Il ruolo delle proteine ​​nello sviluppo del lupus

Gli scienziati della Northwestern Medicine hanno dimostrato che il lupus è causato dalla perdita di una proteina chiamata Bim nei macrofagi – un tipo di cellula immunitaria – che porta allo sviluppo di una malattia simile al lupus nei topi.

I risultati dello studio, pubblicati sul Journal of Experimental Medicine, suggeriscono che Bim potrebbe essere un nuovo bersaglio terapeutico per il lupus eritematoso sistemico nell’uomo.

Harris Perlman, capo della Reumatologia nel Dipartimento di Medicina e Carla M. Cuda, ricercatore universitario di Medicina nella Divisione di Reumatologia, sono co-autori senior dello studio.

( Vedi anche: Lupus eritematoso: sorprendente legame tra infiammazione e malattie mentali).

“Il nostro studio è il primo a suggerire un ruolo essenziale di Bim nei monociti e nei macrofagi, nello sviluppo di una malattia simile al lupus nei topi”, ha detto Perlman.

Il lupus eritematoso sistemico, comunemente chiamato lupus, è una malattia infiammatoria cronica in cui il sistema immunitario attacca erroneamente il proprio tessuto sano, inclusi gli organi interni. La causa del lupus è sconosciuta.

Una teoria prevalente è che l’autoimmunità sistemica osservata nel lupus è indotta da anomalie nell’apoptosi, il processo di morte cellulare programmata, così come nella clearance di queste cellule apoptotiche.

La proteina Bim, che è espressa nelle cellule immunitarie, è coinvolta nel percorso di morte cellulare. Precedenti studi hanno dimostrato che i topi privi del gene che codifica per Bim sviluppano una malattia simile al lupus entro 12 mesi.

Ma non era chiaro quale tipo di cellula immunitaria fosse più importante per lo sviluppo del lupus.

“Il dogma originale suggeriva che nello sviluppo del lupus fossero coinvolti i linfociti, le cellule T e B”, ha spiegato anche la Prof.ssa di Medicina Mabel Greene Myers. “Ma le terapie che hanno provato a colpire le cellule T e B sono tutte fallite, quindi abbiamo pensato che dovevamo rivolgerci a qualche altro tipo di cellula immunitaria”.

Nel presente studio, gli scienziati hanno studiato l’inattivazione di Bim in una popolazione diversa: i macrofagi e loro precursori, i monociti. I macrofagi sono un tipo di cellula immunitaria nel tessuto che riconosce e digerisce le cellule bersaglio, oltre a produrre citochine infiammatorie.

Gli scienziati hanno scoperto che quando il gene che codifica per BIM è stato rimosso nei monociti e macrofagi, i topi ha sviluppato una malattia  simil-lupus a differenza di quando lo stesso gene è stato eliminato nelle cellule immunitarie T o B.

I risultati suggeriscono per la prima volta che Bim può svolgere un ruolo nel controllo della funzione dei macrofagi e potrebbe essere un obiettivo per nuovi trattamenti.

Lo studio ha anche identificato una firma genica indicativa del lupus nei macrofagi renali dei topi. Nelle ricerche future, il team intende indagare su questa stessa firma genica negli esseri umani. “L’obiettivo è quindi determinare se possiamo scoprire nuove terapie che potrebbero essere importanti per il trattamento di questi pazienti”, ha detto Perlman, anche lui membro del Centro per il cancro Robert H. Lurie della Northwestern University.

Il team sta anche studiando se lo stesso sistema è coinvolto nel lupus neuropsichiatrico, una delle principali comorbilità. ” Il lupus è estremamente eterogeneo in termini di quanti sistemi sono interessati e quali sintomi presentano i pazienti”, ha spiegato Cuda. “Quindi un importante passo successivo è vedere quanti altri tipi di manifestazioni della malattia possiamo utilizzare per questo modello, in termini di comprensione dell’impatto specifico di Bim nei macrofagi”.

Fonte:JEM