HomeSaluteRemdesivir, pensato per Ebola, efficace contro un enzima chiave di SARS-CoV-2

Remdesivir, pensato per Ebola, efficace contro un enzima chiave di SARS-CoV-2

Immagine: CCO Public Domain

Gli scienziati dell’Università di Alberta hanno dimostrato che il farmaco Remdesivir, originariamente pensato per Ebola, è altamente efficace nel bloccare il meccanismo di replicazione del coronavirus SARS-CoV-2.

La nuova ricerca è stata pubblicata oggi dal Journal of Biological Chemistry.

L’articolo segue da vicino le ricerche pubblicate dallo stesso Laboratorio alla fine di febbraio che hanno dimostrato come il farmaco ha funzionato contro il virus della sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS), un coronavirus correlato. “Eravamo ottimisti sul fatto che avremmo visto gli stessi risultati contro il virus SARS-CoV-2“, ha detto Matthias Götte, Presidente della microbiologia medica e dell’immunologia presso l’ Università di Alberta.
“Abbiamo ottenuto risultati quasi identici a quanto riportato in precedenza con MERS, quindi abbiamo dimostrato che Remdesivir è un inibitore molto potente della polimerasi del coronavirus SARS-CoV-2“. Il nuovo documento di Götte spiega come Remdesivir, sviluppato nel 2014 per combattere l’epidemia di Ebola, funzioni in dettaglio. Paragona la polimerasi al motore del virus, responsabile della sintesi del genoma del virus. “Se prendi di mira la polimerasi, il virus non può diffondersi, quindi è un obiettivo molto logico per il trattamento“, ha detto Götte.
Il lavoro del laboratorio mostra come Remdesivir inganna il virus imitando i suoi “mattoni”.
“Queste polimerasi del coronavirus vengono ingannate, quindi l’inibitore viene incorporato molte volte e il virus non può più replicarsi“, ha spiegato Götte. Le sperimentazioni del suo gruppo, insieme a studi precedentemente pubblicati su modelli di colture di animali e cellule, significano che Remdesivir può essere classificato come “antivirale ad azione diretta” contro SARS-CoV-2, un termine usato per descrivere le classi più recenti di antivirali che interferiscono con fasi specifiche del ciclo di vita del virus dell’epatite C (HCV).
La scoperta di quell’azione diretta rafforza la promessa di studi clinici per Remdesivir in pazienti COVID-19, che sono già in corso in tutto il mondo. Götte ha affermato che l’evidenza giustifica gli studi clinici, ma ha ammonito che i risultati ottenuti in laboratorio non possono essere utilizzati per prevedere come il farmaco funzionerà con le persone.
Dobbiamo essere pazienti e attendere i risultati degli studi clinici randomizzati”, ha affermato Götte, la cui ricerca è stata finanziata dal Canadian Institutes of Health Research, dal Major Innovation Fund di Alberta e da Gilead Sciences, che produce Remdesivir.
Il laboratorio di Götte aveva precedentemente lavorato sul virus dell’immunodeficienza umana (HIV) e sull’HCV, ma un paio di anni fa è passato a concentrarsi su virus con il più alto potenziale epidemico. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha pubblicato il suo elenco dei principali agenti patogeni che potrebbero causare gravi focolai, tra cui Ebola, Lassa e Coronavirus, nel 2015. “In questo senso eravamo preparati perché il mio laboratorio è specializzato in polimerasi virali“, ha detto Götte, aggiungendo che il suo prossimo passo sarà quello di utilizzare gli strumenti del suo laboratorio per valutare altri promettenti antivirali. Götte è ottimista sul fatto che la quantità senza precedenti di ricerche in corso in tutto il mondo e l’alto livello di cooperazione tra i ricercatori porterà alla scoperta di uno o più trattamenti efficaci per COVID-19.
Remdesivir è uno dei numerosi farmaci in fase di accelerazione negli studi condotti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, che confrontano i potenziali trattamenti di pazienti COVID-19 ospedalizzati in una dozzina di paesi, incluso il Canada. Götte ha affermato che possiamo aspettarci risultati da importanti studi clinici già ad aprile o maggio. Götte ha affermato che è deludente che gli antivirali scoperti al momento dell’epidemia della sindrome respiratoria acuta grave (SARS) del 2003 – che avrebbe potuto essere efficace anche contro COVID-19 – non siano mai stati tradotti in trattamenti ampiamente disponibili, in gran parte a causa dell’enorme costo che comporta lo sviluppo di nuovi farmaci.
“Questa volta è ovvio che dobbiamo tagliare il traguardo. Dieci miliardi di dollari, sembrano molti, una quantità enorme”, ha detto Götte. “Ma nel contesto di questa pandemia e dei costi associati a questa pandemia, non sono niente”.

ULTIMI ARTICOLI

Cancro del polmone: quando la radioterapia fallisce

(Cancro del polmone-Immagine: a sinistra, un adenocarcinoma colorato del polmone. La sezione B ingrandita mostra tessuto polmonare sano, la sezione C ingrandita un adenocarcinoma. La...

Malattia di Krabbe: i neuroni possono provocare la propria distruzione

(Malattia di krabbe-Immagine: il Dottor Daesung Shin (a sinistra) e uno studente laureato Jacob Favret (a destra) discutono della neurodegenerazione riscontrata nel modello della...

Antidolorifici: in che modo bloccano il dolore?

(Antidolorifici-Immagine Credit Public Domain). Sebbene il dolore possa essere orribile, ha uno scopo utile. Senza la capacità di provare dolore, la vita è più pericolosa....

Antichi microbi possono aiutarci a trovare forme di vita extraterrestri

Utilizzando proteine ​​che catturano la luce nei microbi viventi, gli scienziati hanno ricostruito com'era la vita per alcuni dei primi organismi della Terra. Questi sforzi potrebbero...

Alimenti geneticamente modificati: chi si fida?

Attraverso CRISPR e altre tecnologie di modifica genetica, ricercatori e sviluppatori sono pronti a portare dozzine - se non centinaia - di nuovi prodotti nei...