel sangue dei pazienti sarà fondamentale per identificare i pazienti che reagiranno alle terapie mirate alla FHR in futuro“.

Fonte: Università di Manchester

 

ULTIMI ARTICOLI

Neuroblastoma: identificato il tallone di Achille

(Neuroblastoma-Immagine:cellule di neuroblastoma ingrandite. Credito: Baylor College of Medicine). Il neuroblastoma, un cancro infantile che si sviluppa dalle cellule neurali delle ghiandole surrenali, rappresenta il...

Come l’epatite E inganna il sistema immunitario

(Epatite E-Immagine Credit Public Domain). Ogni anno oltre 3 milioni di persone vengono infettate dal virus dell'epatite E. Finora non è disponibile alcun trattamento efficace. Un team...

IBD: integratore di clorofillina e verdure verdi alleviano la malattia intestinale

(Integratore di clorofillina-Immagine Credit Public Domain) L'integratore di clorofillina allevia le malattie infiammatorie intestinali (IBD), tra cui il morbo di Crohn e la colite ulcerosa,...

SARS-CoV-2: come il trattamento antivirale promuove l’emergere di nuove varianti

I pazienti con infezioni prolungate contribuiscono all'emergere di nuove varianti di SARS-CoV-2?  Un gruppo di ricerca del Leibniz Institute of Virology (LIV) e dell'University Medical...

Alzheimer: la Rapamicina induce un aumento delle beta amiloide

(Alzheimer-Immagine Credit Public Domain). La somministrazione orale di Rapamicina a un modello murino di malattia di Alzheimer induce un aumento delle placche proteiche beta (β)-amiloide, secondo...