Nuove e indicazioni sulle origini del lupus eritematoso sistemico

lupus eritematoso sistemico

Nuove ricerche sulla malattia autoimmune del lupus eritematoso sistemico (SLE) forniscono suggerimenti sulle origini di questo disturbo enigmatico.

I risultati dello studio sono stati pubblicati su Nature Immunology.

Nelle persone con lupus eritematoso sistemico, le cellule B – parte del sistema immunitario – sono attivate in modo anormale e producono anticorpi che reagiscono contro i loro stessi tessuti, causando una varietà di sintomi, come affaticamento, dolori articolari, eruzioni cutanee e problemi ai reni.

Gli scienziati della Emory University School of Medicine hanno dimostrato che nelle persone con SLE i segnali che guidano l’espansione e l’attivazione della malattia sono presenti in uno stadio precedente di differenziazione delle cellule B, rispetto a quanto precedentemente apprezzato. Hanno identificato modelli di attività genica che potrebbero essere utilizzati come biomarcatori per lo sviluppo della malattia.


Altri articoli su lupus eritematoso sistemico