HomeSaluteCuore e circolazioneRosuvastatina di gran lunga superiore a sei comuni integratori per la salute...

Rosuvastatina di gran lunga superiore a sei comuni integratori per la salute del cuore

(Rosuvastatina-Immagine Credit Public Domain).

Alle sessioni scientifiche 2022 dell’American Heart Association, i ricercatori discutono delle loro scoperte secondo cui sei integratori alimentari ampiamente utilizzati, spesso pubblicizzati per promuovere la salute del cuore, sono in realtà inefficaci nell’abbassare i livelli di colesterolo rispetto agli effetti provocati dalle statine.

Molti integratori alimentari sono pubblicizzati come “salutari per il cuore” grazie alla loro capacità di ridurre i livelli di colesterolo. Nonostante la mancanza di dati sufficienti a sostegno di queste affermazioni, molte persone assumeranno questi integratori e crederanno che siano altrettanto efficaci, se non più efficaci, dei farmaci per la gestione del colesterolo che sono stati approvati per l’uso dalla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti.

- Advertisement -

Nel tentativo di comprendere meglio la vera efficacia di questi integratori rispetto a una statina a basso dosaggio, i ricercatori del presente studio hanno condotto uno studio clinico randomizzato, in singolo cieco che includeva rispettivamente Rosuvastatina e placebo come controlli positivi e negativi, così come olio di pesce, cannella, aglio, curcuma, steroli vegetali e integratori di riso rosso fermentato.   

Per 28 giorni, i partecipanti allo studio sono stati assegnati in modo casuale a ricevere il placebo, 5 mg di rosuvastatina, 2.400 mg di olio di pesce, 2.400 mg di cannella, 5.000 µg di aglio, 4.500 mg di curcuma, 1.600 mg di steroli vegetali o 2.400 mg di rosso lievito.

Risultati dello studio

Nell’attuale studio intitolato Supplements, Placebo or Rosuvastatin Study (SPORT), i ricercatori hanno analizzato i dati di 199 adulti altrimenti sani di età compresa tra 40 e 75 anni senza precedenti di malattie cardiovascolari. Al basale, i livelli di LDL dei partecipanti variavano tra 70 e 189 mg/dL ed erano associati a un rischio del 5-20% di sviluppare malattie cardiovascolari aterosclerotiche entro i successivi dieci anni.

Alla fine del periodo di studio, i ricercatori hanno osservato che i destinatari di statine hanno sperimentato una riduzione media del 37,9% nei loro livelli di LDL. Al contrario, tutti i destinatari di integratori alimentari hanno mostrato livelli di LDL paragonabili a quelli dei destinatari del placebo. In particolare, i livelli di colesterolo HDL sono aumentati nei destinatari di integratori di aglio rispetto al gruppo placebo.

- Advertisement -

Vedi anche:Colesterolo alto: le persone sane non traggono beneficio dalle statine

Inoltre, i destinatari di Rosuvastatina hanno mostrato una riduzione del 19% dei livelli di trigliceridi nel sangue, mentre il placebo e tutti i destinatari di integratori alimentari non hanno mostrato alcuna differenza nei loro livelli di trigliceridi entro il giorno 28.

I livelli di colesterolo HDL non sono aumentati né diminuiti dopo il trattamento con le statine. Tuttavia, è stato riscontrato che gli steroli vegetali riducono i livelli di colesterolo HDL rispetto ai destinatari del placebo.

Le statine, il placebo e tutti gli integratori alimentari non hanno avuto un impatto significativo sui livelli di marcatori infiammatori nel sangue durante il periodo di studio.

Nonostante i benefici di protezione del cuore commercializzati da molti integratori alimentari, è improbabile che questi integratori abbiano un impatto significativo sui livelli di colesterolo.

Tuttavia, rimane fondamentale che le persone seguano una dieta ricca di nutrienti e che promuovano uno stile di vita salutare per il cuore per ridurre il rischio di malattie cardiovascolari. Oltre a mangiare vari cibi con moderazione, l’American Heart Association sottolinea anche l’importanza di un’attività fisica da lieve a moderata, in particolare per chi ha la pressione alta e livelli di colesterolo elevati.

I ricercatori osservano che è possibile che alcuni integratori richiedano una durata di consumo più lunga per avere un impatto significativo sui livelli di colesterolo. Pertanto, sono necessari studi futuri per determinare i potenziali effetti a breve e lungo termine di questi e altri integratori alimentari sui livelli di colesterolo.

Fonte:Newsroomhearth

ULTIMI ARTICOLI

Encefalite anti-NMDA: curato con successo un bambino affetto da questa malattia misteriosa

Encefalite anti-NMDA-Immagine Credit  Rutgers University.  Un bambino che soffriva di encefalite anti-NMDAR (recettore N-metil-D-aspartato), una disfunzione cerebrale rara e difficile da diagnosticare, è stato curato...

Depressione: sviluppato un antidepressivo nuovo e migliore

Depressione-Immagine Credit Public Domain. I farmaci antidepressivi attualmente disponibili hanno effetti collaterali spiacevoli, proprietà di dipendenza o possono indurre la schizofrenia. Lo sviluppo di antidepressivi a...

Cancro del pancreas: nuovo trattamento dissolve il cancro nell’80% dei casi

Cancro del pancreas-Immagine Credit Scitechdaily Il nuovo approccio, che combina farmaci chemioterapici tradizionali con un nuovo metodo di irradiazione del cancro del pancreas, è risultato...

Memoria a breve termine: la terapia laser la migliora

Memoria-Immagine Credito: Pixabay/CC0 Dominio pubblico. La laser terapia ha dimostrato di essere efficace nel migliorare la memoria a breve termine in uno studio pubblicato su...

Carne di organi e frattaglie sono sane da mangiare?

Sebbene la maggior parte delle persone mangi raramente frattaglie, ovvero carne di organi, in realtà sono ricche di importanti vitamine, minerali e micronutrienti che possono...